lunedì, febbraio 25, 2019

rousseau, formaggio svizzero



La qualita' dei grillini, quelli che mettono in dubbio come si fa una frazione, si sottolinea bene con la loro insistenza nel proclamare sempre cose gia' dimostrate come errate.

Infatti da bravi antivax quali sono non danno retta agli informatici che dicono una cosa banale:  
le votazioni online non si possono fare.
Fatta la domanda ad un informatico la cosa dovrebbe essere finita.

Incredibilmente, invece,  sono pure auto-consacranti:
nonostante la manifesta incapacita' del sitarello di meDDa nel fare qualunque cosa continuano ad usarlo. 
Errare e' umano, perseverare e' diabolico, continuare a perseverare e' da malati mentali. 

la follia, ossia eccessiva irrazionalità, ha dinamiche latenti e proprie logiche che portano il malato a ripetere piu' volte lo stesso percorso sperando che dia un effetto diverso dai precedenti. 
Esattamente il comportamento grillino.

Voglio dire: ha gia' fallito INNUMEREVOLI volte. Qui trovate la storia.
Anche fossero stupidamente convinti che votare online sia fattibile, prima di farlo, sarebbe il caso di rifare da zero la cosa.
Se avere dato una martellata all'uovo e si e' spetasciato. Lo avete rifatto e il martello ha nuovamente disintegrato l'uovo. Alla SESTA volta dovete rifare nuovamente l'operazione martellata dicendo a tutti che questa volta e' quella buona e che il martello non rompera' l'uovo?
I grillini vanno di martello per l'ennesima volta garantendo che l'uovo continua ad essere intatto, sono folli.

Il sito continua a spetasciarsi a terra anche nel 2019 con risultati che, se fossero per miss maglietta bagnata, sarebbero pure divertenti. 
Purtroppo si sta parlando del futuro del governare 60.000.000 di persone e diventa tragico pensare che si va ad elezioni o meno usando un giocattolo erotico come faro di democrazia.

Cosi' viene da chiedersi perche' non si sia posto rimedio. Basterebbero poche migliaia di euro per renderlo meno ridicolo, per quanto le votazioni online siano impossibili per definizione.

E qui arriva il giallo:


L'associazione Rousseau usufruisce di 90.000 euro di soldi "pubblici" , versati dai parlamentari dai loro stipendi, dal mese di Marzo 2018. Quindi ha ottenuto circa un milione di euro per implementare la piattaforma. Ad oggi non è dato di avere né una fattura o una ricevuta del versamento né un rendiconto puntuale di come sono stati impiegati questi soldi. Almeno dovrebbe funzionare come un orologio svizzero. Non riesco neanche a connettermi.
tutti i mesi verso 300 euro e chiedo gentilmente, internamente, una fattura e il rendiconto. Mai ottenuto risposta . Quindi astenersi dal dire "i panni sporchi si lavano in casa" o "questi discorsi fateli internamente" perché non funziona.

Elena Fattori Senatore della Repubblica Italiana. Cavolo si e' acceso un neurone in un grillino!

un realta' il sito ha incassato non 90KE, ma, rullo di tamburi, 400KE.
400KEuri e ancora oggi con quattro babbi che vanno sul sito crolla per ore?

Se si vanno a vedere i conti qualcosa non torna.

nel 2017 Rousseau ha impiegato
4 persone part time,
2 full time,
uno stagista e
un collaboratore coordinato e continuativo

Da come e' messo questi, che sono praticamente 3 stipendiati, uno boh e uno che porta il caffe e risponde al telefono. 
Hanno dovuto scrivere articoli, curare la grafica, gestire il customer care e... fine. 
Perche con quel personale non puoi fare altro per siti con cotanta produzione.
Perche, ricordiamo le puntate precedenti: questi dovevano: mandare gliu' i server, riscrivere da zero mezzo sito in tempi brevi, far partire il tutto.
Con 3 persone non ci riesci.
Come hanno speso i soldi?
Semplice, hanno usato i soldi per altro.
Stando ad alcuni, per pagare cause e costi della casaleggio. Dopotutto i grillini sono una SRL e come tale va pagata.

Nonostante le porcate, ricordate anche sopra, il ministro dei Trasporti Danilo Toninelli, dimostrando di non sapere nulla del sito, ha provato a rassicurare gli iscritti smutandati dal partito.
“Tutte le votazioni di Rousseau sono certificate da un ente esterno“.

Qualcuno ha timidamente chiesto, visto che precedentemente non vi era certificazione alcuna come dimostrato anche su questo blog un paio di volte, al ministro chi e cosa certificasse.
Drammatica la risposta: “Il nome non lo so ma è sempre stato così“.
Ricordiamo che l'unica cosa che si puo' certificare e' lo status presente del database?

Danilo Toninelli o ci prende per il rame-lutezio o e' un deficiente.
Scegliete voi. 
Io sarei dell'opinione che il latino fa male soprattutto se accompagnato dalla met.

Giusto per capire a che livello siamo arrivati lo scorso maggio il capo dei grilli, Casaleggio,  assicurò:
«Stiamo lavorando su un sistema di certificazione distribuito su blockchain»

Cioe', abbiamo problemi di costi perché non vogliamo fare manutenzione e tiriamo su un sistema che per singolo voto ci costa un bel mezzo euro di “gas” ovvero un 20.000E a votazione rendendo pubblico il voto?
Ci volete veramente prendere per il rame-lutezio proprio tutti?
La prossima cosa inventate? Stampare in tempo reale il voto con nome e cognome all'interno di una stanza aperta al pubblico per favorire il conteggio?

Ma non siamo ancora arrivati in vetta all'everest delle mincxiate. 
L'informatica questa sconosciuta ai grillini miete una nuova vittima:
Stefano Patuanelli (M5S) sul voto su Rousseau intervistato in una trasmissione:
"Hanno votato 53.000 persone, non esistono sistemi che riescano a gestire una mole così alta di accessi"

ripetete in coro con me “non esistono sistemi che riescano a gestire una mole così alta di accessi"
  
Siete riusciti a non ridere?
il tizio dovrebbe essere ingegnere edile, ma non sa accendere un foxxuto pc. 
La sua prossima potrebbe essere di eliminare i limiti di velocita' perche non esistono auto che vanno piu di 30Kmph.
Hai fatto ingegneria come “il trota”? 
Perche e' quello che mi viene in mente. Povero trota, al confronto dei grillini e' una grande mente.

Giusto per capirci per i non addetti ai lavori, una chicca per gli altri: con un singolo server del 1999, un dual PIII che oggi viene sverniciato da un telefono cellulare medio, sul demauro venivano consultati tra i 200 e i 250mila lemmi al giorno da circa 17mila utenti unici.
Oltretutto mi deve spiegare se “non esistono sistemi che riescano a gestire una mole così alta di accessi" come caxxo fa FB con i miliardi di accessi, idem instagram o google.
Diciamo che stiamo dicendo un mare di caxxate?

Ricordiamo inoltre che il sito NON e' del partito M5S ma e' di quattro signori che si chiamano Davide Casaleggio, Massimo Bugani, Pietro Dettori e Enrica Sabatini.
Stupiti?
Se il partito dovesse avere idee difformi rispetto a questi signori cosa succederebbe, 4 tizi possono ricattare un partito al governo?
COOOL.
A dimostrazione dell'incapacita' di intendere o volere Casaleggio rilascia un'intervista nella quale si pasce del risultato, come se il sito non si fosse schiantato e che fosse filato tutto bene. 

infatti il signor casaleggio, che ricordiamo non e' del governo, rilascia interviste al corrierone a come portavoce politico.
Come dire che enel possa essere intervistata come portavoce di fiat.

"Il pranzo con Beppe Grillo e Luigi Di Maio e' andato bene.Abbiamo parlato a tutto tondo del Movimento"
 CVD

 «No, non ci stiamo trasformando in un partito Questa è una semplificazione giornalistica che spesso abbiamo visto negli anni»

Nitrisce come un cavallo, mangia come un cavallo, puzza come un cavallo,  tira calessi come un cavallo, ma... non e' un cavallo.
Cosa sia non si sa'.
Il giornalista tonto non chiede neppure se una struttura al governo con iscritti, donazioni, un capo del partito, che fa lottizzazioni di potere con gli atri partiti nelle aziende controllate (es RAI) come lo chiama, e se lo chiama diversamente, in cosa consiste fattivamente la differenza.

 «Noi continuiamo a votare una volta ogni venti giorni, credo sia un record mondiale per la partecipazione degli attivisti. Probabilmente aumenteremo ancora di più, ma la partecipazione mi sembra abbastanza alta dal punto di vista del coinvolgimento degli iscritti. L’utilizzo di Rousseau sicuramente aumenterà».

Tutte le volte che i votanti superano la soglia dello 0,0008% degli aventi diritto in italia, e se il 30% sono grillini, come da votazioni nazionali, parliamo dello 0,003% dei grillini, il sito va giu'.
ripetete: " la partecipazione mi sembra abbastanza alta" senza ridere.
In pratica il sito registra come volontà assoluta del movimento del rumore statistico... se funzionasse.
Qualcuno spiega che per una serie di ragion statistiche quello non e' la volonta' del popolo ne la volonta' del grillino medio (inteso chi ha avuto la disgraziata idea di votarlo).
Inoltre il fatto che vada giu' peggiora le cose. Il contenuto di quei dati e' quello del vostro cervello dopo che vi lanciate dall'aereo dimenticandovi il paracadute: poltiglia.


"I casi sono due: o il Movimento 5 Stelle non è quello di 10 anni fa oppure di deve supporre che i risultati siano truccati.
Io non credo nelle manipolazioni del voto: non sono capaci di far funzionare quel sitarello, figuriamoci di truccare il db.
Fermo restando,  che questo voto ha valore zero. I ripetuti errori database da soli avrebbero dovuto invalidare tutto. Facciamo finta peró che siano distribuiti uniformemente"
Marco Canestrari ex dipendente casaleggio.


Finito?
no, certo.

La cosa che continua a stranirmi forte forte e' che nessuno rida di queste colossali cose.
Se Berlusconi avesse fatto un sito del genere immagino che ad ogni debacle i giornali e il popolino ne avrebbero parlato per mesi, di fatto ininterrottamente. 
Voglio dire, di fronte ad un probabile lapsus di dire cellula anziche' atomo lo hanno denigrato per un semestre.
Questi idioti  tutti i giorni, e rimane SCRITTO sul sitarello, confondono "sito" con "sistema operativo". 
Per una roba cosi' crozza dovrebbe fare un telethon intero e repubblica&c fare la prima pagina per settimane finche' non smettono.

Qui e' chiaro, non ci sono interpretazioni, e' matematica, continuano a cadere nel buco che hanno appena scavato come le comiche anni 30 di buster keaton e nessuno ne parla, solo qualche trafiletto? 

Voglio dire: e' stato praticamente votato se il governo dovesse proseguire o meno, non se se nel grande fardello deve rimanere imbornito coatto o coscialunga truzzona e la votazione e' andata tanto male da mandar giu' il sistema rendendo inconsistenti statisticamente i dati.
Nessuno ha veramente da dire qualcosa?
come puo' succedere questo silenzio?

Io non riesco neppure a capirlo questo accondiscendere, anche ammettendo l'incapacità dei giornalisti, e' troppo forte. E voi lo avete capito?

sabato, febbraio 23, 2019

appena atterri



appena atterri dopo aver percorso 4 aeroporti e arrivi nel terzo mondo aeroportuale italico ti senti subito a casa.
Il nostro biglietto da visita.
Almeno quest'anno non ho trovato il fil di ferro per tirare lo sciacquone.

mercoledì, febbraio 20, 2019

raccolta storia del tv



raccolgo i post della storia dei TV per chi non li ha letti cosi' che possa avere una lettura sequenziale e scoprire che i videoproiettori erano il futuro degli anni 40,  gli schermi piatti esistevano negli anni 60 e la tv in "alta definizione" e' la definizione del NUOVO standard inglese ben antecedente.

In pratica una corsa epica, con novita' VERE annuali fino all'arrivo dei cinokorea nella fine anni 90. 
Da allora un trascinarsi con etichette da appiccicare sul mobiletto, la morte di tecnologie non piu' usate dal mainstream e non piu' sostituite da novita'.

http://allarovescia.blogspot.com/2016/04/tv-story-start.html

http://allarovescia.blogspot.com/2016/04/tv-story-1926.html

http://allarovescia.blogspot.com/2016/04/tv-story-1927.html

http://allarovescia.blogspot.com/2016/04/tv-story-1928.html

http://allarovescia.blogspot.com/2016/04/tv-story-1930.html

http://allarovescia.blogspot.com/2016/05/tv-story-1932.html

http://allarovescia.blogspot.com/2016/05/tv-story-1934.html

http://allarovescia.blogspot.com/2016/05/tv-story-1935.html

http://allarovescia.blogspot.com/2016/05/tv-story-1936.html

http://allarovescia.blogspot.com/2016/05/tv-story-1937.html

http://allarovescia.blogspot.com/2016/05/tv-story-1939.html

http://allarovescia.blogspot.com/2016/06/tv-story-1942.html

http://allarovescia.blogspot.com/2016/06/tv-story-1948.html

http://allarovescia.blogspot.com/2016/06/tv-story-1949.html

http://allarovescia.blogspot.com/2016/06/tv-story-1951.html

http://allarovescia.blogspot.com/2016/06/tv-story-1952.html

http://allarovescia.blogspot.com/2016/06/tv-story-1953.html

http://allarovescia.blogspot.com/2016/07/tv-story-1954.html

http://allarovescia.blogspot.com/2016/07/tv-story-1956.html

http://allarovescia.blogspot.com/2016/07/tv-story-1961.html

http://allarovescia.blogspot.com/2016/07/tv-story-1962.html

http://allarovescia.blogspot.com/2016/07/tv-story-1963.html

http://allarovescia.blogspot.com/2016/08/tv-story-1965.html

http://allarovescia.blogspot.com/2016/08/tv-story-1966.html

http://allarovescia.blogspot.com/2016/08/tv-story-1968.html

http://allarovescia.blogspot.com/2016/08/tv-story-1970.html

http://allarovescia.blogspot.com/2016/09/tv-story-1972.html

http://allarovescia.blogspot.com/2016/09/tv-story-1974.html

http://allarovescia.blogspot.com/2016/09/tv-story-1975.html

http://allarovescia.blogspot.com/2016/09/tv-story-1976.html

http://allarovescia.blogspot.com/2016/09/tv-story-1977.html

http://allarovescia.blogspot.com/2016/09/tv-story-1978.html

http://allarovescia.blogspot.com/2016/10/tv-story-1979.html

http://allarovescia.blogspot.com/2016/10/tv-story-1980.html

http://allarovescia.blogspot.com/2016/10/tv-story-1982.html

http://allarovescia.blogspot.com/2016/10/tv-story-1983.html

http://allarovescia.blogspot.com/2016/10/tv-story-1984.html

http://allarovescia.blogspot.com/2016/10/tv-story-1985.html

http://allarovescia.blogspot.com/2016/11/tv-story-1986.html

http://allarovescia.blogspot.com/2016/11/tv-story-1987.html

http://allarovescia.blogspot.com/2016/11/tv-story-1988.html

http://allarovescia.blogspot.com/2016/11/tv-story-1990.html

http://allarovescia.blogspot.com/2016/11/tv-story-1993.html

http://allarovescia.blogspot.com/2016/11/tv-story-1994.html

http://allarovescia.blogspot.com/2016/11/tv-story-1995.html

http://allarovescia.blogspot.com/2016/11/tv-story-1996.html

http://allarovescia.blogspot.com/2016/12/tv-story-1997.html

http://allarovescia.blogspot.com/2016/12/tv-story-2001.html

http://allarovescia.blogspot.com/2016/12/tv-story-2003.html

http://allarovescia.blogspot.com/2016/12/tv-story-2005.html

http://allarovescia.blogspot.com/2016/12/tv-story-2007.html

http://allarovescia.blogspot.com/2016/12/tv-story-2010.html

http://allarovescia.blogspot.com/2017/01/tv-story-2013.html

http://allarovescia.blogspot.com/2017/01/tv-story-2014.html

http://allarovescia.blogspot.com/2017/01/tv-story-2015.html

http://allarovescia.blogspot.com/2017/01/tv-story-2016.html


lunedì, febbraio 18, 2019

turismo itaGliano 4




Nel 2016 feci una serie di post per dimostrare la tesi, comprovata poi dai numeri statistici internazionali, che in Italia il turismo non esisteva se non in poche regioni al Nord Italia.
Non è che ci voglia una grande intelligenza per scoprirlo, ma penso che, tutto sommato, non si voglia vedere problema.

 
 con un ritardo di solo 2 anni parliamo degli infami toscani.
 
La Toscana è abbastanza ambita per quanto non fa i numeri che dovrebbe. La parte che gli permette di fare quel poco che fa e' che si trova in una posizione strategica.
È abbastanza a sud da non trovarsi al Nord, il polo industriale che motorizza tutto: dai pomodori, alla tecnologia passando per il turismo.
È abbastanza a Nord da non trovarsi nella zona arretrata e ignorante (dati EU) del paese.


Purtroppo non è un bel posto per andare in vacanza.
Le infrastrutture fanno letteralmente piangere.
Le strade, potenziate solo di recente in maniera bislacca, hanno sofferto per decenni dell'errata idea che si poteva fare un turismo di lusso solo se si manteneva senza strade la regione.
Andare al porto di Livorno era una vera e propria avventura nella pazienza, nella morte e nello smog.
Il turismo di lusso, più che di lusso era elitario, ovvero, gli amici dei potenti locali e i potenti locali andavano in vacanza in una piccola zona dove lo scambio con il popolame era assai ridotto.

Questi fortunati speravano di tener lontane le masse agendo sulla viabilità e costruendo le ville in una zona ben definita. Come risultato? una viabilità costipata e tremenda, dotata di mezzi pubblici praticamente inesistenti.

Le strutture ricettive e gran parte della popolazione sono convinte che, visto l'importanza dei 4 personaggi che vanno in vacanza da loro, il posto sia di fatto un eden.
Come diretta conseguenza gli operatori del turismo pensano di essere i dispensatori dell'unico posto sulla terra che si avvicini alla maestosità descritta nelle sacre scritture.
Ovviamente non sono tutti così, ma quando una percentuale rilevante lo pensa veramente capiamo che ci possono esserci dei grandi problemi..

La Toscana possiede un gruppo di isolette che sarebbero molto carine. Non conosco le altre, ma se andate su l'isola d'Elba è un carnaio decisamente poco pulito e, quando ci andai 20 anni fa, con i mezzi pubblici che definire insufficienti e alcune strade letteralmente coperte d'immodizia e' facile fare ironia. Potete sicuramente andare a stare in collina, ma, a quel punto, rimanete sul continente.

La Toscana possiede diversi porti.
Ovviamente sono completamente scollegati fra di loro.
Io stesso per poter andare da un porto ad un altro della stessa regione (2006) ho dovuto prendere quattro mezzi diversi, intendo diversi per tipologia, andando dal treno al taxi, passando per 2 pulman e un tender (guai ad avere una zona d'attracco come nella lontana europa!).
Dopotutto perché fare delle linee di pullman verso le stazioni o fare dei treni che arrivino nel porto stesso?
Quegli stronzi dei turisti non necessitano che venir giù con loro macchinetta e parcheggiare qui  da noi, cacciare i soldi senza motivo e andarsene affan...

Parcheggiare è un'altra delle cose molto divertenti.
Come abbiamo visto quasi obbligatorio.
In molte località turistiche non si e' previsto un fatto banale: la gente vuole andare al mare.

Per capirlo ci vuole un Rubbia, capite?
Il numero dei parcheggi nelle cittadine costiere è spesso idoneo al massimo a un 20% della necessita'.

Per risolvere il problema degli augusti personaggi che operano come piccoli re sulla loro poltrona di sindaci hanno pensato che il modo giusto per evitare il problema dei parcheggi non era quello di incrementarne il numero, un progetto costoso anche dal punto di vista della materia grigia, ma si sono limitati ad aumentare in una spirale crescente il costo del suolo pubblico per cercare di spostare “altrove” il parcheggio. Se poi l'altrove non esiste, sono caxxi vostri.

Se prendiamo il costo del parcheggio in un posto tipico della costa, non bello e triste, come il lido di Camaiore, scoprirete che parcheggiare sulla strada pubblica, non in un'autorimessa, dinnanzi all'hotel ha un costo più elevato di quello che sarebbe lecito aspettarsi per la camera d'albergo (20 euro per 24 ore). E non parliamo neppure del costo di quest'ultima.
Il perché  delle persone vogliano andare in un carnaio quando con gli stessi soldi puoi andare nei Caraibi, volo compreso, servito di tutto punto rimane un mistero. 
Devono essere le stesse che comprano una fiat punto suvvizzata con 40KE: la punto renegate ve la meritate!

Non parliamo poi del tanto citato entroterra.
Una serie di impreparati che cercano di aggredire il turismo proponendo prezzi stratosferici e servizi inesistenti.
In pratica sembrano quei paesotti di montagna tipici delle Alpi con la differenza di una spruzzata di negozietti pieni di prodotti similcinesi da vendere a prezzi come mai visti prima.
Ogni paesotto cerca di vendere un prodotto locale che può essere il classico vaso che trovavi  vecchio in casa di tuo nonno al modico prezzo di tre cellulari o mezzo rene, ne trovi di simili all'Ikea per 10E, alle statuette più o meno oscene di alabastro con la costante di un prezzo fuori scala.

Nei paesotti e' inutile dire che è difficile trovare da mangiare in maniera semplice “da turista”.
O ti siedi con un menù che cerca di fare l'importante, spesse volte non certo all'altezza, ma per chi vuole essere in giro tutto il giorno mangiare qualcosa di rapido è abbastanza difficile.
Fare un panino è un'operazione molto complessa e quando trovi qualcuno che ci riesce chiede un prezzo di conseguenza.
Insomma, il cibo, è cibo di lusso. Spesso discreto ma non certo da chef (con le dovute eccezioni).


Parliamo della  cittadina di Lucca, un posto molto carino che meriterebbe una popolazione che se la tira un quarto di quello che fa.
Il vivere in una cittadina del genere non autorizza a considerare il turista un portafoglio su due gambe.
Se voglio quel tipo di attrazione posso benissimo andare in Isaan dove sventolando i soldi posso avere tutto ciò che voglio (f compresa).
Perché una cosa è cercare di fregare il povero turista per 3 dollari (miseri per l'europeo ed enormi per l'indonesiano o il pakistano), ma quando si cerca di fregarlo per 80 capisci che l'ordine di grandezza cambia e non sei più un inconveniente locale, lo scemo del villaggio e, per alcuni, addirittura un'attrazione. 
Comincia a diventare un problema importante da evitare con tutta la la schifosa cittadina che lo circonda.
Vendere un posso panino al prosciutto con dentro una, ripeto una, fetta di prosciutto crudo fa venire la voglia di tornare nel bar e infilarlo tutto in un orifizio non idoneo. Soprattutto se ti hanno chiesto 16 euro per 2 panini mal lievitati. Come fare il pane in 2 lezioni?
Il primo che si lamenta del McDonalds che hanno cacciato con grande autoerotismo  lo prendo a sberle. Voglio il McD, almeno se devo confrontare con sta roBBa.

Non saper gestire il tuo maledetto ristorante da poco, che chiede prezzi di però tutt'altro tenore, lasciandoti in attesa 85 minuti per un prodotto riscaldato al microonde non è una presentazione di un luogo che mi fa vacanza, è la presentazione di un luogo triste.

Mi aspetto questo tipo di trattamento in posti come la Cina oppure la Malesia. Con la piccola differenza che il conto, quando va male, è di 4 euri, non decine di euri come a Lucca.

Infine la qualità degli alberghi toscani e la loro gestione.
Sebbene mi è capitato in un paio di occasioni dei trattamenti di tutto rispetto, il 90% delle strutture che non siano top di gamma è operato in maniera garibaldina sotto il segno 
“semo li migliori e gli alti non sono nessuno”:
Abbiamo fatto il liceo classico e vogliamo fare gli albergatori.
Le scuole specifiche per fare turismo sono da pezzenti.
Con la nostra cultura millenaria siamo nati imparati.

Così ci troviamo nella situazione che dopo aver girato diversi continenti e ormai più di qualche nazione l'unico problema mai avuto con le prenotazioni è stato con la Toscana.

Evidentemente i toscani sono meno istruiti del contadino dell'Isaan che fa gestire le prenotazioni alla moglie perche' avendo preso un po di membri farang mentre cercava di cambiar vita al sud conosce 2 parole di inglese.
in toscano mi e' capitato mollte cosa brutte e uniche.

Si va dal prezzo che è diverso da quello concordato per telefono e quando sei li devi pagare.

si attraversa con le stanze che definire mal tenute e' per fare un complimento

Si spengono i riscaldamenti perche' il gasolio costa (un bel chissene?) lasciando a 12C il poveraccio freddoloso (2 volte)

e si arriva alla cancellazione della prenotazione da parte della struttura ospitante (7 volte) se non si accetta di pagare dal doppio al triplo.


Una cosa, la cancellazione da parte della struttura ospitante,  che in decenni non mi era mai capitata, escludendo la Toscana dove e' una costante.
Ormai siamo intorno alle 7 volte in cui l'albergatore mi cancella la prenotazione.
SETTE.
In decenni MAI mi era capitato. 7 volte in toscana in 3 anni.
Evidenza che i toscani son tendenzialmente idioti o drogati?

Costoro vogliono fare turismo ma non sanno neppure usare un calendario.
Pensa, voglio prenotare quando tu hai dimenticato che esiste un  festival o un evento che io posso non conoscere ma tu si.
Quando prenoto DOPO una settimana tu vuoi 5 volte tanto del pattuito perche ti sei accorto di aver fatto una caxxata?
Mi dispiace che tu sia stupido, ma essere toscano non ti autorizza a chiedere un prezzo che non vuoi ricevere.
Evidentemente i toscani sono spesso scimmie senza cervello? 
Forse per una selezione naturale sono stupidi?
Datemi una spiegazione!

Purtroppo mi e' toccato spesso transitare in toscana. 
Sto pensando di eliminare tutti i motivi che mi portano a pernottare in quella maledetta regione.
Mi e' talmente venuta a nausea che da quest'anno ho deciso di rinunciare al lucca comics e penso che non ci andro' mai piu': dopo l'ennesima problematica ho disdetto io l'hotel per Lucca. Mi dispiace per l'albergatore che pareva serio, ma io, se non disdicevo, in toscana ci arrivavo con un mitragliatore. Meglio non arrivare arrabbiato.
I soldi di lucca penso spenderli a Vienna e a Osaka.

Dopotutto ci sono posti piu' belli sul pianeta terra, hanno solo il difetto di essere piu' lontani. Ma forse un paio di ore in piu' di viaggio valgono la pena.
I toscani continueranno a montare pannelli solari per prendere sovvenzioni pagate dagli operai (a capalbio asfaltano per 6 km), ad essere ignoranti, sentirsi superiori  e a non capire nulla di cibo inneggiando all'Accademia Italiana del peperoncino.

Guarda caso l'Europa ha avuto un incremento medio di 8.4% di presenze.
Problemi geopolitici che hanno favorito il turismo EU.
La toscana 0.63%.
In pratica ha perso il 7.9%.
Quando e se rientrera' lo sport “tiro al turista” dell'africa, un posto ripieno di bellezze,  secondo voi che perdita avranno i toscani che ci hanno preso a sberle per un ventennio?
I cambi di direzione sono lenti, ma arrivano.
Gli africani smetteranno di spararsi e ci sono posti cosi' belli da perderci la testa.
Dopo aver cacciato i turisti, piangere pensando che si colpa degli altri, e' da toscani.

Cattivo, dipende.
Se uno mi dice che fa soldi con il turismo prendendolo a calci non merita che sberloni.

I toscani non vogliono i turisti?
Benissimo.
Basta che non se la tirino come fanno e non mi chiedano soldi dalle tasse quando saranno sul lastrico.
 
Possiamo dire che ANCHE in toscana non vogliono turisti?

sabato, febbraio 16, 2019

govenare marrone


Questa vignetta sintetizza mirabilmente il governare del "governo del cambiamento" (come autoproclamato dai grillozzi), come staticita', mantenimento di brutte abitudini e incapacita' totale a governare
La realta' e', e sara', al solito molto dura con gli italiani.

ps
Il governo giallo+verde=marrone

lunedì, febbraio 11, 2019

spazzatura improvvida

Camminavo a novembre quando mi sono imbattuto nel classico rifiuto messo lì dell'extracomunitario in pieno centro.
Fa una tristezza incredibile vedere che un rifiuto buttato lì, semidistrutto, considerato con un valore pari a zero svernici in maniera profonda tutte le soundbar prodotte in Corea
Anche se costano $ 1000
Potete apprezzare il condotto basta reflex e la configurazione particolare degli altoparlanti.
Tanta roba per un marchio che tutto sommato costava una cifra ragionevole.
Mi è venuta voglia di portarlo a casa e smontare giù amplificatore e casse.
Non sarebbe la prima volta che faccio una simile cosa.

martedì, febbraio 05, 2019

grillini site .gov



Nei mesi ho lasciato abbastanza stare i selfisti, scusate, i grillini.
Il perche' e' semplice.
E' inutile contestare un gruppo di aluatte che tutti i giorni dice almeno 2 cose scandalose e una cosa in contraddizione con la matematica. 
Vero Dimaio? 
Adesso le ricordi le frazioni?
In realta' pure si contraddicono fra di loro almeno 3 volte al giorno, ma e' meno importante.
Capite che diventa un lavoro: 3 post almeno al giorno. Per uno che pubblica i propri scritti con ritardi annuali (come la WS fujitsu) e' un problema mica da ridere.

Inoltre i grillini sono come il TV con troppi K: qualunque cosa succeda il compratore e' felice della vaselina. 
I sondaggi, in un mondo utopico in cui le persone sanno fare le divisioni e i conti, avrebbero dovuto  prenderli a manganellate. Anzi prima di votarli. Non per far del male ma come le bacchettate delle vecchie insegnanti. Solo sulle gengive: se non finiscono il libro di matematica delle medie entro la settimana esiste la punizione.
Invece pare che nei sondaggi gli italini siano felici di questo disastro e sarebbero cosi' contenti tanto da rivotarli. 
Siamo spacciati.
Rischio solo torme di invasati che mi spiegano come di fa la moltiplicazione dei pani, pesci e soldi via san grillo.

Comunque ora sono al governo e hanno messo al loro servizio le loro truppe:
lo abbiamo visto in RAI, 
lo abbiamo visto al CNR,
lo abbiamo visto ovunque, soprattutto a roma con personaggi discutibili.
Ovviamente non poteva mancare la crew che ha fatto grande il sito grillino fottendo, letteralmente, i fan grillini.
La crew e' stata incaricata di fare il sito ufficiale del reddito di cittadinanza.  
Non sto a fare io l'analisi del sito di meDDa, qualcuno piu' in gamba di me ha fatto una piccola analisi che vi riporto.

il sito redditodicittadinanza.gov.it è stato scritto da un programmatore confuso come un camaleonte in una stanza piena di coriandoli
(flora)

Per me sono demoniaci, manco monti o renzi, fra i peggiori mai avuti, riuscivano a far sempre danni e, sbagliando, qualcosa di buono hanno fatto. 
Questi  non sbagliano mai, perseverano demoniacamente nella distruzione del paese e non riescono a dire una frase intelligente per settimane di seguito.
Rimpiango persino d'alema e berlusconi. Sono caduto in basso.

 

lunedì, febbraio 04, 2019

allergia


Quando tutti si sentono allergici a qualcosa, principalmente al glutine o agli OGM.
Quando i ristoranti non sanno che pesci pigliare, anche in una pescheria.
Quando abbiamo piu' avvocati che ingeneri
la scritta che trovate e' 

contiene tutto!

sottotitolo: non rompetemi le scatole sono troppo stanco e piccolo per questionare.