giovedì, aprile 21, 2016

TV story 1927




1927
Nel 1927 mister Bard fa qualcosa di un po' più interessante: immette il segnale nel telefono e, a distanza di 700 km, viene ricevuto, codificato e VISTO.

Visto a MIGLIA ( siamo in Inghilterra, imperiali,no?) di distanza!

Se non vi sembra una cosa eccezionale tenete conto che questo oggetto, per quanto con una risoluzione infima di 30 righe, sarebbe meglio chiamarle colonne vista la scansione verticale, sappiate che era progettato pensando anche a  cose come un registratore su disco (videodisco!), aver il colore e persino la stereoscopia che all'epoca pareva essere il futuro a breve. 

Quante cose che nei cinquant'anni successivi sono state pompate come novità:
il video disco che oggi chiamiamo DVD,
il colore ormai lo diamoper scontato ma che in Italia è arrivato l'altro ieri
ed infine il 3D. La stereoscopia!  Ogni 10 o 15 anni ci riprovano ma poi non  interessa. nonostante è stato pompato dal punto di vista del marketing  infinite volte ma non esistono attrezzature da casa ancora oggi di facile fruizione essendo molto simili a questo primo esperimento. Per cio' non ne riparleremo visto che non prendera' mai piede (almeno fino al 2015...)
Notate che appare la scansione a righe e la pennellata del singolo pixel. Un sistema che rimarra' inalterato fino alle televisioni completamente digitali oltre il 2000. Anzi se ci pensiamo anche gli LCD in fondo in fondo cambiano un pix per volta e le stampanti sono ancora cosi': un pixel alla volta, una riga alla volta.

In quell'epoca persino in unione sovietica si studiava la televisione tanto che riuscirono a raggiungere 100 linee di definizione con una scansione a tamburo anziché con un disco e con degli schermi molto grandi rispetto ai due pollici o tre pollici utilizzati in quei momenti.



Nessun commento: