lunedì, ottobre 14, 2019

chi crede al global warming?



Sinceramente non pensavo che fare un articolo su come e perche' non solo e' difficile prendere una posizione NETTA (intesa con numeri e tempi certi) sul global warming per chi (come il sottoscritto) si informa, ma che e' impossibile per una persona normale prendere sul serio il GW significava prendersi gli strali dei sostenitori del AGW.

Ripeto, mai negato il GW.(troppi poco attenti non capiscono il guardare oltre la siepe)
E come detto prima, per il momento, sto alla finestra.
Perché, se i dati diffusi delle simulazioni hanno veramente un senso, come razza siamo gia' morti.
Pop corn grazie.
O se preferite "addio e grazie di tutto il pesce"

Vorrei pero' che veniste un attimo insieme a me a guardare dalla finestra e capire non solo perche' e' sbagliata la strategia di comunicazione, ma perche' Greta&c non porteranno mai a nulla.
Anzi
come sono messe le cose, grazie anche a Greta, aumenteranno le emissioni di CO2

La prima cosa, come dice un intervento del sardo informante (breaking italy) e molti altri che mi hanno fatto leggere o ascoltare, e' che poverina, ha 16 anni e i suoi amichetti pure.

Non possono fare nulla dei bimbetti e sono i grandi e potenti a dovere risolvere, per magia suppongo, il problema.

E' vero, GTEET, da ora GT, ha 16 anni.
A 16 anni molti di noi erano, come potrei dire, scimmie.
Altri, molti meno a dire il vero, erano piu' completi di come io saro' mai. Io mi collocavo a meta' strada, non ero un idiota ma non ero neppure un prodigio.
A 16 anni sei INGENUO, SOGNATORE e un po stolto, diciamocelo, e diciamolo anche ai genitori che credono che i figli siano geni..
Ma a 16 anni non sei cretino. Se lo sei ci sono buone probabilita' che tu lo rimanga.

GT sicuramente sara' una convinta, e ci puo' stare.
Dopotutto ci sono adulti che credono nelle scie chimiche, almeno GT crede in qualcosa di piu' tangibile.

Comunque sia o GT e' una bambina, come dice il sardo, e quindi la trattiamo da tale o non lo e' e allora ha cose pensate ed elaborate da dire.

Come bambina possiamo farla salire sul tavolo della cucina e ci raccontera' la filastrocca di turno, la pace nel mondo, l'inquinamento cattivo, le tasse italiane, le sigarette che fanno venire il cancro, i suvvisti da rimandare a scuola o i selfisti da internare....
Insomma i grandi temi talmente ovvi che ormai qualsiasi bambino di 5 anni dovrebbe sapere (non necessariamente comprendere): una pallottola nella fronte o un cancro al polmone non sono una bella cosa, ma non e' neppure piacevole che tuo padre venga licenziato per tasse.
Poi la fai scendere dal tavolo e gli dai il gelato.

Oppure la consideriamo adulta e allora il passo e' diverso. 
Non e' piu' una bimba, ma e' un essere autocosciente, pienamente razionale e in grado di fare ragionamenti propri come e' tipico, ma non per tutti, di un individuo sviluppato del genere homo sapiens. 

Allora non e' una bambina, puo' essere ingenua, ma non e' una bambina e capisce i concetti di cui parla e non sta ripetendo meccanicamente una lezioncina/poesiuola imparata senza comprenderla.

Mi ricordo alle elementari quelle stronze delle maestre comunistoidi che facevano cantare i bimbi di morti e violenza. 600 bambini si gioivano di cantare della violenza e della morte con il sorriso sui loro visi. Cantavano la poesiuola imparata senza neppure comprendere le parole. Uno era riuscito a nascondersi in bagno, ma, suo malgrado, continuava a sentire quel mostro inventato nel dopoguerra che parla di violenza e morte. Come insegnare la violenza, no?

La domanda vera e' cosa caxxo ci fa nei parlamenti Greta?

Se GT e' un genio, ci sta. Indipendentemente dall'eta', sesso eccetera. Enfant prodige molto piu' giovani, come il mozartho, esistono e a 16 anni sono abbastanza “evoluti”.

Se e' una bambina o poco di piu', diciamo nella media, non da telefilm dove a 16 anni sono tutti dei fighi paurosi, allora quelli dell'ONU sono degli imbecilli.
Ed e' il mio pensiero.

Il problema e' che l'attenzione si e' spostata dal problema al simbolo, dall'elefante al dito.
GT e' un GRANDE simbolo, con il viso angelico da bimba, con i lacrimoni, con le parole sgarbate che se le dicesse un vecchio, sdentato, brutto e negro sarebbe preso a scarpate. 

Ma sono dette da una “esteticamente bimba pura”.
E' come quando ho sentito un negrone  di 2m dalla fisionomia centroafricana parlare un dialetto milanese migliore del mio. Prima di trovarlo divertente hai una sensazione strana, estraniante, come quando vedi dal finestrino mezzi in movimento e ti senti arretrare anche sei sei immobile.
Sono giochi molto usati nel marketing.
La bimba e la meteora e' una variante.
Ovvio che ha avuto successo. 



Diventare amici di GT e' diventare eroi a propria volta per riflesso.
Ecco che gli attori (di caprio, pompeo...) fanno la fila per lei. La popolarita' e' tutto per loro
I politici senza vergogna, come Di Maio, pur di godere della luce dell'eroe continuano a citarla.
I cantanti in disgrazia come Pelu' cantano per lei La popolarita' e' tutto per loro


nel fare cio' Greta viene ancora piu' spinta come simbolo in un enorme danza del cane della popolarita all'inseguimento della propria coda.

Piu' la osannano per prendere la sua luce, piu' luce produce.

Del clima?
Quale clima, noi si parla di popolarita'!
suvvia.

Bressanini fa notare che dovrebbero essere “i grandi” che se ne occupano, non la bimba.
Mi dispiace, non e' cosi'.

I grandi hanno impegni, anche 30nnali, per cui non possono.
Chi ha un mutuo, una casa, un pacco di BOT o azioni, fondi o e' in attesa della pensione l'ultima cosa che vuole e' che si riduca la CO2. 
Almeno se comprende la cosa, vuole il contrario.

Inoltre questi Ggiovani che manifestano non tutti hanno 16 anni o meno, molti, la maggioranza, a migliaia, hanno la maggiore eta', o ci sono molto vicini.
Mi dispiace, ma almeno capire causa ed effetto e' il minimo. Anche a 14 anni, figuriamoci con l'eta' che serve a votare.

Questi tonni, a migliaia nella mia citta', milioni nel mondo, hanno fatto lo sciopero (bella potente parola mitizzata che proviene dal popolo che lotta), da molti giornali lo sciopero piu' grande mai fatto. Poi tornano a casa e....
Nulla, se guardiamo gli indicatori a breve, non hanno fatto NULLA per la CO2.
a pensar male si fa peccato



Mi dispiace i “potenti” (ovvero i governi) non possono fare nulla per CO2. Ci sarebbe una rivolta popolare.
Deve essere una cosa che parte dal basso.
Puoi cercare di imporre le cinture di sicurezza, ma non puoi togliere la partita di pallone: vedere 22 ragazzi miliardari in mutande che corrono su di un prato e' per l'italiano troppo.

Sono decenni che quando parlo con presunti ecologisti loro pensano di esserlo perché
“posso smettere di consumare da domani mattina”.

Ho litigato duramente anni fa con un'amica, lei e' veramente convinta di essere ecologica perche' POTREBBE fare a meno dell'energia: se potrebbe, e se e' ecologica, perche' non lo fa oggi?

Perche' a parole posso dire di non essere razzista, poi di notte vado a picchiare i neri con una mazza con i miei amici.
Pero' dico di poter smettere quando voglio.
Dopotutto vado a picchiare i negher solo il venerdi' sera, non tutti i giorni!
Vorrai mica darmi del razzista....

Se vi sembra la storia del grassone di 200Kg che dice che da domani mattina rinuncera' agli spuntini orari o del drogato cannaiolo che e' convinto di non drogarsi, avete capito come funziona il cervello degli stolti.

Dopo aver fatto la tua bella manifestazione, nella mia citta' erano migliaia, mai viste le piazze cosi' piene, torni a casa.
A questo punto, se non sei un completo idiota, dopotutto puoi firmare contratti e non ti hanno interdetto, sai di dover fare qualcosa di tangibile e allora...
non fai nulla,
questa sera e' venerdì e vai alla disco di Gargadurate di sopra a 50Km distanza con il DJ ganzo che spaccia giusto con piu' gusto la pastiglietta da sballo.

Perche il caso in cui “siano i potenti” a dover fare qualcosa, fidati, non e' quello che desideri e ti fara' TANTO, ma TANTO male.

Diamo per scontato che i dati che uso siano corretti, non sono i piu' estremi (aka moriremo tutti domani mattina e NY e' sott'acqua nel 2020) ma sono abbastanza tranquilli fra quelli pubblicati.

I dati delle simulazioni dicono che se non riduciamo la CO2 entro un certo lasso di tempo relativamente breve andremo in valanga e non sara' piu' possibile salvarci dalla cottura planetaria.

Distribuiamo questa quantita' emettibile per gli uomini sulla terra equamente, non e' che lasciamo senza niente un napoletano perche' e' antipatico e lasciamo un parigino a vivere come ora.
Sarebbe ingiusto, no?
Bene, e' da capire quanta e' questa CO2 pro-capite che dobbiamo raggiungere DOMANI MATTINA?
Perche se non si sa da dove si parte e dove si deve andare e' meglio non partire neppure.

A seconda delle ricerche e come si leggono si pone fra meno di  2 e 4T annue a cranio, tenendo conto che deve diminuire velocemente e se ritardiamo, per effetto combinato della valanga e della demografia dovremo fare molto di piu' o essere inutile.

Adesso bisogna capire quanto immettiamo per capire come riuscire a portaci in quota, ovvero quanto siamo distanti e cosa dobbiamo fare.
L'Italia, grazie alla crisi nera che la devasta da 30 anni, offre una ridotta immissione in atmosfera, la francia fa meglio solo perché ha il nucleare, ma la germania e' molto di piu'.
Giusto per capire ci stimano fra i 5 e i 6T annue pro-capite.

Cominciamo a capire che passare da 6 a 3 o 2 non deve essere facile.
Questa stima, che alcuni ci danno sui giornaletti ecoloGGici e' foxxutamente errata. 
Purtroppo.
E' peggio.

Uno dei piu' grandi giochi italiani e' che compriamo tutto da fuori, dalla Germania e soprattutto dalla Cina che, non a caso, e' il piu' grande produttore mondiale di CO2.

Quando comprate un oggetto con scritto “made in PRC” per produrlo la CO2 e' stata sversata in Cina, ma e' da calcolare sul vostro stile di vita, non su quello cinese.

La vostra auto crucca o il telefono con la mela cinese, la scarpina di plastica cinese, la TV giapponese o la pummarola cinese sono vostri. 
State esportando inquinamento, ma avete ordinato VOI di farlo e spesso  farlo dove ci sono meno limiti anche per altre cose (piombo, arsenico, polveri...).

In pratica, sebbene esistono molti studi che non sono certo di conoscere cosi' bene, converrete con me che non e' errato dire che un italiano si aggira intorno ai 8-11 (anche fossero 7-12 non cambierebbe nulla, come vedremo). 
Diciamo 9 e proviamo a vedere cosa serve per soddisfare Greta e le teorie piu' accreditate sul GW antropico.

Partiamo dal presupposto che per rientrare di queste percentuali non basta cambiare le lampadine (oltretutto se passate dalla FL a LED cinesi spesso andate in direzione contraria), procrastinare l'acquisto dell'iphone galaxy 23S o pagare 10E all'organizzazione che pianta un faggio in Peru'.

Sono misure ridicole come la cicciona da 200Kg in stile hardkonnen che dopo aver mangiato meta' della torta destinata all'intero tavolo da 12, dopo le 6 portate precedenti e uno spuntino a meta' mattina, decide di mettere il dietor nel caffe' per arginare le calorie.

Stiamo parlando di costi e cambiamenti che devono essere enormi e condivisi.
La cicciona deve passare da 200Kg a 45Kg in mesi, non decenni.
Non si tratta di cambiamenti semplici come rinunciare al caffe' zuccherato, stiamo parlando di un digiuno con gli allenamenti di Bolt.

Non ci credete?

Partiamo dalla fonte piu' grande della CO2 personale: l'auto.
L'auto e' il piu' grande costo energetico personale, produrla, rifocillarla e tenerla attiva.
Sono 2-4T annue circa a cranio.
In pratica, da sola, emette come il vostro obbiettivo, di fatto non e' possibile ipotizzare di possedere un mezzo di trasporto personale.
Potete sempre barattare il possesso con l'omicidio di vostra suocera per equilibrare la cosa, ma non penso che il genitore sia d'accordo.
Va tolta per passare da 9 a 7T.
Non vi venga in mente di sostituirla con il treno, emette CO2!
Solo bici.

Quelli che vanno in vacanza lontano?
Con il cavolo che andrete in vacanza con il carburante!
Non si puo' prendere l'aereo.
L'auto ne abbiamo parlato, e il treno e' comunque un problema.
Andare un thailandia, giappone eccetera e' piu' di una tonnellata a cranio (fino a 3), mezza se stiamo in EU.
In vacanza si va a piedi o in bici, se proprio la vogliamo questa esagerata vacanza!
Lo facevano i miei nonni.
Fatelo anche voi.
Siete preoccupati per il clima, no?

E abbiamo recuperato ancora e siamo a 6T

Internet oggi consuma circa 1/7-1/6 dell'energia elettrica mondiale stando ad una recente conferenza (per altri 7% e 8% entro fine 2020), io avrei detto qualcosa meno, ma evidentemente i servers continuano a crescere. Con i nostri dispositivi personali (router, player, pc e pad usati come tramite) arrivano ad essere ALMENO un 8% di certo.
Basta caxxeggiare su internet, basta fare i like su server enormi da GW che mangiano tanti camion di carbone al minuto nella gola di zuk.
Solo il bitcoin consuma come lasvizzera.
Abbiamo recuperato qualche decimo di T (lascio a voi il calcolo) spegnendo i siti WEB e i cloud vari.

Leviamo in ufficio e a casa l'aria condizionata: consuma, non e' necessaria e ci permette di recuperare tanti, ma tanti, decimi di T di CO2.

Il lavoro ovviamente non puo' contemplare di essere “buono” perche vi da tanti soldi, ma buono perche non usa energia. Oggi di lavori cosi' ne rimangono pochi, certo, ma in una nuova ottica di bassa CO2 ci saranno meno persone nelle aziende di produzione e di piu' nella riparazione. Si torna ai campi.

e molti, molti eccetera.

Avrete gia' intuito che per arrivare ad una soglia “accettabile” dalla teoria dell' AGW, o se siete ecologisti per davvero,  avete una sola scelta come dico qua da anni: RIBALTARE il vs stile di vita

Il vostro lavoro, il vostro tempo libero, la vostra vita nel complessivo, deve ridurre di 8/10 della CO2 e la CO2 e' energia e mezzi di spostamento.

In pratica non dovete usare l'energia.

Se aggiungiamo che in molti posti e' necessaria l'energia come
ospedali,
ambulanze,
riscaldamento (a -10 muori)
trasporti di cibo, ormai siamo tanti e non sempre si puo' produrre vicino,
Eccetera...

in pratica per il singolo privato non rimane nulla, giusto l'illuminazione, non certo il phon da 2KW per fare prima.

Qualche genio della lampada potrebbe pensare che si puo' ricavare l'energia attraverso il solare e l'eolico per continuare bellamente a vivere come ora. Sono quelli che, generalmente, non hanno l'idea dei numeri.
Possiamo dire a costoro “col caxxo”?

Ad oggi in ita sono stati spesi 300 miliardi, una cifra colossale, per il solare.
Eppure produce solo 22TWh.
Una cifra enorme per il solare, ma di fatto non arriva al 10% della produzione italiana e conteggiamo anche la parte che non usiamo di quella energia.
Anche aggiungendo i 17 del vento non andiamo da nessuna parte...
soprattutto se pensiamo che molta dell'energia e' arrivata a sproposito o ha dovuto essere  backuppata (emettendo CO2).
In pratica vale la meta del numero.
Vuol dire che per fare numeri “sostitutivi” occorrerebbero cifre immani. 
Provate ad immaginare un raddoppio delle tasse e forse non basta (tralasciando che il giorno dopo il 90% delle aziende fallirebbe). 
Numericamente impossibile.

Inoltre, non solo i pannelli emettono CO2 nel costruirli e smantellarli, ma cambiano per Km^2 l'albedo del pianeta.
Siamo sicuri che l'uso dei pannelli non faccia aumentare la temperatura?
Quando facciamo enormi centrali solari che funzionano davvero, stiamo parlando di cemento in grandi quantita' (moooolta CO2 nel cemento), molta energia per trasporto e assemblaggio e molta energia per la costruzione del pannello, degli inverter, trasformatori, linee e supporti.
Dovendo limitare la produzione di CO2, siamo sicuri che sia cosi' conveniente?


Quando ci dicono che in ita e' stato fatto il 50% con il rinnovabile, ci prendo per il Cu Lu, stanno parlando degli impianti di fine 800, primi 900 dell'idro e del geotermico che anche nel 2018 si son pompati fuori 58TWh, prevalentemente al nord per questioni orografiche. 
In pratica non e' incrementabile e va ad anni (se non piove... ciucciati il calzino).

Quindi scordiamoci di avere l'energia per vivere come oggi se VERAMENTE vogliamo avere un basso profilo di CO2.

Come sarebbe la vita a 2Tonn year procapite?

Sarebbe probabilmente piu' organizzata della vita del 1800 del popolino, ma non molto diversa.
Uscire dalla citta' sarebbe un'eccezione e un bergamasco che visitasse Roma sarebbe un caso da prima pagina sui giornali.
Niente auto
niente telefonini
la radio tornerebbe sulle onde radio (una comunicazione 1 a molti e' meglio di una a uno come netfliCS che consuma CO2 come non ci fosse un domani)
i commessi viaggiatori si sposterebbero con i treni e a piedi come una volta
Gli stipendi sarebbero di conseguenza, dopotutto non potendo consumare di prendere 100E al mese o 3000 (1500 netti) come oggi che ti importa?
Ma forse basta, come idea di massima, andare a vedere quei documentari sull'india o dell'africa.

Capiamo subito che una simile, COLOSSALE, svolta puo' avvenire solo se siamo tutti molto convinti, se fosse imposta dai “potenti” si scatenerebbe una rivoluzione.

Pensate al Di Maio (sostenitore esplicito di GT e “potente”) se domani mattina facesse una legge per cui le auto siano illegali.
Stiamo parlando solo di un piccolo inizio, non di far quello che va fatto per davvero.
“tutte le auto vanno rottamate perche divengono illegali.”
Per me, il giorno dopo, lo appendono all'antenna di una punto suvvizzata con ancora 48 rate da pagare.
Non riescono a licenziare 30.000 nullafacenti in Sicilia, aumentare i 7000 tassisti romani per manifesta insufficienza,  vuoi far arrabbiare decine di milioni di persone?

Di fronte ad una tale spaventosa predizione i sostenitori del AGW sono molto easy, non vedo in loro  il terrore che dovrebbe e nessuna delle soluzioni per scendere ad almeno la meta'.

Perche', quando vedo uno che ha appena fatto una sparata sul GW di quelle pesanti, il giorno dopo passa a descrivere la vacanza, spippolando sul cello cinese nuovo di pacca (ma solo 1000E, perdinci!), mentre accenna al SUV nuovo come furbata i casi sono 2:

1) Puo' pensare che appartenere al movimento GT & AGW sia veramente da fighi, altro che i 22 mutanderos scaccia donne.
Null'altro lo muove, solo il poterne parlare, come 15 anni prima che parlava male di Zurzoletti, un mutandaro che aveva un fisico da paura, ma stava antipatico. Se parli male di Zurzoletti attaccante della candoparrese sei in mood, sei socialmente accettato, sei del clan. 
Adesso l'argomento e' il GW, 
l'inquinamento, 
la lampadine LED, 
il TV LED, 
il cello con i LED e 
le auto elettriche (non abbassano la CO2, ma sono cool) con tanti LED: 
tutto molto piu' eccitante  di Zurzoletti, salvo che tu sia gay e avessi un poster per altri ovvi scopi. Cambi argomento il bonus di spacciarti da salvatore dell'umanita'

2) Oppure  pui pensare che avendo 20 anni e siccome il problema avverrà fra 50 anni, chissene. 
E' bello farsi vedere che ci si preoccupa, un tono molto cool e responsabile, informato, ma, alla fine, non e' una cosa che ti riguarda
Chissene, saranno i miei nipoti a morire.
io intanto ciuccio tutto il possibile e come sfregio mi compro un SUV e vado in vacanza a Cuba. Almeno i miei nipoti moriranno in fretta.

Ma non vedo nessuno di questi che sono impegnati a castigare gli "altri" con il AGW veramente preoccupato e che ha veramente intenzione di fare qualcosa.

A questo punto Greta, la povera bimba, mi solletica un sorriso di simpatia, come l'africano made in milan.
Alla fine e' l'unica che ci crede davvero e piange.
Cavolo staro' diventando un gretino.




lunedì, ottobre 07, 2019

auto solari

Spesso e volentieri negli anni ritorna la cavolata dell'auto solare.
Sia come auto gia pronte come la sion
Sia come dei faidateka sotto acido che massacrano la propria auto per aggiungere la feature tanto ambita
Alla fine anche auto serie che, come toyota, fanno una bella spruzzata marrone di pannelli. Dopo tutto toyota fa anche suv, una volta che ti sei abbassato cosi' tanto due pannelli solari li puoi anche fare se le scimmie consumatrici lo vogliono disperatamente.

Vediamo se e' possibile usare i pannelli sulle auto.
Prendiamo un piccolo mezzo elettrificato supermimino esistente elettrico per favorire la cosa come la mistubishi i, una vetturetta che nasce, nel 2004 con un motore da 600cc da 12.000E simile alla nostrana smart prima versione, ma a 4 posti. 


In jap le chiamano key car.
In pratica piu' simile ad un apecar che ad una tesla che richiederebbe molta piu' energia.

In veicolo cosi' leggero, cubico, hai tanto pannello e poco consumo.
Ha una batteria da 16KWh, con cui PROBABILMENTE riesce per davvero a fare 50Km (100Km per la brochure originale americana). Stessa batteria, guarda caso, della smart bidone che vogliono presentare.

Il tetto e' rastremato con canaline integrate con baglio minimo di 1.3 m e una lunghezza di circa la meta' del veicolo 1.6m.
Anche ammettendo di usare pannelli curvi debbono stare all'interno delle canaline e delle guarnizioni.
In pratica 1.6m^2

Bisogna adesso pensare che i pannelli sul quadriciclo sono con tilt e angolo 0.

i migliori pannelli in circolazione pompano 1KWp per 5.5m^2 e facciamo finta che siano pieghevoli e con le protezioni necessarie per uso automotive.
In soldoni abbiamo un pannellino da 300W.

A questo va detratto il 20% dell'elettronica....

Con una latitudine lombarda, che e' gia' favorevole per il ns continente, SENZA TILT e va da se che esiste una cosa chiamata “stagioni”, se a luglio arriviamo a caricare 1.4KWh al giorno d'inverno a dicembre carichiamo la “bellezza” di 240Wh.
Tutti questi numeri “enormi” sono ovviamente tali se stare guidando nel deserto. 



Deserto sia come location che come densita' di viventi.
Se solo siete in coda dietro un camion, in quel momento, salutate il vostro pannello, in pratica estinto.
Se siete in città fra i palazzi scordatevi di caricare.
Ma anche se parcheggiate al sole un'ombra del palazzo che si muove, un palo della luce (le celle sono in serie) un piccione che fa sprot o una foglia di un albero caduta vi condanna allo zero.

In pratica i cm che si alza il vostro tetto consumeranno piu' autonomia di quella che produce il pannello, oltre a rendere un pochino meno guidabile e sicura l'auto.


Una noticella, la produzione di questo pannello NEL DESERTO e' inferiore all'autoscarica delle batterie di una tesla. In pratica dopo qualche mese lasciata nel deserto troverete l'auto piu' scarica di quando l'avete lasciata nonostante il pannello. Quindi su auto normali e' ancora piu' folle.

Su di una batteria da 16KWh un plus di neppure un KWh di media non serve a nulla. Sarebbe piu' efficace qualche elemento in piu' di batterie (LEV50) che con 16Kg donano quasi 2KWh di capacita' senza diminuire l'autonomia cosi' tanto.

Capiamo da soli che un pannello sul tetto e' da imbecilli. La storia dovrebbe essere finita.
Cavolo fai due conti, con 240Wh giornalieri  per far funzionare un'ora lo sbrinatore del lunotto devi lasciarla al sole 5 giorni.
Fine, stop, halt...


Eppure troviamo quei furboni dei crucchi che dopo le decine di creduloni che parlano di pannelli solari dicono che produrranno un “auto” che a vedersi pare persino piu' essenziale della mitsu ma piu' larga (cosi' consuma di piu') in vera plastica da coppetta di gelato. 



Non capisco perche' non passino direttamente al piaggio porter o all'apecar.
Questi furboni, dicevo, oltre che su un tetto apposito che puo' montare, insieme al cofano non sempre in luce, almeno 2m^2. Inoltre presenta delle ridicole portiere foderate di pannelli che diciamo pure che funzioneranno il giorno del mai.

Certo, posso parcheggiare l'auto in un deserto, che deve essere piano, non come quelli veri, intorno all'equatore e con il muso a sud.
Allora in quel caso la fiancata sx verra' illuminata dal sorgere del sole che a mezzodì accenderà in pieno il tetto e la sera la portiera dx.
In quelle condizioni con i fari spenti nella piena notte, ovvero quando fa fresco, a velocita costante di un gatto di marmo di media agilita' (diciamo 30Kmph?) potrei anche fare i 34Km in piu' di autonomia promessi, nel sito, dai pannelli.
Sempre che non si sia sciolto il volante ed esplose le batterie.

Nella realta' di un luogo mediamente abitato in EU la sion guadagnerebbe piu' autonomia riducendo le dimensioni  fisicheasportando i pannelli e riducendo di conseguenza peso e volume.
Pero' vuoi mettere dire al vicino: 
“ho l'auto solare?”

Non facciamo neppure i conti, quei pannelli sono li come specchietto per allodole.


Alcuni scimmioni pensano di vincere la coppa delle furbitudine con un tender. 



Al di la del pericolo e delle problematiche di peso dovute al fatto che e' meglio che abbia i freni e buone sospensioni, ma sarebbe meglio evitare se non volete morire molto piu' di un possessore di suv che al confronto diverrebbe sicuro.
Poi esiste un problema aerodinamico: se non vi rallenta come un freno e' un ala enorme e al primo vento laterale su di un viadotto siete nei premi.

Mettiamo che siete cosi' pazzi da portarvi a spasso un affare enorme di 1.6m per 5m, trainate un coso piu' grande della maggior parte di auto. Avreste ben 7,5M^2.
WoW.
1300Wp.
Altro che i crucchi attiragonzi selfisti della sion.
Ma... 
In piano sono 6kWh al giorno a luglio, a dicembre 1KWh al di.

Ovviamente nel deserto.

Se invece siete in citta' fra i palazzi potete ridere.
Comunque alla fine consumate di piu' a cercare parcheggio per un affare da 11 metri (fra vettura, gancio e targa) e di impatto aerodinamico del tender che quello che guadagnate per quel ridicolo affare in KWh.

Anche questo pannello di medda e' andato a quel paese.


Qualcuno potrebbe fare la pensata che mettere un pannello che da chiuso e' come il rimorchio precedente, ma all'arrivo apre altri 3 pannelli, ovviamente dovro' stare in una location “aperta” e disponibile come un pratone senza alberi (o un bel deserto) con la possibilita di portarlo con un bel motore ad aprirsi con l'angolo “giusto” sia una furbata. 


Perdinci: 36KWh in luglio, sembrerebbe che posso almeno caricare una mitsubisi lasciando l'auto IMMOBILE quasi tutto il giorno!
D'inverno 4KWh sono ancora pochini, manco i fari e il riscaldamento.
In pratica lasciandola sotto tutto il giorno MEDIAMENTE un tale mostro non caricherebbe la microcar nipponica per la maggior parte dell'anno.

Al di la delle difficoltà di ancorare una simile struttura (se vien un improvviso venticello, vuoi accoppare qualcuno?), dei costi e della gestione.... in realta' la tua autonomia e' diminuita peggio dei casi sopra.
Come ti puo' spiegare chiunque abbia trainato un leggero gommone, se sei un mattone della stessa larghezza come un defender o una jeep (quelle vere) cambia solo un 20-25% di consumo, su di una berlina ben disegnata a 90Kmph il consumo puo' facilmente raddoppiare.

E' probabile che il rimorchio, anche quello a singolo pannello, incida sulla piccola Mitsubishi di prima (o su di una tesla) tanto da dimezzare l'autonomia o peggio. A questo si aggiunge il costo energetico per muoversi fino in una location che permetta il dispiegamento dei pannelli e la conseguente produzione.
Insomma, il tender e' una stoltataggine, comunque la pensiate.
Poi te lo vedo arrvivare in centro milano e occupare 6 parcheggi vicini.

Nonostante basti questo possiamo vedere un idiota che prende la sua clio elettrificata che ha un'autonomia di una citycar a benza in riserva e cerca di aumentare la scarsa autonomia peggiorando la stessa.



https://cleantechnica.com/2019/07/23/diy-solar-leaf-project-shows-the-untapped-potential-of-solar-evs/

L'imbecille avvita dei pannelli rigidi sull'auto e racconta di avere 15Km di autonomia in piu' perche' raccolgono luce...
Salvo che vada al lavoro a velocita' veramente basse la fine installazione gia' a 80Kmph probabilmente diminuisce l'autonomia di quel valore.

Attenzione pero' che nel bagagliaio l'imbecille ha una bomba che in caso di incidente e' pronta ad esplodere spostandosi e maciullando: 120Kg di piombo.

Ecco spiegato l'incremento di autonomia raccontato: a casa carica le batterie e poi, al lavoro, carica le litio con le piombo. Il tutto con un rendimento che dopo qualche mese, se avesse i costi italiani, gli salta fuori il costo di una vettura nuova.
In pratica ha inventato il power bank, stolto come quello dei cellulari.

Perche, se guardiamo il racconto dell'imbecille abbiamo dei pannelli che se va bene in estate raccolgono 1KWh o poco piu',
poi con quei cavi ne mangiamo forse un 5%,
poi abbiamo il gestore di carica che si pappa almeno un 20%.
Le batterie non sono perfette e si pappano un altro 20%, almeno da nuove.
Poi abbiamo l'inverter e un altro 20% e' andato (ma perche le batterie in parallelo?)
infine il CB dell'auto e il coso esterno, se ci da buono con la 115V e' un'altro 20%
Le batterie di bordo, come detto dal tizio sono fumate e si pipperanno un altro 20%.
I suoi pannelli in pratica buttano un auto energia utilizzabile per fare qualche metro di certo, 10 Km non direi.
Pero' i 120 Kg di piombo a vederli cosi' sono almeno delle 120A a 12V per un totale di 6KWh e anche massacrate da tutto il resto saranno almeno 3-4KWh che su una clio sono 10Km con il condi e 13-20 in condizioni ideali.
I pannelli fanno solo un po di scena.
Mi ricorda lo scooter solare di repubblica che pompava per contrapporlo al nucleare nel 2011



produrre energia e' una cosa estremamente faticosa.
Purtroppo non esistono vie semplici.
Le auto solari VERE possono solo girare in torridi deserti, senza aria condizionata, ed essere fatte cosi':



ma forse non le definirei proprio auto, visto che ci sono bici piu' massicce e con ruote piu' larghe.


giovedì, ottobre 03, 2019

il vestito e' il monaco



il problema e' che in italia abbiamo perso pure la cultura del vestire.



Si, ci sono ancora alcune scuole titolate come la marangoni, ma molte sono un ricovero di disadattati.

La gente, che arriva da un paese rurale, ha cancellato quel poco che aveva, generalmente le nonne erano tutte sarte e quel minimo di sartinatudine sta morendo con loro.

Come chiunque piu' osservare il "vestito" della poveraccia ha un taglio di medda perche chi lo ha realizzato aveva in mente un affare 5E made in china.

E' praticamente una brutta imitazione di un vestito che starebbe bene su di una 20nne da 40Kg dove qualunque cosa metti ci sta.

Le maniche sono attaccate alla benemeglio e lo spacco, molto lolita 1970, che fa intravedere le braccia a polpaccio non aiutano

il taglio, dritto come una t-shirt, evidenzia il design cilindrico della palandrana
senza pensare ovviamente ad uno sbieco, insieme al precedente, questo ovviamente evidenzia cruentemente le variazioni d'angolo del corpo mostrando bene l'enorme borigia  e facendo canne a non finire, sembra persino che non mai stato stirato, ma e' solo che "non gira". 

Il famoso look da sfigato del vestito/camicia di medda,

Colpo di genio la passamaneria del collo. Per impreziosire in pieno stile sudamericano da favela, la ENORME coda di topo a contrasto sul collo.

La parte posteriore mi manca ma e' probabilmente causa del fatto che il vestito impenna (oltre al fatto di non essere tagliato di sbieco)

cara elena, va bene difendere l'indifendibile, ma ci sono fior fiore di marchi per taglie conformate e alcuni non costano neppure tanto.
non vuoi far fatica?
una camicia bianca, una giacca e un pantalone hai risolto senza nessuna fantasia.

Se ti presenti in tuta o con un affare del genere chi ti e' amico ti difende, ma sei ridicolo e farti poi prendere seriamente e' difficile vestita da clown

Il tuo patito e' un covo di incapaci che non ha neppure la capacita' di organizzare questo evento, FIGURIAMOCI IL PAESE INTERO

Al confronto, vuoi per lo stile, vuoi per il fisico e SOPRATTUTTO per il ruolo il matt taylor era un fine esteta.  

Comunque gli acquirenti dei vari purga, puke, X, Q e doblo' che pensano essere roba meglio della bianchina di fantozzi non hanno il permesso di commentare

lunedì, settembre 30, 2019

dieselgate final comic





quello che state vedendo e' un parcheggio.
cosa e' la stranezza?
oltre al fatto che è piuttosto grande, come vedete.
Le auto sono persino un po' troppo ammassate


non è neppure il sito di uno sfasciacarrozze, almeno tradizionale, visto che le auto sono in gran parte nuove di pacca.
Che state vedendo è uno dei sette siti dove le automobili della vw che non riescono ad essere taroccate vengono al momento stipate.

Infatti non si sa esattamente cosa fare perché, se le vetture oltre 2000 cm cubici depotenziando il motore a manetta e aggiungendo la cerina, si riescono a far rientrare nella legge americana, che poi e' quella che grosso modo da noi corrisponde alla euro 5, le autovetture al di sotto di quella cubatura non esiste verso di farle inquinare meno. E quindi le trovate qui.

Questo non solo contraddice quello che era stato detto dai vertici VW per tranquillizzarci, ma evidenzia il fatto che il motore con quella cubatura con cui noi andiamo a spasso, e ne abbiamo in giro anche di più piccoli che nel nuovo mondo non sono stati portati, continuano a inquinar a manetta.

Provate a immaginare quante vetture sono accatastate, quanto inquinamento è stato prodotto per costruirle, e quanto inquinamento hanno prodotto, in Europa stanno producendo, solo ed esclusivamente per entrare in un mercato con un prodotto esclusivo, il motore a gasolio, che è completamente sconosciuto alla concorrenza.

A distanza ormai di anni (oggi nel 2015) viene fatto l'annuncio da parte di ricercatori che non capivano perché la stessa vettura messa in condizioni simili ma non identiche di colpo inquinava fino a 60 volte tanto. Una certa differenza rispetto al testo le è considerato normale in quanto sintetico ma qui le differenze erano gli ordini di grandezza differenti.

Con i miei amici eravamo sempre basiti da quello che veniva annunciato e continuavamo a dire che quei risultati erano impossibili. Vent'anni dopo il boom del gasolio scopriamo come al solito che i giornalisti non facevano il loro lavoro.
Mi ricordo ancora di testa di famose riviste che mostravano in foto i vari strumenti di rilievo. A questo punto viene da chiedersi se quei giornalisti nostrani sapessero veramente utilizzare gli strumenti, avessero magari visto la truffa ma non ne hanno dato notizia oppure gli strumenti erano semplicemente scollegati giusti per dire anche noi facciamo test.

In tutti i casi, con le migliaia di pagine dei giornalisti che parlavano di inquinamento, viene da chiedersi le notizie dove cavolo andavano prenderle.
Anche il nostrano giornaletto che si spaccia per difensore dei consumatori, con migliaia di prove mensili messe giù cattivissime come fatte da esperti, viene da chiedersi come non abbia mai neppure sospettato di una cosa del genere.

l'ultima cosa ancora che viene da chiedersi è cosa aspettarsi come inquinamento adesso dei motori a gasolio sotto i 2000 cm cubici.
Perché se non esiste un modo per ottenere un basso inquinamento da un motore già prodotto, neppure sventrandolo e cambiando praticamente l'intera sezione di alimentazione come succede su quelli più grossi, la domanda sorge spontanea: è veramente possibile costruire un motore 1600 o peggio 1300 che sia in grado di non inquinare come una petroliera?




Del dieselgate ne si era gia parlato qui e qui e qui e persino qui.

PS
ci sono altri 6 parcheggi cosi'....

venerdì, settembre 20, 2019

riscaldamento globale



È molto divertente vedere la gente che si azzuffa sul riscaldamento globale.
O che segue come una messia Greta Tintin Eleonora Ernman Thunberg facendo lo sciopero per il clima.
Ma la cosa più assurda è che i propugnatori di questa menata, del riscaldamento globale di natura antropica, siano troppo spesso degli emeriti bugiardi.

Attenzione, non sto dicendo che esista o non esista un riscaldamento globale. o che il problema, sia o no o da imputare agli esseri umani.
Andiamo per gradi.

Innanzitutto se ne continua a parlare in maniera massacrante come singolo evento, senza neanche parlare del fatto che si sta parlando di una stratificazione di eventi.

Del riscaldamento globale ormai ne sento parlare da decenni, son 30 anni che ci spaccano le palle.

Il fatto che possa essere una bufala, soprattutto per chi non non mai visto i dati grezzi e  non abbia una conoscenza così elevata da poter disquisire di un modello matematico in cui ci si perde la testa, puo' comunque venire. Perché già più di vent'anni fa che ne parlava ne parlava con quello stile tanto amato dalle multinazionali, come Greenpeace, basato su
 orrore, 
   morte e 
     distruzione.

Secondo alcuni già nei primi anni del 2000 si sarebbe instaurata una situazione tremenda per la quale le altissime temperature avrebbero avuto una serie di gravi conseguenze fra le quali la riduzione di tutti i laghi e la scomparsa di nevicate.

Gli anni sono passati e molte di queste promesse sono state ampiamente deluse.

I propugnatori del riscaldamento globale sono tornati all'attacco dicendo che l'aumento delle temperature non faceva scomparire le nevicate come urlato prima, ma ne avrebbe accentuato la forza.
Il ragionamento ha una sua logica, un leggero aumento di temperatura può spingere masse d'aria a far nevicare complessivamente meno ma in maniera più intensa e più localizzata esasperando le stagioni.

Anche la questione dei ghiacciai è molto divertente, dopotutto dovrebbero essere gia' scomparsi e NY gia sommersa da tempo. 
Pero' cosi' non e' stato.
Perché è sicuramente vero che in questo momento storico i ghiacciai sono oggettivamente messi maluccio, è anche vero pero' che in alcune zone del mondo stanno vivendo una vera e propria epoca d'oro.

Poi si lamentano dei negazionisti che ad ogni nevicata li insultano. 
Forse aver detto che sarebbe sparita la nev non e' stata una mossa furrrrba

Questo per dire una cosa banalissima:
quando hai delle notizie eccezionali devi presentarle in maniera ineccepibile, con dati stabili, ricerche completate e non attaccabili.

Se immagini in qualcosa che potrebbe porre fine alla civiltà umana, anziché correre per i corridoi urlando “moriremo tutti” e fare un elenco di modi di morire raccapriccianti inventati al momento non è molto furbo.

Perché è questo quello che è successo: di fronte una teoria non dimostrata in cui “moriremo tutti” ogni anno che passa viene descritta in maniera completamente diversa aggiungendo o togliendo qua e là.

Ma la cosa è ridicola anche a livello di dati statistici.
Quando, come il sottoscritto, cerchi di nuotare nei dati scopri in molte occasioni che i dati stessi sono stati alterati per adattarli alla bisogna.
Il caso più emblematico è quello delle temperatura degli oceani che sono stati presi dai libri di bordo della seconda guerra mondiale delle navi militari americane.

Dopo aver urlato in tutte le maniere, usando quei dati, “moriremo tutti”, si fanno delle correzioni perché, non corrispondendo al modello, si presume che il termometro fosse dietro una presa di scarico.
Cosa che peraltro è vera ma non importante, o forse si (dipende da come e' tarato). 

La prima cosa che mi viene mente da pensare però è: se quei dati sono narrati in quella maniera, i dati precedenti delle temperature marine hanno quel grado di precisione?
Tutte le navi hanno la stessa problematica?
Sono stati fatti esperimenti su quel tipo di nave e un sensore “pulito” messo altrove?
Che classe aveva lo strumento?

Come al solito qualunque variazione del genere fa scaturire delle domande e queste ultime non sono soddisfatte.
La correzione e' fatta seguendo il modello, non il termometro.

Per carità, ci sarà qualcuno che e' andato vedere anche gli altri dati grezzi, ma per una persona che non è addentro (quindi gli sono mascherati i dati), sorgono molti dubbi sulla qualità dei dati stessi se operano in quella maniera.

Ci sono decine, probabilmente centinaia, di dati che non corrispondono alla teoria, teoria che a seconda del ricercatore e' comunque diversa.

Bisogna ricordare infatti che in ogni università utilizza un modello che è leggermente diverso, con dati leggermente diversi.

Da un lato è abbastanza ovvio, pensiamo al fatto che non riusciamo a definire la temperatura e le precipitazioni in un lasso di quattro giorni. 
Un modello preciso che riesca scavalcare i secoli e millenni è qualcosa di decisamente più impegnativo.

In pratica ci stiamo ritrovando con un modello che è ovvio che non sia certificato, per farlo vorrebbe dire fare delle previsioni da qui a 500 anni e verificare di averci azzeccato. Un processo per lo meno lungo.

Prelevare i dati di soli 200 anni fa, nel 1818, vuol dire accedere a dati che non hanno la precisione attuale.
Parliamo di un'epoca dove non esisteva neppure la definizione delle misure come chili e metri, almeno come le conosciamo oggi.
Le definizioni precise nascono infatti pochi anni prima in una assemblea nazionale francese.
Prima che vengano veramente adottati passano mezzi secoli e misure con errori veramente impressionanti erano la norma ancora nel 900, 100 anni fa.
Possiamo tranquillamente affermare che le misure sono ripetitive e diffuse, per quanto non precise, a partire dai primi 30-40 del novecento.

Parlare quindi di precisione di un termometro immerso in un punto di uno scafo, rivestito da vernice antivegetativa di spessore sconosciuto, con un tasso di corrosione sconosciuto, con un tasso di fooling sconosciuto connesso ad attrezzature elettriche di una nave da guerra che ha altri problemi che controllare la precisione di quel termometro specifico, con una precisione “da ricerca”, anche se ormai siamo negli anni 40, sarebbe interessante sapere che classe di strumento possa venir fuori.
Anche questo e' sconosciuto nonostante ho letto 40 pagine sul perche' e percome e' stata fatta la correzione da parte di un ricercatore. 
Prima la classe dello strumento, poi l'analisi dell'errore e poi parliamo di correzione. 
Non “hei caxxo i dati sono sbagliati aumentiamo di un paio di decimi a spanne che ci torna la simulazione”

A casa mia quando si fa una misurazione che deve essere precisa si mette a lato la precisione dello strumento. Non avrebbe senso aumentare di 2 decimi uno strumento che erra di mezzo grado.

Inoltre bisogna ricordare che queste misurazioni giornaliere venivano fatte a mano. L'ufficiale di plancia con il compito di redarre libro chiedeva al sottufficiale di andare a fare la lettura il quale tornava e comunicava la lettura. Capite da soli e se io vado a leggere un numero, per esempio 14,32, è abbastanza facile che possa sbagliare a ricordarmelo, può essere sbagliata la trascrizione. Pendiamo solo all'errore di parallasse, sapete non esistevano i display LCD e i convertitori AD, la lettura era fatta su un voltmetro o peggio.

Ma la cosa strana e' che nessuno avrebbe fatto la taratura dello strumento di bordo, e non e' stata fatta neppure a posteriori, leggendo i dati di quando veniva filato un batitermografo. Conoscere la T a varie quote serve per vedere con il sonar correttamente altrimenti ci sono errori d'angolo o profondita' per distorsione.
Magari i dati battigrafici non sono sui libri di bordo, ma mi sembra strano che non facessero un confronto fa le misurazioni.

Continuo a fare l'esempio della marina statunitense perché è il più documentato ed è riportato da vari libri che trattano l'argomento, persino lodando lo stratagemma di spostare i numeri che non aderivano alla simulazione..
Ci sono altri casi in cui vi sorgono dei dubbi veramente incredibili, ma sono difficili da trovare, questo delle navi WW2 potete vedere tutti perché è ampiamente documentato anche in Internet.

Ci troviamo quindi ad avere un algoritmo di calcolo è stato adattato in varie maniere e ormai sembra un affare a spaghetti come windows.
Abbiamo persino dei dati che sono stati modificati perché corrispondessero all'algoritmo stesso per poter predire un certo tipo di futuro.
Un futuro che deve rispondere sia al presente inteso come futuro di dati storici sia che possa, interpolando, fornire una rivelazione del futuro dove, immancabilmente, “moriremo tutti”.

Oltre a questi scienziati, non tutti d'accordo nei numeri, sul riscaldamento globale antropico, appaiono di volta in volta tutta una serie di marionette una peggio dell'altra.

L'unica cosa che le collega è il solito urlo:
“moriremo tutti”
con le variazioni, come la povera bambina Greta, nel quale si indica l'anno del disastro o si indica la stagione attuale come indicativa del fatto che hanno ragione a urlare “moriremo tutti”.

“moriremo tutti” e' buono con tutte le previsioni e dando dead line che si sono spostate avanti negli anni a seconda di chi le pronunciava.

Anzi se  prendiamo il “moriremo tutti” puro e' stato usato per molti disastri presunti negli anni, veri o finti che fossero, dall'inquinamento, alla fine del petrolio alla guerra termonucleare passando per la wanda marchi, fukushima e agli orgonici. Alla fine, “moriremo tutti” e' diventato “al lupo” urlato mensilmente da qualcuno.
Capiamo da soli che abbiamo un GROSSO problema di credibilita'.
Chi li segue e' un foxxuto fanboy microcefalo, chi li contesta duramente a male parole e' solo un fanboy contrario dalle medesime caratteristiche.

Detto ciò è assolutamente possibile, anzi probabile, che esista un riscaldamento globale. Questo però non determina se di ragione antropica o altro.

Quando sentii la prima volta il GW come problematica dissi: “e allora?”.
La terra, se guardiamo e' stata per millenni un grafo a duomo milanese. Mi sembrerebbe molto strano che continuasse ad avere lo stesso clima per millenni.
Prima o poi qualcosa deve cambiare.

Il capire se questa variazione sia antropica o meno e' gia' una follia allo stato attuale.
Anche ammettendo per un istante che noi stiamo variando il clima sarebbe da circoscrivere in che direzione e di che entita'.
Una banale strada nera, cambiando l'albedo, cambia il clima, una citta' mostruosamente.
Di fatto, parlare di riscaldamento antropico, ha un senso.
La domanda e' se il clima e' veramente spostato cosi' tanto da essere sensibile, ricordiamoci l'inerzia planetaria e la superficie di radiazione non indifferente.

Per non parlare, poi, che la terra pareva raffreddarsi, basta andare a vedere le conferenze di climatologi e delle universita', del NOAA e persino articoli pesanti del NYT degli anni 70, 71, 74, 76 e 78 che prevedevano TUTTE immancabilmente  una glaciazione (ovviamente... un bel “moriremo tutti” per tutti) .
Mica rimbambiti totali, persino il NOAA, perdinci!
Molti ne parlavano con grande profusione di inchiostro, soprattutto alcun giornali che ripetevano che entro il 2020... “moriremo tutti” con una enfasi colossale tipica delle belle notizie.

Illustrissimi climatologi spendevano la propria reputazione e quella delle istituzioni per cui lavoravano per ottenere il fatto di essere i primi a dire che “moriremo tutti” per il freddo.

Era un bel lancio di dadi, era un po' che non arrivava una piccola glaciazione, sparando a caso sui dati pregressi ci poteva anche stare. SPARANDO A CASO.

Il problema che stai dicendo “moriremo tutti” e poi non succede e' un bel urlare al lupo.

Poi siccome per arrivare sotto zero nel 2020 (hei, ci siamo, no?) in 10 anni una qualche discesa la devi vedere prima si sono convinti che, si , insomma, non avremmo avuto un estate al mare sullo slittino.

Se non si raffredda, qualcuno ha pensato, allora si riscalda.
Se non e' ghiacciolo e' zuppa.
Ha un senso, se ci pensate.
Persino piu' della global ice age.

Ed ecco che nel 1985 nei giornali americani hanno cominciato ad apparire notizie di estati particolarmente calde, che poi non si sono verificate, ed infine ad anni caldi.

Nel 1988 eravamo gia' nel trip del riscaldamento globale, certo con il camberra times, mica il noaa... ma parla del fatto che nazioni unite lo prendono seriamente.

“MALE, Maldives: A gradual rise in average sea level is threatening to completely cover this Indian Ocean nation of 1196 small islands with in the next 30 years, according to authorities. The Environmental Affairs Director, MrHussein Shihab, said an estimated rise of 20 to 30 centimetres in the next 20 to 40 years could be "catastrophic" for most of the islands, which were no more than a me re above sea level.
The United Nations Environment Project was planning a study of the problem.
But the end of the Maldives and its 200,000 people could come sooner if drinking water supplies dry up by 1992, as predicted.”

Insomma, i ghiacci si sciolglieranno, gli oceani si alzeranno "catastrophicamente" e... “moriranno tutti”.
Siamo gia' in trip da GW.

Nel 1989, ormai in pieno Global warming (o warning?), le nazioni unite (mica il sindaco di rocca cannuccia!) lanciano l'allarme: “ Rising seas to ‘obliterate’ nations by 2000”. Come dire.... “moriremo tutti”

Jim hansen rilascia un'intervista che lo proietterà nel top della comunicazione e finira' a parlare al senato USA, scrivere libri, esser acclamato fra conferenze e TED, medaglie e premi... ed essere una della 100 persone piu' influenti della terra.
Cosa diceva il tipo di cosi' intelligente da essere portato in palmo di mano?
“entro 20-30 anni al mezza NY sara' sott'acqua.”
Chi lo spiega che a 31 anni non e' capitato e sembra non esserci tendenza a farlo (prova a comprare una casa a NY)?
Anche qui, ammettiamo che veramente possa succedere. Dopotutto in pianura padana nuotavano pesci.
Dare un'orizzonte temporale non verificato svaluta non solo la singola previsione, ma uno dei massimi personaggi su cui poggia il GW.

Intanto i GWisti come il nostro hansen, predicono futuri sempre piu' caldi, e nelle loro teste calde, il caldo e' nemico del freddo e quindi niente neve.
L'independent inglese segue le orme di costoro e nel 2000 inizia a sua volta la tiritera:

“L'inverno della Gran Bretagna termina domani con ulteriori indicazioni di un sorprendente cambiamento ambientale: la neve sta iniziando a scomparire dalle nostre vite
Tuttavia, il riscaldamento si sta manifestando finora più negli inverni che sono meno freddi che nelle estati molto più calde. Secondo il dott. David Viner, ricercatore senior presso l'unità di ricerca climatica (CRU) dell'Università dell'East Anglia, entro pochi anni le nevicate invernali diventeranno "un evento molto raro ed emozionante".”

insomma in 20 anni spariranno le nevicate, chi lo spiega al dott Viner delle nevicate record che hanno seppellito con 7 metri 7 di neve l'Inghilterra l'anno scorso causando piu' di qualche emozione, diciamo un grosso maledetto problema?

Ma gli inverni, comunque continuavano a esserci e allora si cambio' la solfa, non parlando piu' dell'inverno in spiaggia al mare. Ma, ovviamente, con le solite esagerazioni.

Poi arrivarono i poLLitici in sella al destriero verdosky.
Come al gore che decretava nel 2008 che nel 2013 i poli sarebbero stati campi da tennis e, di conseguenza, gli oceani saliti.
Al gore paladino dei verdosky. 

Idem i giornali come l'independent che l'anno dopo rimbalza la bufala intervistando al gore
“Artico senza ghiaccio entro il 2014”
in un anno lo scioglimento del ghiaccio avanza di un anno, cosa che si ripetera' ancora, e ancora.
per queste minchiate lo fanno vicepresidente e gli rifilano un nobel (per le arti drammatiche, immagino).

Durante la premiazione all'oscar, ops, al nobel, da prova di se:
“Lo scorso 21 settembre(2007), quando l'emisfero settentrionale s'inclinò dalla parte opposta al sole, gli scienziati riferirono del guaio senza precedenti che la calotta polare artica "sta cadendo a strapiombo". Uno studio prevede che essa sarà completamente andata durante l'estate in meno di 22 anni. Un altro studio, che sarà presentato dai ricercatori della Marina americana al più tardi questa settimana,
avverte che ciò potrebbe succedere fra soli 7 anni.
Sette anni a partire da oggi.”

Arte drammatica notevolissima.
Nel 2014 non e' andata, e comunque non pare che voglia estinguersi completamente nel 2029.
Immagino che al gore oggi dica che il ghiaccio si sciogliera' 2039, nel 49 o in sincro per diventare presidente della bocciofila.

si potrebbe andare avanti molto, o prendere per celiarli, le frasi del peggiori bugiardi come greenpeace o simili (da noi i giornali di sinistra hanno gravi colpe).

Ma il messaggio di tutti costoro e' chiaro: “MORIREMO TUTTI”

Se da un lato e' vero che ci sara' un cambiamento climatico globale, ci possiamo mettere la mano sul fuoco, visto che la terra e' in continuo cambiamento ci sara' senz'altro, ad oggi non sappiamo se e come sta accadendo.

Potrebbe andare verso un caldo come quello paventato dai marrani.
Potrebbe andare verso il freddo di una glaciazione, come paventato dai marrani precedentemente.
Potrebbe andare verso il caldo con il turbo del nostro inquinamento.
Potrebbe persino andare verso il freddo, e solo perche' inquiniamo non siamo ancora ghiaccioli.

L'unica cosa certa e' che la terra cambiera', lo ha sempre fatto e continuera' a farlo.

Altra cosa da capire e' che i cambiamenti generali vanno non per “poche decine di anni” come vorrebbero quelli che chiedono la morte, ma sono andamenti secolari all'interno dei quali gli anni possono essere molto diversi: se quest'anno l'inverno e' mite, quello prossimo ti manda 7 metri di neve.
I continui riferimenti “a memoria d'uomo” non vogliono dire un piffero..

Ecco perché mi spaventano le Greta che fanno partire la settimana del clima.
Al Gore era esattamente come Greta, solamente che la bambina, spero per noi, non e' consapevole.
Entrambi sono solo 2 ignoranti, nessuno dei due e' un climatologo.

Purtroppo anche i climatologi hanno scoperto che gridare “MORIREMO TUTTI” produce cascate di soldi.

A questo punto, anche ci fosse uno studio serio, credibile, ben documentato, che magari ci avvisa che e' veramente meglio operare in certe maniere non potremmo mai saperlo: e' coperto da una montagna di bugie (medda?) urlate al grido di.....

lunedì, settembre 16, 2019

i grillini, i giornali, la logica

siamo riusciti ad aumentare i debiti!

Sinceramente vorrei che i grillini si levassero dal casso.
Non e' un attacco poLLitico o una presa di posizione propagandista o altro.

E' solo che sono arcistufo delle loro cagate GIORNALIERE.

E' un po come l'epoca di berlusconau che quasi tutti i giorni quelli del PD ti rompevano il casso che il loro amico aveva fatto questo o quello.
Stando al PD il loro amico B era effettivamente dotato del dono dell'ubiquita', se fossero infatti state tutte vere le lagnanze B e' un superuomo in grado di produrre cose 200 ore al giorno.

Ero quasi contento di essere fregato da B: vuoi mettere essere fregato da un superuomo che viaggia nel tempo come gli avenger e che riesce a prendere in giro tutta quella gente tronfia che gli urla dietro mantenendo la concentrazione?
La fine di B e' stata, diciamocelo, una liberazione: non si parla piu' di B (anche se alcuni idioti del PD ci hanno messo anni a smetterla, senza di lui non sapevano piu' di cosa parlare. Ancora nel 2019 mi e capitato un piddino che mi ha detto “ma e' colpa di berlusconi...”)

I grillini sono anche peggio, tutti i giorni devono fare una mirabolante affermazione, con una colossalita'.
Se quelle del PD su mister B sembravano sparate tante e grosse, queste sono su tutt'altro livello.
Anche di sfixa, non si limitano alla bugia e alla menzogna, ma entrano dritti nel campo, appena accennato dal PD dell'epoca, della contestazione di matematica e fisica.
Con l'alleanza salvinica, non certo un silenzioso partner, le pagine giornaliere sul nulla fritto di rocca cannuccia certamente rovinato dalla grossa lanciata dall'europa in sessione di gabinetto si sprecano.

Uno dice: cade il governo, bene. 
Magari il governo sara' ugualmente medda, ma possiamo sperare meno rumoroso.
I giornalisti che si sentono obbligati a leccare le scarpe al potere, riportando elucubrazioni matematiche che contestano il significato di frazione riportato nei libri, per un po termineranno. 
Bene.
Magari dei giornalisti riporteranno finalmente NOTIZIE.
Magari daranno piu' spazio a dei VERI giornalisti che quando qualcuno dice che il cielo e' verde un minimo di dubbio lo pongono.

Col casso!
ma andiamo su quello che mi ha veramente spaventato.

Quello che mi ha piu' lasciato colpito e che nessun media nazionale, neppure il TG RAI appena visto, parli di rousseau se non dandolo per scontato come cosa funzionante al pari di una lampadina.

E' un po che non scrivo di questocollettore fognario che ha distribuito il contenuto una decina di volte negli ultimi anni un po' di risultati pseudocasuali.

Il fatto che sia un oggetto insicuro e' certo, e' stato detto piu' volte da:
esperti di informatica che hanno portato prove, piu' volte
Personaggi che hanno lavorato per
Ministri grillini che hanno ammesso la cosa
ministri grillini che si sono lamentati rischiando il posto
Ed, infine, dalla struttura statale che, nonostante una raccapricciante analisi, ha elevato una incredibilmente bassa multa.
Ci sarebbe da chiedere se anche le aziende da oggi in poi possano, proporzionalmente, beneficiare di queste tariffe che sono circa un millesimo del solito.
50.000 euro per questo disastro ripetuto piu' anni?
Allora quando chiedono 3000E perche' mancano un paio di cartelli per le videocamere alle aziende private stanno scherzando e poi basta che fai un bonifico di 100E e finisce li?

L'unica critica, come quella fatta da me anni fa, e' che se hanno votato 79.634 iscritti, su una base 117.194 iscritti.
La volta scorsa dissi che era bizzarro parlare di successo con 0,0008% degli aventi diritto in italia, lo 0,003% dei grillini
questi si gasano, parlano di plebiscito passando da 63 a 79K, dimenticando che persino 40.000 gia' iscritti al sitobufala ha dato forfait.

Parlano di PLEBISCITO quando il 53% degli iscritti al bidone hanno detto si e il 34% e' astenuto!
Quattro gatti e il sistema e' andato pure giu' per qualche minuto, da quello che sembra.

Plebiscito
“ una legittimazione popolare a situazioni di fatto, con votazioni spesso dall'esito scontato e schiacciante. Da qui il termine plebiscitario”

In soldoni, le votazioni sembrano a larga maggioranza, inequivocabile, ma non plebiscitaria (0,00%) anche solo considerando il piccolissimo recinto del sitarello.
In pratica vale meno dei sondaggi che davano la clinton vincente.

Detto questo in teoria la direzione di un partito la decide il partito stesso:
Con riunioni
Con direttive del capo di partito
Con il lancio di dadi
eccetera.
Quindi ci potrebbe anche stare che una piccolissima parte di "eletti" dai grillini (gli iscritti al sito) possa decidere lo scopo del partito.

Quello che invece NON deve fare e' porre le cose in maniere che potenzialmente possa decidere un altro governo. Per esempio quello cinese.

Mettere in pista un simile orpello, gia' morto molte volte sul campo. vuol dire quello: chiedere a chi e' in grado di alterare i risultati di farlo se questo incide sui propri interessi.
Il fatto che si decideva di continuare ad avere lo stesso governo (o dare la barra a salvini) o passare al PD e' cambiare il timone a 60.000.000 di persone.
Per esempio: un governo africano (ma non solo) avrebbe molto interesse a cambiare governo da con salvini ad uno senza.
Un'occasione ghiotta.

Che potenze hanno messo in campo i nostri grillini dopo le disastrose performance precedenti?
Sistemi di accesso basati su HW (smartcard)?
Gestione con frontend separati e conservati in bunker?
Guardie armate in sala server?
Sistemi certificati da organismi indipendenti?
Test di penetrazione?

No, i grillini nella loro grande scienza hanno trovato la soluzione definitiva:


“gli esiti delle votazioni sono certificati dal Notaio che ha assistito alle procedure di voto e ne ha garantito la regolarità”

Porca paletta miseranda! Il Notaio con la N maiuscola sul petto!
Il notaio deve essere un nuovo supereroe di my hero accademia che vede passare i bit dai cavi e poi sniffa l'HDD e ne intuisce il contenuto giudicando cosi' se vi e' stata un'alterazione. Ovviamente e' anche in grado di percepire che il votante corrisponda al codice fiscale immesso grazie a un gruppo di poteri in suo possesso.

Che potenza questo Notaio, altro che le insipide figure con cui ho avuto a che fare che non riuscivano neppure a fare i 500m che li separavano dal catasto. Chissa' perche' ha scelto questo nome poco edificante.

In realta' il notaio e' solo un uomo che ha solo ricevuto un documento del provider, una piccolissima realta', sul loro sito non capisci manco quanto sono grandi e sul profilo social fra gattini e un paio di giovani nerd non vedi altro, che dice che sui log di accesso non ci sono particolari stranezze. 

Magari sono i piu' fighi dell'universo, ma non esiste analisi sul funzionamento ne un piffero.

Se il soft e' attaccato PRIMA della votazione, modificato prima della consegna, con un bug e cosi' via, durante puo' non presentare anomalie essendo il SW “normale”. Eccetera eccetera.

Oltretutto parte del soft e' stato cambiato DURANTE le operazioni di voto (la posizione della schermata) invalidando, di fatto, le dichiarazioni del provider e di conseguenza rendendo il notaio un bugiardo. 
Spero che sia stato pagato bene per fare la figura dell'idiota.

In tutto sto casino:
il sito che proviene da una lunga serie di sconfitte
Il sito che e' considerato pericoloso
Il sito che ha esposto il cu... degli iscritti
Il fatto che una votazione online e' impossibile

i giornali che hanno detto?
Hanno solo riportato le votazioni commentandole come se fossero reali.

Nessuno ha detto che erano tecnicamente come una moneta da 3 euri: non spendibile.

Il silenzio dei giornali sulla sicurezza del sito e sulla possibilita' di voto elettronico il silenzio e' pneumatico.

Le conseguenze di questo fatto, oltre a sottolineare che un gruppo di furbetti tiene per le palle tutti gli italiani, e' la definitiva certificazione della morte dell'informazione in italia.