martedì, gennaio 17, 2017

tv story 2016

2016

 

il 2016 si pone come un'altro punto importante.
La prima morte importante e' il videoregistratore a cassetta. L'ultimo VTR VHS esce dalla linea di produzione.
Ci sono 2 buoni motivi per il quale muore. 

Il primo e' che nell'ambito consumer il pubblico meno istruito identifica la videocassetta con il vecchio mondo.
Il flop del formato DV la dice molto lunga, ma neppure le versioni migliorate (oggi si direbbe stoltamente 2.0 e 3.0) del VHS avranno mai un qualche successo. Il SVHS si e' visto solo sporadicamente e sempre in casa dei videomaker. Il SVHS aveva una qualita' non trascurabile e paragonabile ad un DVD. Il D-VHS ancora peggio: non e' mai neppure arrivato ai confini del mondo, in italia non e' mai stato importato ufficilamente.

Il secondo e' il fatto che la gente non REGISTRA piu'
I film che arrivano dai media non finiscono registrati, anche perche' grazie alle presa ambita dai consumatori, hdmi, non e' piu' neppure fattibile. I consumatori scaRRRiGano da internette con i vari e-mule, e' piu' facile che fare qualcosa di legale. Vista la fretta e la banda in quell'ambito girano di rado file da 8GB di qualita' DVD PAL o da 50GB di un BD. Contemporaneamente si diffondono usb-drive (per gli imborniti: chiavette) che sarebbero messi in difficolta' dalle velocita' e capienze necessarie per un PAL di razza. Cosi' non e' piu' necessario di un contenitore capiente (leggi: lento) per una qualita' a cui nessuno e' abituato piu' e che difficilmente puo' vedere per via degli LCD cinocoreani.
E' quindi la morte sia del VHS sia del video su nastro, 76 anni ben portati. 
Morte anche dell'oggetto videoregistratore in toto nell'ambito consumer quasiasi tecnologia possieda.



Il 2016 e' la definitiva affermazione del 4k casalingo. In pratica la certificazione della stupidita' del consumatore.
Il 4K nasce per il cinema. Dopo accurati studi viene definito non necessario per un telone da centinaia di pollici salire oltre.
Infatti un normodotato (10/10) non e' in grado di apprezzare oltre quella definizione, per farlo dovrebbe essere tanto vicino da trovare fastidiosa la visione. Inoltre il 45% della popolazione mondiale ha difetti di vista. In pratica riuscirebbero a gustarsi risoluzioni superiori solo un pool di persone veramente ridotto che, tolti coloro i quali non interessa il cinema, si riducono vicini allo zero.

Per vedere tale qualita', avendo almeno 10/10, in un tipico setup casalingo occorre un tv di 200/250”.
I consumatori che riescono a spendere anche dopo una lobotomia chiedono a gran voce di sostituire i loro fintoHD (per i quali occorre  un 80”) in 4k e l'industria accorre. Il prossimo passo la biciletta con il condizionatore (1000W almeno!) alimentato dalla pedalata.


Ora il problema si riduce al fatto di avere 3 tipi di trasmissione incompatibili fra loro a livello di pannello: il vecchio 576, il 1080 e il 2160. Inutile dire che se avete il tv sbagliato vedrete male. 
Dubito che uno in salotto abbia tutti e 3 i pannelli. 
Dimenticavo: il 4k del cinema e' un formato ancora diverso.
Con questa manovra dei consumatori siamo condannati a vedere male ancora per 20 anni, sempre che non siano cosi' idioti da cercare il 6,8,12,o 16K...




Le puntate si fermano qui perche' non e' possibile prevedere il futuro.
Probabilmente, se le cionokoreane saranno ancora leader come penso, ci saranno televisioni a 8K. Magari con telecomando da acquistare a parte.
I televisori saranno sempre piu' strambi: curvi o mossi, con videogame integrato, con funzione “illlumina la stanza” o “ordina un caffe'”. 

Il gioco sara' “famolo strano”: con antifurto integrato o visualizzatore per la lavatrice (si ferma il film per stendere). Difficilmente si vedranno molto meglio se non per l'accresciuta banda, sempre che non saranno da collegare via e-sim.

L'audio sara' sempre piu' marginale e un'ampli in classe AB sara' strano come oggi lo e' un classe A pura.

La percezione e' questa, l'innovazione si e' fermata agli anni 80/90. Dopo, salvo rare eccezioni, si e' solo sviluppato il precedente. 

Poi neppure quello.

Abbiamo mangiato decenni di cinescopi in-line, ma dire che esisteva di meglio, esiste, e' difficile. Ma ogni volta che tiravi fuori un TV nuovo dalla scatola era un nuovo traguardo.

Certo gli LCD hanno ORA i loro vantaggi. Per esempio la luminosita' imbattibile ma la qualita' e' ancora bassa. In pratica buono se avete uno stand ad una fiera.
Sicuramente per chi non vuole il videoproiettore il TV a pannello ha dato la facolta' di salire di dimensione, ed e' un grande vantaggio. Probabilmente saliranno ancora un pochino.
TV di dimensioni HD ne vedo poche ma soprattutto sembrano strane a chi non e' dl settore.

L'abbassamento coatto dei costi di produzione permesso dal basso costo dell'LCD ha permesso di fare tv da 50” a 299E. E questo e' innegabile.
Continuando la discesa se non ci saranno stoltaggini "qualificanti"  come il raccontare le barzellette la discesa ulteriore dei prezzi consegnera' la produzione a sconosiuti cinesi come xiaomi o Tlc (chi non la conosce sappia che e' gia' il 4 produttore mondiale)
Dopotutto una samsung o una pingpong che differenze possono avere?


Perche' alla fine, nonostante l'evoluzione del povero LCD che ci e' stata, sono state privilegiate dall'acquirente delle caratteristiche piu' importanti come
L'abbassamento della qualita' (sottile)
L'abbassamento della qualita' ( mii cehe beddo luccido!)
L'abbassamento della qualita' dopo il passaggio della nipotina (il vetro: che costo, crack!)
la possibilita' di vedere “a chiavett” piuttosto che un video migliore.
l'abbassamento bestiale della qualita' (4k)
Sono TV usa e getta che non possono neppure essere spolverati e non sempre costano 200E.
Se il mercato e' in mano ad aziende molto scaltre che per tradizione non investono in ricerca chi ci inventera' la prossima generazione?

lunedì, gennaio 16, 2017

idioti = consumatori?


Il lievito istantaneo e' banalmente un acido e una base che reagendo... generalmente viene chiamato lievito chimico
beh leggiamo wiki

Il lievito chimico funziona grazie a una reazione acido-base che rilascia bolle di anidride carbonica nella pastella o nell'impasto che si allargano e lo fanno lievitare.

Il lievito chimico viene chiamato cosi' per via delle innovazioni della chimica che portarono a sviluppare composti stabili a partire da fino ottocento ma solo con la pervasivita' dell'industria chimica (e formule piu' stbili) arrivata dopo la seconda guerra che si diffuse velocemente.

Ma ai verdosky idioti il fatto di mangiare lievito "chimico" fa venire un cortocircuito e allora bisogan venire in contro ai minorati mentali e farli sentire meglio.
Non potendo fare un corso di chimica che gli spiefghi che salare la pasta e' comunque chimica e' necessario rassicurare i minorati.
Ecco quindi la confezione per minorati:

Innanzi a tutto affermare la mancanza di glutine nel lievito. Come se ce ne sia mai stato (al massimo si usa l'amido di mais come ritardante). Poi se non lo usate per la farina, per cosa lo usate?

Poi bisogna dire che e' BIOLOGGGGGICO. biologico, certo. Anche il metano e' bio.

La scritta neutro, bella rassicurante aiuta le vendite.


L'unica mancanza e' la scritta "senza olio di palma" e siano a posto.
A qualcuno non viene in mente di essere preso per il culo?


giovedì, gennaio 12, 2017

JBL requiem?



Una volta esisteva JBL. Vediamo chi era.
JBL ha di fatto inventato:
l'audio dei cinema,
le soundbar che funzionano (una usata del 196x costa 30KE),
il sound americano
le lenti acustiche.

JBL e' maestra della tromba, sonorizza woostock, alimenta la fender e introduce sul mercato tecnologia a pioggia. Se oggi sapete cosa e' il suono monitor o il bass reflex e' grazie a costoro. 
Chi non conosce JBL non sa cosa sia il rock.

Une delle aziende che di fatto ha inciso sul nostro mondo e ha permesso all'HiFi di essere cosa e' oggi. 
Negli anni si e' fusa con altri mostri sacri sotto la bandiera di HK. 

AKG Acoustics, diciamo che se non fosse per altri crucchi sarebbe sinonimo di cuffia.

Crown: hanno di fatto inventato il pompailpippero. Nel 1967 facevano ampli audio da 150W SS mentre da noi era difficile trovarne da 1W.

dbx: ragazzi! DBX era il sogno di molti. Una audiocassetta con DBX bruciava un CD come dinamica e non era molto piu' rumorosa. Ed erano gli anni 80. Ovviamente al consumatore degli anni 80 non interessava suonare come un CD ma ai professionisti si. Ci sono molti CD registrati da un nastro processato con un DBX

Harman Kardon e' un'altro nome pesante. Chi non conosce i citation o le radio sterefoniche? Anche se ultimamente, per la crisi della musica (nessuno ascolta piu' musica) di e' ridotta a fare cosacce.

Infinity Cavolo! Come non ricordare questi pazzi? Stiamo parlando di gente che non solo introduce elettronica che si narra derivata dai sistemi di navigazione missilistici ma, di sicuro, per hobby usava le misurazioni dell'industria spaziale per misurare gli altoparlanti (come si evince in un'intervista). Non contenti di cio' di inventano un tweeter e un midrange elettrostatici figoserrimi. I woofer sono costruiti poi di conseguenza. L'IRSV viene considerato il migliore sistema di altoparlanti mai costruito. Regolatevi.

Lexicon e' un'altro pezzo forte. Parliamo, per chi e' stato dietro un mixer, di un'azienda ICONICA. Ha portato il digitale nell'audio e gli effetti e i prodotti erano banalmente il massimo. Avere un Lexi sul banco di regia era sapere di non essere alla sagra del salume.

Mark Levinson e il suo gatto dal grande udito che facevano piccoli ampli da 200Wx2 del dolce peso di 56Kg.

Martin Professional e' un'azienducola che produce DMX che sono in grado di aprire cosette come le olimpiadi di pechino con un migliaio di proiettori sincronizzati.

Soundcraft fa solo mixer fra i migliori in circolazione.

Studer e' la versione PRO di revox. Se non vi tremano i polsi pensate che gente come i queen e i beatles li adoravan,o pensate che per gli eventi piu' tosti vengono usati, nelle versioni digitali, da BBC, RAI, FranceTV, ABC, NRK...

A&H, quelli che hanno inventato il mixer moderno.

Becker: se non sapete chi e' non avete il diritto di avere un'autoradio che costi piu' di 100E. Nel 1953 facevano gia' roba premium, nel 63 la prima autoradio a transistor, la seconda nel 85 con il CD ma la prima “di serie”.

in pratica HK e' il succo dell'hifi, il concentrato dell'HiEnd e il sunto delle conoscenze audio.

Perche ne parlo?

Perche' nel 2016 una azienducola di prodotti low cost che produce ampli da 20W da 2Kg targandoli 1650W, specializzata nell'etichetta glitter sui tv, amica del megapixel e amante della parola LED in grassetto che, sinceramente, non mi sovviene nessuna cosa innovativa al di fuori del marketing (veramente eccellente) si ritrova ad avere dei soldi in cassa in contanti.

Si avete capito bene, a forza di vendere cio' che l'utente vuole come tv lucidi con risoluzioni ridicole con un guadagno importante, si ritrova ad avere 8 miliardi di euro in contanti. 

Cosa fa? 

Si compra HK.

Ripeto, IN CONTANTI.

La giustificazione e' che nessuno voleva un'autoradio con display lucido, 4k e 1000W finti e prona al virus. Ora puo' proporli attraverso chi e' ben presente sul mercato. 

Pensiamoci bene. Samsung e' un'enorme fonderia. E' una fabbrica ad altissima efficienza e notevole precisione. Chi dice che i prodotti sono GENERALMENTE malfatti o si guastano e' un'idiota che non conosce il prodotto. Certo gli HDD non avevano una grande vita, per non parlare delle stampanti, ma erano eccezioni.

Samung produce il 30% delle RAM e probabilmente sono solo altre 2 le fonderie in grado di impensierire il colosso. 
commercia una colossale cifra del mercato della telefonia. 
Vende una cifra ridicolmente alta del mercato AV. 
In pratica detiene il mercato dell'elettronica. 

Sta inoltre crescendo in molti mercati come quello dell'automobile (che cresce bladanzoso) o quello delle navi (2do posto al mondo)

Il tutto senza fare mai innovazione. 
La ricerca non avviene mai se non con lo scopo di montare. 
Samsung produce fra le migliori macchine per produrre elettronica (saldatrici e posizionatori) e le sue stamperie di chip ogni anno mettono piu' transistor sul die. 
Chi vuole un prodotto da 2 soldi ben assemblato e senza pretese e' sicuramente accontentato.

Viene da chiedersi che fine fara' un colosso delle ricerca che ha speso biliardi di $ in ricerca che ora, per pochi (ma tanti) spiccioli, finisce in tasca a chi non spende un nichelino in “cose nuove”.

Oltretutto i brevetti in mano a JBL, come gli EMIT, spariranno dalla faccia della terra come e' successo per altre cose comprare in tal maniera?

Spariranno le 44XX?

Tante domande per una tristezza infinita.
Una sola certezza: il consumatore e' un'idiota.

NB 
le JBL L 112 sono, a mio giudizio, le casse piu' glam rock mai prodotte
This Ain't Rock and Roll, This Is Genocide!

tv story 2015




Nel 2015 un fornitore di contenuti via Internet che si chiama Netflix annuncia la trasmissione di serie televisive riprese da loro in un formato 4K con un bitrate massimo  appena sufficiente ad un PAL di bassa qualita', 12Kbps.

Forse erano pazzi i tizi del bluray, folli i tizi del DCI o sono completi imbecilli i consumatori?

I 2015 è l'anno dei LED. I LED appaiono ovunque sia nell'illuminazione dove i numeri sono decisamente messi a caso, sia, finalmente, nei televisori.
Appaiono in quest'anno  i televisori LED, tipicamente nella configurazione organica inventata dai soliti kodak e Philips, acquistabili dal grande pubblico. Non risccuotono il successo previsto perche' dopo anni a sputtanarli con i fintoled il peone non capisce certo in cosa consiste la differenza.

A proporre i LED in maniera pressante sono le stesse case che li hanno massacrati e bloccati fino a ieri. Adesso con la morte dei genitori che avevano investito tutto in queste nuove tecnologie queste magicamente diventano una novità nonostante che siano in commercio attraverso i marchi Kodak e Sony da lustri.


lunedì, gennaio 09, 2017

tv story 2014



Nel 2014 LG, un'azienda elettrotecnica nata con i ventilatori compra da Kodak le tecnologie sviluppate per gli O-LED del 2006. All'IFA il suo CEO annunncia:
“Il fatto che nessuno è nemmeno noi che stavamo inseguendo  inseguendo avevamo quella tecnologia.

Kodak aveva  un vantaggio incredibile. Un vantaggio che avremo probabilmente per dieci anni. Nessuno ci si avvicinera'   per 2-3 anni almeno, che è un  grosso vantaggio."

se leggiamo bene fra le righe sta dicendo banalmente che i signori di Kodak nel 2006 avevano la tecnologia che il miglior coreano avrebbe potuto sperare di avere nel 2020.

E se i consumatori avessero voluto avrebbero avuto un tv LED del 2034 in casa nel 2006.
Sarebbe bastato comprare qualita'. Invece comprano il prodotto di ieri come novita' del domani togliendosi il futuro. Eggia', morta kodak&c chi sviluppera' il domani?
Nessuno. 

Kodak che aveva avuto una grande parte nella fotografia digitale e si era svenata per i TV LED finiva cosi' nel novero dei morti eroici succhiati da chi le innovazioni le contrasta.
Mai sviluppare ma uccidere e rilevare cadaveri.

Rimosso l'inventore degli O-LED che avrebbe potuto disintegrarli se fosse riuscito ad entrare in produzione tutti cominciano a produrli e utilizzarli in quantita'.


Nel 2014 dopo un pressing monstre viene adottata da molti comitati (come il DVB) la “ridicololuzione” 4K e in alcuni casi 8K.

La cosa definisce la fine di un'era (un'altra!) che a guidare l'evoluzione della televisione siano la qualità e la capacità tecnica.

Tutte le norme precedenti stanno definire che per arrivare a una qualità decorosa era necessario avere grandissime larghezza di banda..

Successivamente, con il digitale che permette perdite qualitative specifiche, si era visto che era possibile scendere in maniera drastica nella larghezza di banda necessaria.

Nonostante questo era necessario comunque avere un canale di trasmissione solido e come raccontano bene i vari standard come quello della videocassetta DV,  del DVD, D5, BD o DCI raccontano che per una risoluzione 4K il minimo sindacale necessario dovrebbe essere almeno 200 Mb per secondo.

Inoltre se lo standard PAL era strutturato per poter arrivare 60 pollici senza problemi e lo standard alta definizione quello di  potersi spingere fino ai 250".

Viene da chiedersi a cosa serva formalizzare uno standard televisivo commerciale per i consumatori che non solo si va a sovrapporre pedestremente a quello del cinema ma serve solo per chi vive in un hangar.
Chi ha piu' di 200” in casa e contemporaneamente ha 10/10? Parliamo di schermi da piu' di 5m!

Oppure racconta che un piccolo schermo da salotto dovrebbe avere una soluzione superiore a quella di uno schermo di migliaia di pollici di un grande cinema.

Nel 2014 infatti mentre tutti i giornali si svenavano per raccontare di quanto è bello avere 4k in salotto il materiale di partenza che veniva proiettato nei cinema veniva ancora prodotto e proiettato utilizzando videocamere, proiettori e file da 2K, sostanzialmente sovrapponibili al 1080p.


La differenza quindi qualitativa fra il cinema e il televisore di casa sicuramente non era una questione di mera soluzione ma più probabilmente di caratteristiche di larghezza di banda e qualità del TV.

Non servono i 4K per fare un telo da 1000” ma avere 500GB di dati  aiuta molto.

lunedì, gennaio 02, 2017

ecomerdalogo greepeace DOC

 ci rompono i coglioni anche durante le feste?

Greenpeace, consigli per un 2017 rispettoso dell'ambiente




DAVVERO?
Da quelli che pubblicano gioiose foto come questa?

Gioiosi green...


“1. Il futuro è rinnovabile

L'energia del sole e del vento fa bene alle nostre tasche e all'ambiente. La produzione in eccesso si può rivendere in rete o impiegare per alimentare una bici o un'auto elettrica. Installate un pannello solare o, se non potete, diventate membri di una cooperativa che produce energia 100% rinnovabile.”

L'importante che a farlo siate VOI. 
Greenpeace invece preferisce il carbone. Costa meno!
Usa motori a IFO, si fa prima.
Va in giro con motori da centinaia di cavalli a benzina. bruciare benza e' bello!
Addirittura possiede vetture a gasolio: perche' risparmiare e' importante, l'ambiente? Chi se ne importa!



“2. Accendiamo il futuro

Compriamo lampadine a basso consumo.“

Evvabe', monsieur de la Palice sono 50 anni che le compriamo. Costano meno.

“Per creare l'atmosfera natalizia scegliamo lampade a LED. A parità di illuminazione, con la tecnologia LED si ha un risparmio energetico dal 50 all'80%. Collegare poi le luci a un timer, in modo da attivarle solo in un determinato periodo, consente di risparmiare energia.”

Le lampade “LED” non sempre sono la scelta giusta.
Possono addirittura consumare di piu' delle lampade tradizionali, se intendiamo le fluorescenti (esistenti dal 1940).

Per i festoni dell'albero, dove effettivamente hanno un senso, bisogna fare due premesse.
La prima e' che devono essere COSTOSE. 
Spesso le LED hanno non solo un colore azzurrino di M dato dai chip low cost (ad alcuni addirittura piacciono) e discontinuita' di colore sulla stessa fila (scarti di produzione) ma hanno alimentatori tirati dritti che durano al massimo 2 o 3 natali.
Bisogna infatti notare che una fila di “lucine” va al massimo un paio di ore al giorno per un periodo di 10 giorni in molte case. 
Spesso, andando da parentame&c, il giorno di natale neppure stanno accese. 
Nonostante cio' l'alimentatore elettronico, spesso, e' fatto con condensatori low cost che, andando in deriva dopo 5 anni, decretano la morte dopo poco tempo. In taluni casi dopo 2 natali.

Per un totale di 20h anno le lampadine ad incandescenza (io ricordo quelle dei miei durate decenni) possono consumare molto meno come energia complessiva.

Ricordiamo infatti che una fila di 20 lampadine “tradizionali” da 1/2W sono 10W
Oggi “grazie” al fatto che i LED consumano meno non sono rare le file da 200 “lampadine”, in precedenza non era fattibile... Nessuno metteva 200 o 300 lampadine su di un'albero.
Il costo di realizzazione (anche ecologico) e' elevato e soprattutto l'alimentatore integrato le condanna spesso a una vita breve.

Comunque un discorso inutile, ormai le luminare in filo per interni ad incandescenza o le rare al neon sono un lontano ricordo per gli scaffali.
Il discorso sulle luminarie e' come il sesso degli angeli



“3. Una casa green è meglio”
Casso vuol dire?

Apparecchiamo la tavola delle feste senza impiegare piatti e bicchieri di plastica. Sono disponibili diverse alternative biodegradabili e compostabili.”
Se per trovarle bisogna percorrere Km, oppure hanno costi ecologici collaterali, pensiamoci.


“Attenzione anche alla scelta delle piante: si usano molto le stelle di Natale in questo periodo, ma da un rapporto di Greenpeace emerge che i due terzi delle piante ornamentali analizzate sono contaminate da pesticidi dannosi per le api.”

Green peace sta attenta alle api, disponibili in quantita' durante il natale italiano.
Forse pero' sfugge la stella di natale agli ebetoni-green:
La stella di natale,
la grande pianta alta diversi metri con le caratteristiche bratee da noi viene sodomizzata lasciandola al freddo del natale italiano dove generalmente non va oltre i 20cm della serra dopodiche' crepa.
Mettere una pianta messicana in piemonte non e' un idea geniale.

Casa green, non parliamo di CASA.


“4. Mettiamo in tavola la sostenibilità”
Perche semo sosteniBBBili.

“Privilegiamo prodotti provenienti da agricoltura biologica, locali, stagionali e liberi da OGM.”
Niente pasta e riso, scordiamoci il panettone e i salumi. Odiamogli ogm ma ne usiamo a tonnellate.
Si salva forse la zuppa di farro: un bel natale!
Forse un poco di cultura agroalimentare ci starebbe,

“Acquistiamo legumi e zafferano dalle terre colpite dal terremoto in Italia centrale, aiutando così questa parte del Paese a ripartire.”
Ma non avevamo detto “locale”?




“5. Consumiamo il pesce giusto”

“ Scegliamo il pesce fresco locale”
In lombardia o un trentino?

“Nella scelta del tonno in scatola, facciamo una scelta sostenibile. Privilegiamo il tonnetto striato pescato a canna.”
Tu hai un'idea di cosa costa?
Ma non avevamo detto “locale”?
Quello EFFETTIVAMENTE pescato a canna costa come il salmone.
Oppure ci contentiamo del solito appaiccichino “bio”


“6. Regaliamo abiti senza sostanze chimiche pericolose”

Se scegliamo di regalare un capo d'abbigliamento, orientiamoci su vestiti di seconda mano o abiti in cotone biologico. 

Al di la che devono dirmi cosa e' il cotone BIO, ci sarebbe un lungo discorso.
Voi avete mai regalato un vestito di seconda mano?
Dai, non scherziamo.



Se invece vogliamo acquistare un capo nuovo, preferiamo i marchi che sono impegnati nell'eliminazione delle sostanze chimiche pericolose.

Tutti i vestiti contengono sostanze pericolose o sono stati usati per  colore o finissaggio.


7. Acquistiamo meno vestiti

In media, una persona acquista il 60 per cento in più di prodotti d'abbigliamento ogni anno e la loro durata media si è dimezzata rispetto a 15 anni fa, producendo montagne di rifiuti tessili. “

“Scegliamo capi d'abbigliamento che durino nel tempo e possano essere riparati. “

Si chiama MODA, bellezza!

Senza fare giri di parole del caspita forse e' meglio dire tutto in uno slogan, stavolta ci sta.
Green stronzi che inventano slogan anche per come si gira il risotto in pentola che non e' capace di fare il loro slogan solito?
Pero' dovrebbero dire
ABOLIAMO LA MODA!

No, e' che non vogliono che si capisca cosa stanno sostenendo: 
il cambiare vestitino a raffica, 
l'amato shopping, 
non devono essere le “parole chiave” da toccare!



“Uno dei costi maggiori per il pianeta viene dal crescente uso di fibre sintetiche: il poliestere, in particolare, emette quasi tre volte più CO2 nel suo ciclo di vita rispetto al cotone. Questo materiale può impiegare decenni a degradarsi e contamina l'ambiente marino sotto forma di microfibre in plastica.”
Facciamo una premessa: in tanti lavori non e' possibile usare il cotone.
Io sono un fiero sostenitore del katun, della WS,WL eccetera ma dove ci vuole ci vuole.
Certo che se cambi vestitino ogni10 minuti non puoi permetterti una giacca di Zegna, devi ripiegare sulla felpa di merda in PU che costa 10E
ABOLIAMO LA MODA?
Perche' e' questo che, con un giro di parole, si sta dicendo.

A me va bene, cambio i vestiti per usura e scelgo roba seria. Ma il 99% degli italiani toglietegli il poliestere e muoiono.




“9. Facciamo acquisti in modo sostenibile

Invece che in auto, godiamoci l'atmosfera natalizia passeggiando o utilizzando la bici: fa bene all'ambiente e alla nostra salute. In alternativa, usiamo i mezzi pubblici o altre forme di trasporto collettivo.”

uno che fa acquisti a natale, subendo il caos, la corsa al regalo eccetera, vuoi che ci pensi?
Ti voglio vedere la zia Cesira, anni 60 e 90Kg,  fare un giro in trentino a dicembre in bici sui tornanti con il 60" sul portapacchi.

“Meglio ridurre i regali e comunque preferire prodotti ecosostenibili, facendo attenzione all'imballo. Spesso riceviamo regali dove l'imballo è spropositato rispetto al regalo.”

“E poi, l'oggetto che stiamo regalando è necessario, è gradito, oppure finirà in un cassetto o peggio nel cassonetto?”
E' il natale, bellezza!


“10. Sosteniamo Greenpeace!”

“Greenpeace è impegnata per salvare il Pianeta.”
Come risulta dai report, Greenpeace non ha mai fatto nulla del genere.


“Possiamo diventare anche noi volontari di Greenpeace o anche cyberattivisti, partecipando a petizioni online, ricevendo aggiornamenti sulle ultime attività e contribuire a diffonderle in rete.”
Ovvero: lavorate per noi GRATIS, se poi non volete schiodare il sedere dalla sedia potete diventare cyberauallaualla, che e' come dire grillini ma con l'etichetta piu'.

tv story 2013



Nel 2013 e' la fine di un'altra era: tutti i costruttori di pannelli al plasma hanno dichiarato a spizzichi e bocconi negli ultimi anni di cessare la produzione dei plasma.

Ed ora siamo alla pietra tombale dello stop della produzione mondiale.

In effetti la richiesta era molto bassa e nonostante sia la tecnologia vincente dal punto di vista qualitativo costa effettivamente qualcosa in più o produrre un pannello plasma senza che la mostruosa differenza qualitativa con un pannello a cristalli liquidi, decisamente inferiore, venga di fatto percepita dal consumatore.

Perche bisogna ricordare che montato su di un TV dall'elettronica insufficiente alla risoluzione scelta la differenza e' inutile: mettereste una ferrari avendo il motore di un falciaerba?

È un peccato perché mancando questa tecnologia è di fatto impossibile avere un'immagine di qualità in casa a prezzi abbordabili in una televisione d'appoggio che è poi quella che richiede il grosso pubblico.

Molti estimatori piangono la notizia della chiusura degli ultimi impianti ma di fatto non sono in una quantità così grande da garantire una produzione che consenta di mantenere la la ricerca e gli impianti.

Il pubblico ha scelto per l'ennesima volta, ha scelto che preferisce guardare il televisore attraverso uno schermo a cristalli liquidi anche se questo non è proprio il massimo perché…… e' stolto.

domenica, dicembre 25, 2016

che cazzo lo scrivi a fare?


Spesso mi sono posto il problema dello scrivere. So di non essere un Baricco, la mia scrittura lascia molto a desiderare.
Anche se ogni tanto sorprendo me stesso per la bassa qualita' che riesce a raggiungere la mia prosa nata da quelle stronze maestre ignoranti che erano parcheggiate nella sQuola.

Cercando di raddrizzarmi ho letto molto, mi e' sempre piaciuto leggere,  alle medie andavo malissimo a scuola perche passavo il tempo a leggere. fino a picchi di 10 libri alla settimana. Il mio prolema era trovare i libri, non leggerli.

Scrivo perche con tutto questo maledetto leggere, alla fine, qualcosa ho imparato, no, non la scrittura in se. :-)

Lo scrivere e' solo il mezzo del portare un messaggio.
Se non hai un messaggio TACI.

Mi è stato regalato un libro che parla dell'insalata di riso giapponese detta anche comunemente sushi.

La cosa divertente è che siccome è diventato di moda, non si sa per quale motivo, tutti impazziscono per questo tipo di cibo che ha la caratteristica di essere molto formale dal punto di vista della presentazione.

Per capirci qualcosa del sushi mi sono informato e quindi, pur essendo assolutamente un principiante dell'insalata di riso jap, ho provato ad informarmi presso la fonte principale: gli itamae.

Questo libro che ho letto come al solito è scritto invece della solita tipa che di cucina non capisce un tubo.

Il 90% dei libri di cucina e' merda pura.
Perche' tutti pensano di essere diventati esperti di cucina quando riescono a scaldare un surgelato?
Possiamo tranquillamente vedere che come tutti i libri di cucina che non sono tali abbiamo espressioni di volume assolutamente campate in aria come “cucchiai” o espressioni assolutamente micidiali come “un po' meno di 1 dl”.
Come possa essere una misura “poco meno di 1 dl” non e' dato sapere.

O è 0,8, oppure è 0,9 o financo .95. I redattori del Sistema Internazionale si staranno martellando gli zebedei.
E quanto e' grosso un cucchiaio?
Sottile, da zuppa o quelli orientali in cui entra l'oceano?

Altra cosa bizzarra e' che prepara, nel testo, la frittata all'italiana ma nelle fotografie è assolutamente una frittata giapponese.
Questo vuol dire semplicemente che già le fotografie non rispettano a disposizione tipica giapponese ma probabilmente anziché essere fatti dalla scrittrice sono stati comprati sotto casa da un take away e spacciati come propri?

Se poi i libri perdono di autorevolezza e alcuni pensano che inet sia una fonte e' anche colpa di chi pensa di sapere, pubblicando un libro, ma non sa un tubo.

sabato, dicembre 24, 2016

tv story 2010




Sebbene non ci sia un punto preciso viene definito il 2010 come l'anno in cui la transizione dalla TV analogica a quella digitale e' stata compiuta.

Il digitale offre vantaggi innegabili e la possibilita' di veicolare lo stesso messaggio su media diversi aprendo molte porte.

Inoltre permette, abbassando la qualita', di fornire molti piu' canali, un audio nettamente migliore  e l'accesso condizionale in maniera semplice e sicura per il provider.

Inoltre mentre nel campo dell'analogico hai dei paletti come il fatto di consumare, per il PAL,  6Mhz sia con un segnale buono che uno cattivo: il canale e' sempre della medesima qualita' (in digitale bitrate). Si e' costretti a consumare una tonnellata di banda per l'HDTV perche' costretto alla massima qualita' di trasmissione.

Nel digitale non e' cosi': la qualita' di trasmissione e' slegata dal formato: e' possibile inviare un segnale 4K con la qualita' da far rimpiangere una vecchia VHS oppure inviare un 576 con una qualita suprema.
Istante per istante.
Si potrebbe decidere di inviare pubblicita' splendente su di una trasmissione pessima.

Il multicanale audio e' previsto e non e' un matricione come il sourround.

In generale e' una miglioria ma soprattutto viene usato per promettere il FullHD (decoroso con 200Mbps) con un canale da 4Mbps. Infatti esiste un problema: i TV economici cinokorean da 2 soldi che si sarebbero dovuti comprare con raster 576 la follia collettiva li ha desiderati 1080.

Cosi' in condizioni normali fanno pena per 3 motivi.

La qualita' del rescaler. Dovrebbe infatti costare piu' del TV stesso.

Il raster “americano”  che in condizione di perfezione dovrebbe al massimo trasformare il 576 in 480 (nyquist)

il pubblico che pensa che la SD (chiamata cosi' ingiuriosamente) sia roba vecchia perche SUL LORO TV si vede penosamente rispetto alla FullHD.

Cosi' il pubblico dopo essersi suicidato con un TV impossibilitato a scalare accetta come GRANDE miglioria un segnale povero ma idoneo al TV strambo.
Il digitale permette anche questo.

In pratica il digitale ha donato GRANDE plasticita' e miglioria ma ovviamente qualche peone si e' opposto.

In Italia siamo partiti in maniera bizzarra: i migliori marchi vendevano TV con il tuner digitale gia da tempo, un paio erano facilmente upgradabili e uno addirittura accettava nello slot sul retro la cosa da 15 anni.

Ovviamente con il fatto di volere il coso piatto a poco ma con tanti piCSel ha ritardato la cosa.

Il governo dopo un rinvio di 2 anni  per la cessazione dell'analogico (avrebbe dovuto essere nel 2006) ha nicchiato definendo prima il 2008 ed infine il 2012.
Per l'italia il domani e' il lustro che viene.

Cosi' al momento del comprare la GGente preferiva un bizzarro HD korean da 20” che un tv digitale.

Inoltre fino all'ultimo il pubblico non ha comprato i sintonizzatori esterni per adattare le tv, alcune comprate poco prima. Quando poi e' arrivato il momento che gli han fatto sparire un programma nazional popolare disponibile da anni in simulcast ed e' stato un dramma.

Ovviamente come tradizione di un popolo bue la colpa e sempre degli altri: oggi e' della Merkel e all'epoca eran colpe di Berlusconi.

Infinite discussioni sentite perche era COLPA di berlusconi e del perche' "ci avrebbe guadagnato" imponendo il digitale.
Nessuno che si chiedeva cosa costa un'infrastruttura di trasmissione completamente da rifare. La RAI nel 2008 chiese infatti un'aumento del canone, mai rientrato, giustificandolo come necessita' per il refitting digitale.

La solita ignoranza italiana che si oppone alle migliorie.

Per lo stesso motivo compra nei supermercati scoprendo solo a posteriori che non solo alcuni TV non erano digitali (la sigla differiva di una postilla) senza chiedersi perche' costavano meno che nei negozi.

Altri facevano la stessa esperienza sempre nella nella GDO scoprendo che la sigla era la stessa ma per un mercato diverso e l'accesso condizionale (CAM) italiana non funzionava.
Altri scoprirono che la HDMI era zoppa, ma questa e' un'altra storia. Chiedersi perche' costavano meno che nei negozi era troppo difficile PRIMA di acquistare?

Comunque il nostro Switch off avvenne nel 2012 insieme a Grecia, Bolivia Lituania. Le nazioni europee avanzate ci avevano bagnato il naso ancora e solo la GB che aveva pero' tramissioni in Nicam&c di qualita' estrema, che non voleva mollare,  transito' con noi.

Al massimo dovevamo dare la colpa a belrucau di averlo ritardato di anni, non di averlo imposto come dicevano i compagni della merenda rossa.

Ma si sa bisogna dare la colpa a qualcuno tutti i giorni per sentirsi migliori quando invece si e' una M.

martedì, dicembre 20, 2016

NASA, no, MERDA!

MS ha altri obbiettivi che muovere i PC.

Stavo vedendo ora che un render sotto linux e' piu' veloce del 30%.

In pratica,
se usate un CAD, anziche spendere 2000E nel vostro PC per usare MS,
potete spenderne 1000E e con gli altri 1000 andare in vacanza.

intanto arrivava la QUINTA pubblicita' ODIERNA MS su FB



paragonare la nasa, che oltretutto usa linux in maniera estensiva (puoi mica andare a fare ctr-alt-del su marte...), con quella precisione leggendaria, ad un'industria che ci ha fatto spalare MERDA per decenni


con la merda dei BSOD a manetta

Con  la merda dei SO a 16 bit spacciati a 32

Con la merda dell'audio che su win non va mai come dovrebbe (ac3, dice nulla?). Il motivo dell'esplosione di openlec&c

Con la merda delle mille funzioni di cavolo mai spegnibili.

Con la merda delle licenze che nessun rivenditore ANCORA OGGI CAPISCE (quali cal comprare e' divertente) e spesso non chiare neppure al personale MS presso i call center. Fossero almeno restituibili.

Con la merda dei sistemi di attivazione che piu' volte mi hanno dato del PIRATA

Con la merda dei sistemi di attivazione che si autoresettavano (office) costringendoni a tornare dal cliente

Con la merda dei poveracci del call center che capiscono di compuer e italiano quanto io di calcolo quantistico. E non vogliono attivarti. Poi richiami e magicamente va tutto ok. Ore su ore perse.

Con la merda dei SO che non facevano neppure il BK

Con la merda del outcrook che e' piu' i casini che la posta. Da essere un virus a, 10 anni dopo, perdere tutta la posta in un solo botto. BK, questo sconosciuto.

Con la merda dei telefoni winCE(4,5,6) che se arrivava un SMS mentre plottavi si spegneva tutto

Con la merda dei FUD a mitraglia

Con la merda dei "gli altri sono il male"

Con la merda dell'interoperabilita' a zero


Con la merda dell'attivazione con l'obbligo di registrazione presso il vostro sito e la gestione dell'ennesima, inutile, rompicazzo, password



Con la merda della pubblicita' assolutamente sgradita del tasto START di win10 PRO(cazzo me ne frega a me della playstion360fruitdoom? sto lavorando, stronzi! toglietemelo dalle palle!)

Con la merda dei driver, sempre mancanti e passare ore a cercarli e quando li trovavi manco funzionavano o mandavano in crash la macchina, per non parlare delle schede di acquisizione dal lanciare come superuser sui server.


Con la merda delle specifiche sempre segrete cosi' da farti penare per una soluzione.

Con la merda dei mille tipi diversi di licenza, questo puo' fare questo ma e' bloccato quest'altro: piu' del protocollo IP devi essere esperto di volantini di cacca del produttore.

Con la merda delle KB sempre dedaliche che sembrano un forum di quindicenni sotto attacco brufolo. Alla fine quasi mai solutive. Evidente punta dell'iceberg dell'organizzazione del codice.

Con la merda dei win95 e aggiornameti semestrali a pagamento per 5 anni.

Con la merda dei driver che e' una caccia al tesoro, non parliamo poi della storia delle certificazioni.

Con la merda della usb

Con la merda dei prezzi che sembrano le previsioni del tempo: Windoze SFP (sfiga versionpro) costa   250E o 15E? Come fa ad esserci su un portatile da 249E? Non e' che se compro l'autoradio l'auto me la regalano e mi pagano pure il caffe'.

Con la merda dei requisiti minimi di sistema (con vista un pochino hanno pagato)

Con la merda dell'interfaccia di win 10 che peggiora persino quella di win7. Almeno la seconda era solo banale. Win 10 e' da utilizzatore di facebook. Per i professinisti Linux mint.

Con la merda del fatto che MAI hanno responsabilita': problema alle gomme? rivolgiti al costruttore del motore: noi non rispondiamo dei nostri prodotti.

Con la merda dei dischetti fantasma: hai la sfiga di avere windoze e vuoi il disco di ripristino?
non chiederlo a noi che facciamo il soft, chiedilo al costruttore di PC.
Il costruttore di pc dira' che non puo', per accordi con MS, fornire il dischetto e va chiesto a MS.
MS dira' di non chiederlo a loro, chiedilo al costruttore di PC.
Il costruttore di pc dira' che non puo', per accordi con MS, fornire il dischetto e va chiesto a MS
MS dira' di non chiederlo a loro, chiedilo al costruttore di PC.
Il costruttore di pc dira' che non puo', per accordi con MS, fornire il dischetto e va chiesto a MS
MS dira' di non chiederlo a loro, chiedilo al costruttore di PC.
Il costruttore di pc dira' che non puo', per accordi con MS, fornire il dischetto e va chiesto a MS.
Cazzo e' solo un casso di disco di un OS: emule?
Poi si lamentano dei crack.


Con la merda dei dischi fantasma 2; PAGANDO UNO SPROPOSITO la real casa ti da i discetti con un bug per il quale non vanno col numerino di licenza OEM (win server) che possiedi.

Con la merda dei dischi fantasma3: winCE5.x ha un bug ENORME: chiedi la riparazione. Non si puo', serve winCE6.Y. MS reclamizza il nuovo WINCE e dice: comprati un altro cello, avrai in omaggio WinCe6.Y. Emule. Smesso di avere il superbug.

Con la merda degli office che modificano il SO e dopo non vanno piu' altri soft.

Con la merda che se cambi la VGA diventi un pirata.

Con la merda che se si fulmina la mobo su di un server non puoi cambiarla con una che sia leggermente diversa senza buttarci una secchiata di ore. Dopo devi mettere li 1000E di soft MS per gradire. Fai prima a crackcare il SO, se non fosse un server... Alla fine per un condensatore butti un server intero: $3000. Poi si chiedono perche' uno usi linux sui server.





Con la merda dei proclami sul fatto che gli altri siano una pippa rispetto alla micro-soft

Con la merda dei termini che non corrispondono: CLOUD non vuol dire quello che asserite. Certo fra 10 anni, come RAID, cambieranno i libri.

Con la merda dei termini, come azure, che neppure i vostri venditori sanno spiegare co una frase e senza usare yabba dabba senza senso. Che azure, qualsiasi cosa sia,  fallisca.

Con la merda dei

La pianto qui, potrei andare avanti 10 pagine sulle ANGHERIE subite.
E' il motivo che appena posso mettere un SO diverso sento come se respirassi.
E voi mi angustiate con 5 spot al giorno?
Avete capito bene cosa fare per riprendere un cliente!
Davvero

ANGUSTIARLO.

Mi dispiace per Nadella, l'unico CEO MS da non usare come segnapunti per le freccette, ma un feel aziendale orientato a montagne di cacca difficilmente cambia, la trabant non si mette a costruire ford.


PS
Non sono un fanboy.
Anzi.
Ho spesso consigliato, per le ragioni tecniche, di comprare prodotti MS. 
non trovo cosi' migliore linux, almeno non e' "er meio" e rispetto a OS/2 e' arretratissimo come GUI.
Ma, parliamoci chiaro, un pessimo SO pagato come oro (nella versione completa 600euri) che ti da del pirata e uno leggermente meglio gratis e che non rompe le palle e ha una GUI migliore...

domenica, dicembre 18, 2016

tv story 2007



I 2007 e' la pietra tombale dei televisori con il cinescopio. In realtà nel mondo occidentale è avvenuto circa tre anni prima.


Gli LCD, qualitativamente una barzelletta, sono partiti improvvisamente sulle ali dei plasma che ne frattempo era cresciuto qualitativamente.
Tutti volevano plasma, lo desideravano e qualcuno gli ha fatto un televisore che da spento assomigliava al plasma.


Se i primi plasma erano un disastro gli LCD facevano venire da piangere.
Il 2007 viene considerato la pietra tombale in quanto la produzione di LCD sorpassa quella dei CRT in tutto il mondo compresi i paesi in via di sviluppo. Questo vuol dire che persino un cinese o un vietnamita se deve comprare un televisore anche se costa di più preferisce comprare un pannello e vedere peggio.

In Italia questo ovviamente è successo anni prima e in tutto l'Occidente stata una cosa così rapida come una fiammata e tanto incomprensibile che molti produttori di televisori si sono trovati catapultati fuori non capendo cosa stava succedendo.

Nel 2000 gli LCD erano rari e nel 2004 erano rari i CRT.

Per dirne una, Sony ha chiuso le fabbriche cinescopi mandando a casa migliaia di lavoratori nell'arco di un solo giorno perché si sono ritrovati improvvisamente a produrre cose che nessuno voleva più.

 Ma tutti i produttori erano imprepreparati a questo perché guardavano come futuro al successo della video proiezione o al massimo al plasma ma nessuno, neanche negli uffici marketing, era conscio della rivoluzione.

La gente preferisse un pannello scadente con tanti pixel a qualsiasi altra cosa migliore.
Dai, non scherziamo.
Improvvisamente.
Senza motivo apparente.
Puf!

venerdì, dicembre 16, 2016

turismo itaGliano 3


Abbiamo visto che in Italia i turistivanno solo al Nord mentre al sud non si fa nulla e i turisti si cacciano via a pedate nel culo.
In quest'anno,2016, abbiamo avuto una situazione che , per quanto preoccupante dal punto di vista geopolitico, potrebbe portarci decine di milioni di turisti in questo sfigato paese.
Invece noi siamo degli idioti, nonostante l'autostrada per andare su uno qualsiasi dei nostri laghi erano ingolfate di crucchi quando usciranno i dati non sono così sicuro che l'incremento sia stato così generoso. Probabilmente il grosso dei turisti se la sono beccato gli spagnoli o i francesi. Comunque lo vedremo a marzo aprile quando cominceranno uscire le statistiche ma abbiamo già delle belle premesse.
 
 
 
parliamo dei pugliesi, un enorme regione con un PIL ridicolo ma soprattutto in fondo alla classifica del turismo in italia e sverniciata brutalmente da minuscole realta' come il trentino.

Il problemi dei pugliesi e' che PENSANO di fare turismo.

Se fare turismo significa saper preparare 2 pizze e un rustico (un panzerotto turbo) e sentirsi artisti diamo una notizia sconvolgente: a Sheffield ci sono pizzaioli e rustici migliori dei vostri e film come The Full Monty non mi sembra che siano stati pensati o scritti in puglia.
 
Il pugliese tipico, quando gli chiedete perche' uno di sheffield o di Colonia, ma anche un Milanese, dovrebbe andare in puglia vi risponde "perche' e' bello il mare"
 
Ora, con migliaia di MILIARDI di Km di coste, pensate veramente che uno di Dusseldorf preferisca VOI a qualsiasi di quei miliardi?
O siete cosi' idioti nel pesare che vivete nel posto piu' bello del mondo, e migliore del pianeta, o siete ciechi.


L'ultima stronzata dei pugliesi e' rivoltarsi contro il Briatore. 
In massa.
Con violenza. 
con gli occhi rossi iniettati di rabbia
Con insulti irripetibili
 
Ha detto cattiverie sto cavolo di un briatore o i pugliesi sono un gruppo di scimmie urlatrici?

Ricordiamo che il bri e' uno che partendo dal nulla ha stravinto il campionato in F1, reinventato le discoteche italiane e fondato una casa di moda?
Un pirla non dovrebbe essere, no? 

Cosa ha fatto il bri per fare incazzare tutti i pugliesi?
Fondamentalmente gli ha dato degli idioti. E ha fatto bene (ricordiamo la storia del tubo del gas?).
Vediamo le parole del briatore per capire.

Il twinga (un affare tipo il bilionare ma piu' chic. NDR) sara' un posto bellissimo che però non può vivere da solo. Servono anche strade per arrivarci, aeroporti, infrastrutture che rendano facile raggiungerlo Ma le pare possibile che uno debba scendere dall'aereo a Bari o a Brindisi e poi debba sorbirsi un'ora e mezzo di navetta per raggiungere le località più gettonate? ".
Ops, e' quello che ho sempre detto e quando andavo in Puglia dovevo abbassarmi a rompere le palle a qualcuno per venirmi a prendere. 
un bus "furbetto", 
un treno 
e un bus di linea. 
2,5 ore. 
Se non lo trova tollerabile uno sfigato come me figuriamoci uno coi dane'.

porti. Qui attraccano gli yacht da 70-80 metri da cui scendono quei signori che in 24 ore distribuiscono ricchezza nei bar, nei ristoranti, nelle boutique. Poi servono gli hotel a cinque stelle e scuole alberghiere che sfornino personale in grado di conversare in inglese. Ancora i campi da golf e tutti i servizi che possano allietare la vacanza di un americano o di un inglese

Vuoi dire che il bri mi legge?
oppure sono solo banalita' perche' rappresentano la base?
Arriva sul molo una combriccola di tizi e nell'arco di una settimana ti lascia giu il PIL della citta, 300KE, e tu cosa fai?

A. gli dici “strunzu riccu tornate a casa tua io preferisco a nave del cimiento che molla 10KE agli “amici” ” 
poi vai nottetempo a tirar su la villettina sgarruppata abusiva per la figlia  lordando il salento. Tanto la pola e' peggio di te

B, pensi “che culo! Un pirla che paga una fetta biscottata bio 50E!” 
Gli offri un paio di fette di pesce crudo e 2 erbette accogliendolo in inglese, facendolo tornare, e intascandoti abbastanza per far vivere di agi tutta la famiglia.

Il pugliese sceglie A. Poi rimane invidioso di B.


"Il Sud è indietro di trent'anni "

No, e' che non vuole turisti

Comprare un rustico (tipico cibo locale) con la commessa che ti risponde in localese e' difficile per me, italiano.

Quando ho preso un fritto d'asporto da una rosticceria vicina al porto (SM LEUCA) ci ho messo parecchio ad intendermi, complice il rumore di fondo (un desiderata del gestore rimasto negli anni 50 ma con potenti ampli odierni che non capisce mandandoli in clipping). 
Poi non ha capito comunque, il caprone.

Arriva un crucco o un francese: devono digiunare?
 
Masserie e casette, villaggi turistici, hotel a due e tre stelle, tutta roba che va bene per chi vuole spendere poco ma non porterà qui chi ha molto denaro. Servono alberghi di lusso sul mare

L'italiano vuole SOLO spiagge di sabbia chiara. 
Quando ero all'estero ho sentito lunghe salmoidazioni  di italiani spiaggiati sul fatto che la sabbia non era bianca ma magari nera. (Io le preferisco colorate perche spesso fanno colori e disegni fantastici.)
Gli italioti si lamentano ullulando ad alto volume pensando che io sia crucco e la mia morosa estone: due coglioni che non possono capire il tuo raffinato linguaggio di 100 vocaboli scimmieschi.
Non parliamo quando devono fare piu di 50m dall'auto. 
Appare ovvio che l'italiano medio non vuole la masseria in cxlo al mondo. 
Figuriamoci se lo vuole uno che spende 1000E al giorno o piu'.


"Il ricco vuole tutto e subito. Io so bene come ragiona chi ha molti soldi: non vuole prati né musei ma lusso, servizi impeccabili e tanta movida. La cultura non basta. I turisti vanno a vedere le città d'arte quando piove. Negli altri giorni vogliono servizi impeccabili

Vogliono quello che vogliono tutti gli esseri umani MA, visto che spendono, vogliono che i loro desideri siano esauditi PER DAVVERO.

Se spendo 20E al giorno mi sta bene il B&B in una citta' sgarruppa come Otranto che ha la spiaggia NEL porto e una sta bene una piccola camera spoglia e servizi pari a zero. 
A 30E ci pensiamo. 
A 60E (come propongono) comincio a pensare ad altro. 
A 100E per coppia voglio un albergo vero.
A 250E voglio una bella struttura, all inclusive e che il cameriere sappia servire e quando sono in terrazza non voglio trovarmi il bazumba che mi importuna con la copia del cd di gigi d'alessio in pieno puglia stile.

Se questo non vi sembra normale cambiate lavoro.
 
Dite “non vogliamo turisti” come del resto DICHIARA la sequela infinita di villettine abusive cagate li per decine di Km a caso.

Cosi' come ne a Otranto, ne a Brindisi ne a Leuca ci sono strutture come in Spagna che ti illustrano cosa puoi vedere/fare.

Se vai in puglia e' meglio che fai una profonda ricerca su quello che esiste e anche cosi' ci sono molti siti che sono, di fatto, nascosti.

Evidentemente la puglia non vuole ne la cultura ne il turismo.


Vada in Costa Azzurra. Ci saranno duecento hotel a cinque stelle, in Puglia c'è Borgo Egnazia e poco altro

Uno va in costa azzurra esistono strade e servizi per tutte le tasche. non solo a 5 stelle.

Se vai a S Tropez trovi la nave del megaricco che e' di fianco alla vela sfiga da 8m con la ruggine che cola. Esiste la paninoteca in centrissimo che non e' piu' cara di Milano.
Trovi la rolls parcheggiata tra 2 renault del 1980. 
La citta' e' ben tenuta e se un povero o un ricco fa una stronzata viene punito anche se e' un amico del sindaco. 
Il comune di Santrop restituisce i soldi eccedenti dal bilancio ai residenti.

Ora cosa ha detto briatore di tanto osceno?

Ha detto che il re e' nudo, che i Pugliesi non sono capaci di fare turismo perche' sono capre ignoranti a cui frega solo di trascinarsi avanti. Un po forte come messaggio ma comprensibile per chi non e' certo un niki vendola (aka idiota al potere)

Non vogliono imparare a fare il cameriere (mai visto uno in puglia)
Non vogliono imparare ad usare il PC (magari lo possiedono per facebokko, usarlo...)
Non vogliono imparare a parlare inglese.

Per questo servono scuole e strade per migliorare la situazione: meno ignoranza e piu' coscienza del manager chiamati poLLitici.

E la verita' fa MOLTO male e gli ignoranti quando sono anche stupidi allora inveiscono urlando: piu' facile che migliorare.
Poi si lamentano su FB per quello che ha detto briator usano epiteti mostruosi degni solo di ultras calcistici sotto droga.  Dimenticavo, in puglia gira moltissima cannabis, sara' per questo che non hanno le idee chiare?

Perche' i pugliesi sembrano tutti compatti contro le parole del bri?

Scegliete:

A sono stupidi
B se poi parte il turismo devono lavorare anziche' prendere i soldi "per_il_sudd"
C odiano i turisti.
D ditemelo voi.


giovedì, dicembre 15, 2016

tv story 2005






Nel 2005 la cina ha  fatto l'ennesimo inutile standard video digitale DTMB con lo scopo principale di rendere incompatibili le TV con il resto del mondo... Radiobalilla docet.

Sempre nel 2005 venne rilasciata una norma (DCI) per il cinema digitale che stava traghettando verso la perdita della pellicola.
2048 × 1080 (2K) a 24 frame / s oppure 48 frame / s, o 4096 × 2160 (4K a 24 frame) / s con max 250Mbps di dati. (specifica successiva fino a 60Hz e/o 500Mbps)
in pratica al posto di portare una pizza di pellicola al cinema viene portato un hard disk da un terabyte oppure lo si scarica attraverso Internet. Il file è dotato di un sistema di criptatura che permette la visione solo un numero finito di volte. L'accesso è condizionato anche dal consenso del distributore.

Sempre quest'anno si comincia a parlare di televisori finto-LED. Il televisore è finto-LED è un televisore banalissimo LCD che viene contrabbandato come LED (bello in grande sul pop e sulla scatola) per evitare che produttori di televisori LED gli facciano le scarpe. La parola retroilluminato scompare perche' la scritta LED appaia in grande.


Il terrore e il problema  nascono dal fatto che gli inventori dei TV LED  hanno più volte dichiarato di essere pronti a entrare in produzione tra 2006 e il 2008. Se succedesse farebbero opera di distruzione nella fascia piu' remunerativa.

Gli asset sono cambiati completamente il 90% dell'industria televisiva è stata spazzata via e chi rimane è sostanzialmente il prodotto cinese e coreano e solo qualche giapponese che ha avuto in cassa abbastanza soldi per investire molto velocemente quantità enormi di danaro per evitare di essere sbattuto fuori da un mercato impazzito.

Persino la grande matsushita (panasonic) ha avuto notevoli problemi: una cosa semplicemente impensabile.

Per esempio nessun europeo produce LCD ad uso TV.
I nuovi player del mercato non vogliono assolutamente tornare ad essere di serie B (cina e korea) e quelli che sono riusciti a sopravvivere non vogliono assolutamente che gli enormi investimenti non ancora ripianati vengano vanificati.

Visto quello che stava succedendo con il televisore al plasma, tanto sono un pannello uguale da spenti, basta usare in maniera furbesca la parola LED. Per il consumatore un televisore LED è un televisore LED basta non calcare troppo la mano sulla parola finto, ovverosia retroilluminazione o meglio scritta in inglese e in piccolino da qualche parte come backlight.

Tutto questo non solo fermera' i televisori LED ma blocchera' anche i SED, FED e altre amenita' che forse non hanno diritto ad un successo ma  investire in un mercato che punisce la ricerca e favorisce i nomignoli non ha senso.

I finto-LED trionferanno.

lunedì, dicembre 12, 2016

grillo e l'energia



Ancora grillo imposta quello che ufficialmente sarebbe un movimento libero e democratico.
Hail hydra! (nota: se lo correggi si wiki&c italia ti cazziano,  e' hail)
Vediamo perche Grillo o e' un cretino o sta parlando ad una massa di cretini per farli sembrare intelliGGenti prendendolo per il rame (Cu). 
Questo e' il documento pieno di scienza per dare una direzione al partito che vorrebbe governare l'italia.
Siete pronti per il peggio?



Di nuovo a parlare di energia. Sono 30 anni che parlo di energia. Tutti che parlavamo di energia perché è un cambio di civiltà.

Il fatto che ne parli, non vuol dire che ne capisci. Altrimenti in italia avremmo 60 milioni di espertoni calcistici e avremmo il monopolio del gioco del calcio. 
Non parliamo di poLLitica o economia.
 Invece le prendiamo da nazioni del terzo mondo.


Allora fatevi una domanda: un barile di petrolio costa 50 dollari, un barile di Coca Cola costa 350 dollari. Secondo voi è una cosa normale? Secondo voi è un'economia razionale? Intelligente? Di buon senso?

Il petrolio e' una materia prima, la benzina e' un finito.
La cocacola e' un finito, la lattina in Al, lo zucchero, l'acqua e gli aromi sono le materie prime.
L'alluminio delle lattine costa 1E al Kg, visto che GROSSOMODO 160Kg di petrolio costano 50E, 160Kg, costerebbe 160E ma siccome l'idiota ha preso il costo al pubblico della cola e il prezzo industriale alla fonte del petrolio basta andare a prendere il prezzo dell'alluminio estruso a lerymerdin l'Al costa quel 50E al Kg che sono 8000E per 160Kg. 
Oserei dire che la cocacola e' a buon prezzo. 
O no?
La benzina ZIPPO per accendini costa 2500E per gallone.

Capite che e' un discorso senza nessun senso.
Non e' normale il paragone fatto.
E' come paragonare il prezzo del dentifricio con quello del petto di pollo impanato!
Grillo fa finta di non sapere ed e' stronzo oppure e' un completo idiota?


vogliono ancora ripristinarci il petrolio, il gas, il carbone. Ancora il carbone, perché i costi sono inferiori...

E dici nulla, se un bene anziche ' pagare 10E lo vado a pagare 100E vomprendi da solo che se la cocacola dovesse costare come lo champagne e la birra essere un prodotto da ricchi capisci da solo che quelli che vogliono il gas e il carbone non sono degli esseri invisibili ma chiamasi POPOLAZIONE.



mentre andiamo verso tecnologie raffinate, le stampanti 3D che metteranno assolutamente in crisi la vecchia e utopica industria pesante.

La cosa estraniante di mettere a confronto l'industria pesante e la stampa 3D.
La stampa 3D (additiva e sottrattiva) fanno parte del bagaglio culturale dell'industria pesante. Nel prototyping vengono usate da decenni (ne vidi negli anni 80) e fiat, boeing la usano tutti i giorni.
La questione e' che la stampa 3D e' generalmente lenta e imprecisa o maledettamente costosa.

Per questo, se devo fare una scocca di un telefono koreano, la faro' con uno stampo e mi costera' 0,1E. 
Se devo fare un particolare come la pala di un fan di un turbojet anche se spendo 1000E puo' andare bene. Se spendo 200E per una scocca di un cellulare non va bene.
Qual'e il problema con gli stampi in plastica di grillo?
Grillo fa finta di non sapere ed e' stronzo oppure e' un completo idiota?



Facciamo centrali nucleari per mantenere accese delle cose spente, i led dei nostri registratori, video e televisori, le nostre spie nelle case. Tutto acceso. Abbiamo una centrale nucleare in Europa che serve a dare energia alle nostre utenze spente.

Avevo fattto un conto che non solo e' un falso problema (spegnere in tv dal cavo vuol dire maggiori consumi delle ore seguenti alla riaccensione e danni ad altre attrezzature.) ma anche una questione di scelta: un tv philips, all'epoca del boom della stronzata eco, consumava 0,08W e un cinokorean dai 2 ai 5W. Evidentemente, visti i risultati di vendita, a nessuno frega.




Avremo il futuro delle fibre ottiche che collegheranno i nostri elettrodomestici, tutte le nostre utenze collegate col WiFi, quindi avremo il riscaldamento, avremo il raffreddamento, avremo la lavanderia, avremo tutte le utenze di casa collegate, quindi toglieremo i picchi, l'energia, la potenza impegnata, paghiamo energia che non consumiamo.

Traduciamo in italiano:
Facciamo finta che il WiFi non consumi quei 2W che servono a leggerlo e routarlo (grillo ha appena acceso 3 centrali) ma togliere il picco vuol dire TOGLIERE LA NOSTRA RICHIESTA.
Decido di uscire dalla doccia insieme a TUTTI GLI ALTRI. I nostri asciugacapelli alla mattina fanno il picco in zona.
In WiFi il nostro aciugacapelli decide di stare spento fino alla fine del picco.
Andiamo al lavoro con i capelli bagnati e senza caffe'.
Certo, l'idiota grillino in coda pensa sempre che GLI ALTRI siano la coda.
Sorry, non e' cosi'.



Siamo veramente al Paleolitico ancora. Per fare una casa oggi la fai in maniera che fa energia e non la consuma. Non hai bisogno di fare centrali a carbone, centrali a turbogas. Si importa gas, si fanno gasdotti che arrivano dal Turkmenistan e passano sotto gli ulivi millenari della Puglia, il paradiso terrestre mondiale, per arrivare a Brindisi e poi dare il gas in Austria. Ma stiamo scherzando? Questi sono fossili che ragionano come fossili.

Ok, come fai i 400TWh di energia elettrica e gli almeno altrettanti di gas&co?
Spiega, il nobel ti attende.
Se hai una soluzione.
Se blateri sputacchiando saliva la neuro e' un posto bellissimo.





Gradualmente passiamo alle rinnovabili, le produciamo noi, il Paese del Sole. Sono stato fra i primi ad avere un impianto fotovoltaico, qua, che mi faceva 5/6 kilowatt, e dovevo recuperare, stoccare in batterie

Ancora una volta unita' di misura errate.
Grillo fa finta di non sapere ed e' stronzo oppure e' un completo idiota?

Se ha un impianto che arriva a 6MWp vuol dire che ha un bel giardino: un condominio non ce la fa.
Purtroppo il beppe grillo con 6KWp e batterie non riesce neppure a sopperire al consumo ELETTRICO di un italiano SINGLE medio e alla sua famiglia serve giusto ad alimentare le piscine.
Anzi le piscine berranno circa 800W per un totale di 19KWh al giorno.
L'impianto solare, se si tiene conto delle batterie, non producono neppure la meta' di quello che consumano le piscine.
Adesso capiamo perche il grillo dice “le case - anche quando le spegni - consumano energia “. La csa di grillo paga migliaia di euri di energia “da spenta”. Evidentemente 800W di motori sono piu' di 0.05W di un leddino di segnalazione.
Se poi moltiplichiamo i consumi con le altre 21 ville di sua proprieta' dovrebbe coprire di pannelli la collina dove abita.



Oggi c'è l'elettrico e la mobilità elettrica, Tesla, il signor Musk, ha fatto nei primi tre mesi della sua attività più guadagni di tutto l'anno dei petrolieri.


Grillo fa finta di non sapere ed e' stronzo oppure e' un completo idiota?
La Tesla e' un un continuo orrido e comatoso ENORME passivo e solo perche' pensano che sia possibile in qualche maniera, anche attraverso i milioni di $ in ordini per un'auto non ancora progettata, che non fallisca come la  simile e piu' interessante fisher karma ha gia' fatto.



Poi c'è un progetto della Nissan - che ha coinvolto anche società italiane - per far diventare l'automobile in un accumulatore. Tu accumuli nella batteria della tua auto elettrica la corrente di notte e se non la usi la rimetti in rete e te la pagano di giorno il triplo, con la differenza di prezzo ti paghi il leasing della macchina. Quindi la macchina intesa non solo per muoverti,

Grillo, o la usi o la lasci nel box.
Se compro per andare al lavoro come fa a fare da batteria?
Oltretutto ha un numero di cicli finito.
E' la famosa bugia di greenpeace.


ma come accumulatore di energia che è uno dei più grandi problemi che abbiamo.

Ma va'?
Abbiamo scoperto l'acqua calda?


Bisogna pensare in avanti, a 50 100 anni. E bisogna cominciare adesso a dire: entro il 2025 faremo questa transizione dal fossile alle rinnovabili. Come si fa? C'è una sola politica su cui agire: il sistema fiscale: detassi il lavoro e tassi chi consuma energia e materie prime.

Aspetta, fammi capire. Tutte le aziende che CREANO lo fanno usando materie prime ed energia.
Detassi il lavoro, facendo un favore alla fiat. Ma poi massacri di tasse la fiat?
Non capisco.


passare a un consumo medio di energia che è 6 kilowatt la media europea a 2, con l'efficienza e con le tecnologie. Ci lavorano i più grandi politecnici d'Europa, da 6 kw a 2 kilowatt.

Non si capisce se stiamo parlando del baseload, della media pura o dei consumo, inutile, dell'intero continente. 
Oppure le unita' di miusura sono ancora errate.
Non ci sono riferimenti solo un bla, bla inutile.


Poi da 40 tonnellate pro capite di materiale che consumiamo a 20 tonnellate, e da 40 ore di lavoro a 20 ore di lavoro.

Li consumiamo durante che tempo?
il riferimento e' EU, continetale, mondiale, italiano?
Nella nostra vita o ogni anno?
BOOOOOooooohhhh


Questi tre pensieri sono tre pensieri per effettuare il cambiamento del mondo, sono mezzi per arrivare un tipo di società dove il lavoro pesante lo fa la macchina, dove io ho più ho più tempo libero e liberato dal lavoro, dove lavorano i robot e io posso dedicare tempo alla mia famiglia, leggermi un libro, agli amici, alla mia vita. Vogliamo mettere la vita delle persone al centro. E per fare questo bisogna fare un cambio di pensiero, di energia.

Poche idee molto confuse citando il manifesto GNU a sproposito.
i grillini devono fare un cambio di pensiero: tornare alle elementari.


L'energia non è solo cambiare del gas o dal metano, arrivare all'idroelettrico o al fotovoltaico o all'eolico, è un cambio di civiltà. Ricordo una mia vecchia battuta: non bisogna aspettare che finisca il petrolio. L'età della pietra non è finita perché erano finite le pietre. Si va avanti solo mollando questi fossili che oggi ci vogliono riportare indietro nel tempo.

Grillo fa finta di non sapere ed e' stronzo oppure e' un completo idiota?
Oltre le citazioni, ancora senza citarne la fonte, e chiamare fossili tutti coloro i quali semplicemente non sono grillini, il nulla.


Il grillino e' probabilmente ignorante di tecnologia, a secco di matematica e voglioso che i suoi problemi siano risolti da superman che cala giu' dal cielo.
Dopo quello che abbiamo visto sappiamo che la nostra classe politica negli ultimi 100 anni e' quantomeno ottusa.
Grillo ci propone un mondo nuovo: 
dalla padella alla brace.

La domanda vera, dopo uno che sente stronzate cosi' colossali, che nasce da se' e':

Grillo e' un bastardo astuto calcolatore che dice cassate idiote e populiste per accalappiare quel 57% della popolazione che e' sostanzialmente analfabeta?

Oppure 

Grillo e' un completo idiota che non e' in grado di formulare un nulla e fa parte di quel 57% che per simpatia affascina?

Perche' l'unica cosa chiara e' che tutte le volte che apre bocca dice bugie.

ci fa o ci e'?
e' la grande domanda!