giovedì, aprile 17, 2014

pomodoro pachino stupidino







Secondo me il pomodoro e' un frutto che ben si adatta a spiegare la nostre strana idea sul naturale e cibo.

Spesso parole come  
naturale, 
antico, 
tradizione e 
storico
vengono disattesi.

Il vestito storico della mia citta' si usava nel 600. Foto del 1850 testimoniano che nessuno andava in giro vestito in maniera tradizionale: “tradizionale” era gia vecchio.

Tipico, dalle mie parti, e' qualcosa di pluricentenario.

Il pomodoro si sa e' americano e cugino della patata.

E' un prodotto TIPICO americano.


Vediamo un po' di balle sul pomo d'oro


Il pomodoro viene considerato antica coltivazione Italiana.

BALLE

Viene importato nel 1570




Il pomodoro viene considerato antica tradizione culinaria

BALLE

in italia viene considerato una pianta d'arredamento fino al 1700 circa. Veniva considerato velenoso (lo sono le foglie in realta').




Il pomodoro viene considerato rosso da sempre.... peccato!

Il nome stesso indica che era GIALLO. D'oro, appunto. Le varieta' completamente rosse hanno circa 100 anni.




La pummarola e' tradizione napoletana
.

BALLE!

e' roba dei romagnoli che la inventarono a meta' 800 e la produssero in quantita' per molti decenni prima che il sud ne importasse la tecnologia.




Il pelato e' del sud!

BALLE!

In piemonte Francesco Cirio dopo piselli e altre menate si dedica al pomodoro. Solo successivamente apre diversi stabilimenti al sud (all'inizio del secolo).


Ma questo e' NULLA!


Per vedere la ridicola storia del pomodoro e la tristezza che la circonda e della sua PRESUNTA tradizionalita' poossiamo introdurre un triste nome di un comune italiano: pachino.

Pomodoro di Pachino (IGP) è il nome di un prodotto ortofrutticolo italiano a Indicazione geografica protetta.
Che caxxo ci azzecca?
Fino al 1950 in quel comune il pomodoro era una coltivazione marginale (preferivano la vite) e comunque fino al 1989 i pomodori coltivati erano di tipo locale, probabilmente san marzano (introdotto nel sud nel 1930).
Cosa succede nel 1989?

la Hazera GENETICS israeliana dopo un lungo iter sullo studio genetico del frutto produce un nuovo e bizzaro pomodoro.

Hazera Genetics Ltd Berorim,79837 Israel Telephone: 972-8-8508815 Fax: 972-8-8502442
mica una presunta “cosa” Potete chiamarli.
Le genti siciliane provano a comprare il pomodoro israeliano e coltivare una roba strana per evitare la concorrenza di coltivatori presenti da piu' tempo e meglio introdotti.
Inizialmente non va molto bene ma poi diventa un boom e iniziano, dopo il 1995, a coltivarlo in quantita'.

Un sacco di soldi. Bisogna bloccare e difendere la posizione acquisita.

Ovviamente i siciliani non potevano dire che non era roba loro e si inventano un marchio e cercano di difendere la “loro” roba con leggi e avvocati (quelli si che e' roba tradizionalmente loro).
Inventano il fatto che il pomodoro israeliano di origine americana e' ROBBA LORO.

Stanno difendendo con gli avvocati e i denti un pomodoro che non e' loro!
Che litigiosi!
Poi ci si chiede perche' si fanno le guerre ed e' necessario l'F35 (o simili)!

Chiunque puo' produrre il pomodoro in questione semplicemente andando dal produttore del pomodoro che, ripeto, e' un israeliano, e acquistare le sementi che sono in libera vendita...

Vediamo cosa dice il consorzio:

L’attività di tutela del Consorzio è rivolta a soggetti diversi della filiera agroalimentare, e comporta diverse responsabilità e diverse aree di intervento.

a) Tutela verso il consumatore
Si sostanzia nella garanzia che il prodotto recante il marchio di qualità abbia una provenienza certa quanto all’origine geografica, che nell’ambito di quel territorio operino produttori rintracciabili e riconoscibili, e che tali produttori adottino criteri precisi per garantire la qualità dei propri prodotti.



Garantiamo ai peones che il pomodoro israeliano sia prodotto da noi. Per fare questo mungiamo allo stato qualche biglietto da 100.000E annuale ma non vi diciamo quanti.



b) Tutela verso il produttore

Consiste nell’opera di sorveglianza verso i mercati, per limitare e contrastare gli usi non legittimi del nome “pomodoro di Pachino”


pomodoro di pachino non e' chiaro, dovreste cambiarlo in “pomodoro coltivato a pachino” perche' il pomodoro di pachino (anche detto israeliano cherry pincopallo) e' prodotto anche altrove. 
Come il pastore della brie, i biscotti di NY e la veneziana rimangono tali anche se nati o prodotti anche a Belgirate (VB).


o del marchio di qualità, causando confusione e danni commerciali al prodotto tutelato. 

La confusione la fate voi non essendo chiari fa semplice luogo di provenienza e tipicita' del prodotto.


L’impegno verso le aziende consorziate affinchè il prodotto sia conforme ai criteri previsti dal regolamento di produzione si traduce in una tutela nei loro confronti affinchè la qualità del prodotto messo in commercio non abbia a subire detrimento o carenze in termini di omogeneità.

Scusate ma il fatto che il pomodoro giunga all'utente finale non deperito e' normale, o no?


Andando sulla pagina del consorzio http://www.igppachino.it “La coltivazione del pomodoro a Pachino” e' ovviamente l'unica “In costruzione”.
Dopotutto non potevano aprire un sito nel 2004 e dire che coltivavano intensamente quella varieta' che stanno pompando da circa 4 o 5 anni dandola come prodotto tipico.

Continuiamo con le loro affermazioni sui loro scopi:


l’impegno a valorizzare il prodotto recante il marchio ministeriale “I.G.P. Pomodoro di Pachino”;


Aho' semo riusciti a farci fare per oscuri motivi un marchio che dice che siamo tradizionali come la mozzarella dobbiamo monetizzare i costi sostenuti!



l’opera di vigilanza sui prodotti similari che possono ingenerare confusione nei consumatori e quindi recare più o meno indirettamente un danno di reputazione, di immagine e di identità merceologica;


Aspetta, voi usate sementi che arrivano da lontano e usano tutti, cinesi compresi, e volete avere un'identita' specifica? Un po come dire che voi siete speciali? Ma in cosa?
Che confusione che generate!


svolge azioni di tutela, promozione e pubblicità, per favorire l’affermazione sui mercati nazionali ed esteri della I.G.P. Pomodoro di Pachino, anche avvalendosi di provvidenze, agevolazioni e contributi pubblici e privati.
 
Isomma grazie al fatto che avete un simbolo che certifica che fate pomodori prendete soldi dallo stato e dai coltivatori e fate pubblicita'.



Uno scopo di particolare rilievo del consorzio è l’istituzione di un proprio marchio consortile il cui uso è riservato agli associati, operando per attivare ogni azione anche a carattere legale o giudiziaria per la tutela della propria attività per impedire o reprimere abusi e irregolarità a danno degli interessi e dei diritti propri e dei consorziati.


Chi usa il gagliardetto muore!


Una finalità non secondaria ma proiettata sul medio termine è quella di organizzare una propria struttura tecnica che si potrà anche avvalere di singoli esperti del settore. Per finire non vanno trascurati gli scopi di formazione, di aggiornamento e di qualificazione per gli associati del consorzio.
Yabba, dabba, Hu,Hu!


In tutto il sito manca l'unica cosa che in qualche maniera giustificherebbe l'esistenza di un IGP dato ad un prodotto che assolutamente non e' locale ne tradizionale: 
Il pomodoro ciliegino israeliano e' MOLTO piu' buono coltivato a pachino piuttosto che a nel Salento o nella vicina Tunisia?

Perche' se non e' cosi' proporrei l'abolizione dell'ennesimo ente inutile.

Proporrei nuovi marchi:
la mozzarella di bufala milanese AOC.
Il pomodoro STG di Venezia.
il brie di DOCG casalpusterlengo
La toma IGP di Viggiu'
La polenta DOP di Otranto
il cous cous DOC Tirolese.

Non sarebbero piu' assurdi del pomodoro di pachino che e' altrettanto cretino.

lunedì, aprile 14, 2014

isotonico

Ci sono degli imbecilli secondo i quali vanno usate tutta una serie di bevande COSTRUITE partendo dall'acqua distillata. Roba che nessuno che non sia un chimico riesce a capire.
Questo e' addirittura un intero supermercato per i consumatori di queste bizzare sostanze.

Prendiamo la tanto amata bevanda ISOTONICA: che cavolo vuol dire?

Il vaccabolario ci viene a sostegno:
soluzioni acquose di sali e di sostanze proteiche o medicamentose con pressione osmotica e concentrazione analoga a quella del plasma sanguigno circolante. Sono usati largamente per iniezioni endovenose e per fleboclisi nelle più diverse condizioni (shock, anemia acuta, interventi chirurgici, intossicazioni gravi

In pratica una bevanda ISOTONICA sara' densa come il sangue con una tonnellata di sali ovvero di.... ELETTROLITI!
e la sete si impenna!

La cosa divertente e' che sono gli stessi che ti parlano di natura, di mangiare roba naturale scandalizzandosi perche' bevo la cocacola.

Fessi.

giovedì, aprile 03, 2014

Torraca: bustarelle o ignoranza?





Sebbene la tecnologia e la ricerca mi piacciono tantissimo sapete ormai che sono decisamente contrario all'introduzione di tecnologie spacciate per nuove, o nuove in toto, quando queste siano decisamente peggiori di quelle vecchie o abbiano degli effetti collaterali così grossi da renderne assurda l'introduzione.
Avete anche visto dai molteplici articoli sull'illuminotecnica che sebbene mi piacciono tutte le sorgenti di luce moderna trovo spesso fuori luogo parlare di LED come panacea totale.

Non è che io sia contrario ai LED per partito preso, trovo che siano ottimi  nell'illuminazione di cortesia delle auto, molto interessanti in barca, assolutamente simpatici montati su alcune torce a mano. 
Per me i LED sono degli strumenti nuovi che hanno l'ambito di utilizzo nelle loro caratteristiche di forza: consumo medio, indistruttibilità dal punto di vista degli urti, dimensioni contenute quando la luce da generarsi è poca ed infine una tensione di alimentazione molto bassa.

Questo fa da contraltare ai loro problemi: consumi medi, poca luce prodotta, di scarsa qualità, necessità di elettronica complessa quando alimentata dalla rete e costi elevati che diventano mostruose quando si supera una certa potenza.

Torraca e' un comune nel sud ad un certo punto il sindaco, usando parole sue, ha decretato la morte delle fluorescenti ed è passato all'illuminazione dei lampioni stradali e dei viottolie della sua cittadina all'illuminazione interamente a LED. 

Vediamo cosa hanno detto di TORRACA

http://www.ambienteambienti.com/accade-altrove/2010/05/news/luce-pubblica-a-costo-zero-o-quasi-6496.html
tre impianti fotovoltaici comunali per un totale di circa 150 kw, che hanno reso il paese autonomo energeticamente
Infatti e' moto che i lampioni si accendono di giorno....
Costo ZERO e pollo GRATIS... come spesso negli articoli su Torraca.

non potevano mancare gli idi ops i Grillini che su MOLTE loro pagine parlano pomposamente della cosa
Torraca è l’esempio evidente di come lo spirito di iniziativa e l’attenzione crescente alle tematiche ambientali possano generare benefici congiunti alla popolazione, attraverso la realizzazione di singoli progetti coordinati in modo coerente.
grillini2
Una luce che può farci – letteralmente – da guida quella di Torraca, ... di sperimentazione della pubblica illuminazione con tecnologia LED
E si potrebbe continuare per almeno 300 pagine grilliniche

http://www.ecodallecitta.it/notizie.php?id=7898
il colpo di genio di Torraca, piccolo comune della provincia di Salerno che, usando la tecnologia a Led per il sistema di illuminazione pubblica, ha dimostrato di essere all'avanguardia in fatto di energia e risparmio

http://www.lastampa.it/2012/03/30/scienza/ambiente/green-news/un-ora-di-buio-e-poi-spazio-al-led-5E4oBVlud5eIY7nzU58PJO/pagina.html?exp=1
na tecnologia per ottenere luce a minor impatto ambientale e con costi più bassi c’è già e si chiama LED. .. le virtù: «Prima di tutto gli aspetti ambientali: queste lampade consumano dal 50 all’80% in meno rispetto a quelle fluorescenti e alogene.....


http://www.repubblica.it/2007/11/speciale/altri/2007ambiente/caso-lampadine/caso-lampadine.html
Il ritardo nella penetrazione delle fluorescenti è grave, perché il contributo che potrebbero dare all'efficienza energetica è enorme, ma rischia di essere la rincorsa a una tecnologia che sarà presto superata.
Il futuro sono infatti le lampade a led che abbattono i consumi in maniera ancora più drastica
Ma a Torraca, nel Cilento, l'amministrazione ha deciso di giocare d'anticipo, convertendo a led l'intera illuminazione pubblica
Anche repubblica dedica svariati articoli a torraca. Per loro le FL non coprono la maggior parte della luce ma e' pure roba vecchia...

il comune
L’impianto fa risparmiare circa il 70% dei consumi energetici, riduce del 70% i costi di manutenzione, elimina l’inquinamento luminoso e funzionando a 24 Volt risolve anche il problema della sicurezza degli impianti di pubblica illuminazione

Si potrebbe ancora andare avanti parecchio con queste citazioni che vanno da dichiarare consumi inferiori del 50% fino all'80% da giornali a tiratura nazionale, log, trasmissioni televisive eccetera. 
Tutti che parlano di questa cittadina come un esempio fulgido da seguire.

Chi ha letto i miei precedenti post sull'illuminotecnica giustamente penserà che i casi sono due: 
o lo scrivente è un completo imbecille 
oppure se c'è qualcosa di non troppo chiaro.

Infatti su questo sfigato  piccolo blog di provincia è stato detto in più riprese che le lampade LED consumano molto, non durano così tanto, hanno tutta una serie di problematiche e comunque per potenze superiori ad un abat-jour non sono il caso.

Chi poi ha seguito le indicazioni di andare a verificare siti dei costruttori delle lampade sarà ancora più basito perché questo contraddice le cose che ha imparato.

Le lampade scarica ai vapori di sodio infatti pur avendo una luce veramente orribile hanno un'efficienza notevole e una durata piuttosto alta. Paragonarle all'illuminazione a LED non dovrebbe neanche attraversare l'anticamera del cervello poiché il consumo di questa novità è quanto meno il doppio. Inoltre possono essere alimentate in serie con il variac galleggiante che compensa parzialmente la luce mancante ed evita una enorme stazione di trasformazione.

La prima domanda che ci si pone è come fanno delle lampadine a LED che consumano mediamente il 100% in più arrivare a consumare l'80% in meno. Non si tratta di noccioline parliamo di una differenza tra il numero 200 il numero 20. 
Quanto consuma veramente la sostituzione di un impianto da 1 kWh con FL o sodio? 2 kWh come dice lo scrivente o 0,2KWh come dice tutta la gente di cui sopra?  Sapete, spendere 1000E e 10.000 secondo me cambia...
Questa è la prima domanda.

La seconda domanda è correlata con la prima visto che in queste manifestazioni di gioia viene detto che la manutenzione sarà inferiore. 
Per chi va a leggere le informazioni dei produttori originari scoprirà che la durata di queste nuove tecnologie dipendono da diversi fattori:

Quanto il LED viene alimentato: più l'alimentazione e' allegra più aumenta l'efficienza più aumenta la luce (diminuendo il costo dei LED) ma purtroppo diminuisce maniera repentina la durata.

La temperatura di funzionamento: più fa caldo meno dura. Se ci ricordiamo del fatto che molte dell' energia introdotta finisce in calore è importante per questo tipo di lampade un impianto di raffreddamento che se ben fatto può portare a delle dimensioni importanti o a un ulteriore aumento di consumi. Non raffreddare correttamente un LED con magari un impianto Heat-Pipe molto costoso vuol dire diminuire la durata della lampada anche del 90%.

Date queste specifiche ricordiamoci che è raro incontrare dei led oltre 10 W. 
Per questo motivo solitamente vengono introdotti all'interno del lampione stradale una quantità notevole di queste sorgenti. Spesso la quantità di led è superiore al minimo necessario per un motivo molto semplice: ottimizzare la curva di illuminazione in quanto essendo sorgenti puntiformi o si utilizza una  ENORME lente che può anche essere molto costosa oppure si regola la densità delle sorgenti fra il centro e lato del lampione non potendo utilizzare un riflettore. Spesso questi LED sono in serie.
Generalmente la durata di un apparecchio è data non solo dal singolo componente ma anche dal fatto di quanti componenti ci sono, non è un caso che gli oggetti complicati spesso siano additati di poca affidabilità. Immettere un centinaio di led all'interno di un singolo lampione vuol dire abbassare la durata almeno di un fattore 10: in pratica se il ed è correttamente pilotato, raffreddato e protetto possiamo definire e quello specifico lampione durerà un 1/10 Della prevista durata del singolo LED.

Riusciti ad aggirare il problema di usare una lente di quattro chili in vetro molato rimane il fatto che ogni led ha bisogno comunque di una lente e siccome il lampione sta già costando delle cifre enormi sarà giocoforza in plastica. Con quelle temperature, con quel flusso luminoso, con quei colori molto probabilmente ci potranno essere dell'invecchiamento di precoci di quelle plastiche con una riduzione ulteriore del flusso luminoso.

A queste cose bisogna aggiungere una particolare molto importante: non sempre l'elettronica di contorno per alimentare il LED è di qualità e anche quando lo fosse essendo un componente che hanno durata di circa un decennio bisogna introdurre anche questo nel calcolo dell'affidabilità.

A tutte queste cose bisogna aggiungere ancora un fattore molto divertente: la sostituzione di una lampada a sodio è fattibile da qualsiasi scimmia ammaestrata che è in grado di usare un braccio e una mano. La lampada stessa al sodio  è acquistabile nella mia città almeno in tre o quattro punti vendita basta andare col campione ed è disponibile al volo e si possono scegliere pure le merche. In cittadine meno prestante in un paio di giorni è tutto possibile. Se poi parliamo delle FL possiamo scegliere centinaia di tipologie.
Sostituire una lampada a LED di un lampione non solo non è una passeggiata perché spesso è agganciata all'impianto di raffreddamento ma non esiste nessuna standardizzazione e va richiesta in maniera specifica al costruttore del lampione stesso. Nulla esclude che possa costare meno, a pochi anni dalla stolta installazione dello stesso, la sostituzione completa dell'apparecchio illuminante che come abbiamo visto se prodotto seriamente e' MOLTO costoso.

Detto questo per vedere se le supposizioni che ho scritto sono date da mie follie oppure no basta andare a vedere le curve di distribuzione e i consumi dei lampioni dei produttori scoprendo peraltro che molti di questi pur pavoneggiandosi con termini come consumo e qualità non pubblicano neppure i grafici e le curve necessari alla progettazione poi di una strada comprensiva dei loro oggetti.
Quando e  pubblicata la documentazione si nota che sono costruiti per usi particolari e spesso sono inadatti a sostituire i vecchi lampioni semplicemente perche' le curve sono per altri usi che non sono quello stradale con marciapiede o non sono cittadini o ancora non sono spaziabili alla stessa maniera.

A questo punto viene da pensare:
mediamente le curve dei lampioni stradali a LED sono per usi speciali oppure non possono competere con lampioni stradali dal costo ridicolo e dal consumo spesso nettamente inferiore.
Perché mai qualcuno dovrebbe montare dei lampioni utilizzanti queste tecnologie?
Ma soprattutto il Comune di quella cittadina così sfortunata perché mai ha dovuto sostituire delle tecnologie mature e funzionanti con una tecnologia pessima e dal risultato incerto?
Probabilmente il risparmio ottenuto dalla cittadina di Torraca è stato ottenuto semplicemente abbassando la quantità di luce sul territorio in maniera molto drastica. 
Così facendo ci credo che abbiano ottenuto un risparmio ma quest'ultimo non è certo risultato dell'adozione dei LED quanto il risultato dello spegnere le luci.

Inoltre non penso che usino veramente i 24V come dicono: Alimentare direttamente a 24V il comune vuol dire aumentare le perdite di trasmissione di almeno 30 volte e cablare con cavi ENORMI nel costoso RAME il comune.

Spesso è molto difficile remare contro mondo che vuole imporre per ragioni di danaro una certa tecnologia. Pensiamo al fatto che molte delle aziende che producono lampioni hanno tutto l'interesse che i loro prodotti vengano comprati e quando una cittadina anche di piccole dimensioni decide un passaggio del genere si tratta di cifre milionarie che offrono la possibilità di spendere molto per far apparire quella cosa positiva.
Quando tutti i giornali, i vari WWF e persino i gruppi di persone urlanti come i Grillini richiedono a gran voce i LED dire che questi ultimi per quell'applicazione specifica sono letteralmente sbagliati provoca incredulità. 

Negli ultimi post la cosa addirittura si è fatta ridicola perché qualcuno ha utilizzato parole offensive. Visto che qui si parla di matematica utilizzare frasi scombinate è quanto un autogol visto che basterebbe riportare una serie graficc, per esempio di durata-efficienza-T, di  un produttore ai vertici come una Panasonic, Osram, Rayton&C che descrive quello che si vorrebbe contestare.
Il problema e' quando si vuole contestare un dato ma non si puo', il risultato e' il sistema grillino (no-muos, no-tav, no-nuke, no-farmaci,  no-bambolegonfiabili, no-tutto tranne wifi, led, pixel e turbo) urlare e dare del cretino a tutti.

Penso che LED come del resto pixel e ECO appartenga ormai di diritto alla serie di etichette che certifichino che quell'oggetto e' un pessimo prodotto.
Se poi e' ECO e LED in contemporanea non e' un pessimo prodotto, e' uno schifo!
Eco + led + pixel e' merda pura?


PS
Comunque non sono l'unico che la pensa cosi': nel cercare le osanne (a migliaia) ci sono solo 2 che dicono che Torraca e' una stronzata, questo e' poco tecnico (e non del tutto scientificamente corretto) MA facilmente comprensibile ve lo linko:
http://www.led-lighting.it/DOCUMENTI-pdf/attidelconvegno/loguercio.pdf
luce a macchie e apparecchi illuminanti sabotati.

sabato, marzo 15, 2014

Sono ignorante!


500 megacosi?

500 megabyte?
 500 megabytesecondo?
 500 megabit?
 500 megabitesecondo?
 500 megawatt?
 500 megaWattora?
 500 megaJoule?
 500 megaVolt?

500 megaAmpere?
 500 megaHertz?

500 megagammi?
 500 megametri?
 500 megaeuro?
  
500 megalitri?
 500 megabanane?
 500 megasconengie al secondo?

500 megattere!

Ecco si, sono 
500 megattere!
 Cazzo ci faccio con 500 megattere?


lunedì, marzo 10, 2014

Varese mpx

Appena scesi dall'aereo milioni di persone scoprono che l'aeroporto di Varese non e' l'aeroporto di Milano. Qualcuno si e' anche adirato e urlava perche' sul biglietto era scritto "aeroporto di milano". Per uno di straniero di pincopallo e' inconcepibile.

Poi devono trovare qualche "strano" che parla inglese perche' un aeroporto di provincia non puo' certo richiedere al personale di terra di sapere una lingua oltre ad un italiano con pesanDi accenDi. Se arrivano dalla disperazione a chiedermi informazioni vuol dire che sono messi molto male.

Bisogna sperare che non scappi la pipi', la ricerca del bagno non e' facile all'aeroporto italiano di Varese.

Dopo mentre aspettano dei bus navetta dagli orari che vanno tenuti nascosti e rivelati saltuariamente solo in una lingua conosciuta dallo 0,qualcosa% del pianeta possono fare un giro nel piazzale antistante dove la visione di cartacce, bottiglie sparse e fioriere come in foto fanno capire che siamo un paese africano.

giovedì, marzo 06, 2014

bitcoin



Ci sono dei casi in cui prevedere come andrà a finire è sostanzialmente impossibile.
In particolare nel campo dell'economia dove non esistendo una scienza ma solo del gran pressappochismo è necessario procedere con cautela.
Uno dei motivi per cui l'economia non e' matematica e' che non è possibile allo stato attuale pensare di razionalizzare con formule matematiche altre scienze ancora meno scientifiche come ad esempio la psicologia che più che una scienza è un sentito dire.

Ultimamente si fa un gran parlare, soprattutto in quei posti pseudo tecnici, delle monete elettronica senza referenti. La maggior parte dei casi vengono considerate molto chic e risoluzione a tutti i problemi. In realtà sono una montagna di merda.

Partiamo da cos'è una moneta. Mi scusino gli addetti ai lavori per le GROSSE semplificazioni e le ENORMI licenze poetiche atte ad una semplificazione idonea ad un paese dove i giornali scambiano Km con Km/h, gommoni con balene, disastri nucleari per vacanze e tutti prendono per buono il risultato tanto da pilotare un referendum con queste fesserie.

Una moneta è un pagherò che e' garantito dall'emittente, sostanzialmente come un prestito.
È una sorta di cambiale, un pezzo di carta che quando lo restituirò avrò in cambio del valore in beni, servizi o altri titoli (foglietti di carta).

I Titoli di credito infatti hanno una tenuta del valore in base all'emittente se le emette un personaggio truffaldino in genere non si prendono valendo come la carta cui sono stampate mentre se le emette un grande operatore finanziario in genere vengono usati anche come mezzo di scambio monetario. E' prassi normale comprare aziende (parti di) usando come valore delle azioni proprie o di una controllata.

Sempre per fare esempi possiamo vedere la differenza che c'è fra un assegno di un privato ed un assegno circolare. Per il controvalore di un assegno circolare risponde la banca stessa e può essere utilizzato tranquillamente come moneta sonante anche se con le ultime legislazioni ne è stata limitata la portata.

Un altro titolo che ha un valore e' l'azione. Sostanzialmente è un pezzo di carta che garantisce una parte di una società.
Se io possiedo delle azioni della Ford posso restituirle alla stessa in cambio del valore che ha la Ford in quel momento. Se ne ho abbastanza al posto di un controvalore monetario mi restituiranno l'intera società, in pratica ho fatto una scalata e ho tolto dalla borsa il titolo (Dell).

In pratica si potrebbero utilizzare tranquillamente le azioni della Ford o di Google al posto della moneta che si utilizza tutti i giorni.
Mi dia un caffe!
Le costa una cariplo e 2 canistracci oil.

In genere però si tende ad evitare questo tipo di scambio per una ragione molto semplice: le società per quanto grosse siano possono svanire e il valore dei foglietti di carta ha poca inerzia rendendo effimero il valore: alcune volte in una settimana ci sono dei titoli che guadagnano e perdono anche il 10% senza che siano considerati problemi.
Quanto vale in azioni Microsoft un chilo di patate domani mattina è difficile da comprendersi.

A questo punto nasce la moneta moderna che viene gestita dal governo.

Inizialmente per dare stabilità e il valore la maggior parte delle zecche conservava grandi quantità di oro, un prodotto che per qualche motivo strano (psicologia, ricordate?) è sempre stato costoso. Questo serviva ribadire che restituendo il foglietto era possibile avere indietro del metallo prezioso che era facilmente spendibile.
“La riserva monetaria è la quantità di metallo o altro bene che l'emittente di moneta - in alcuni sistemi monetari - tiene come garanzia delle banconote stampate o più in generale del circolante presente all'interno del sistema economico. Solitamente la riserva è aurea poiché l'oro ha un alto valore per poco ingombro ed è un materiale non deperibile“
Insomma la riserva potrebbe essere fatta anche in parmigiano. Basta che valga. In effetti ci sono banche che hanno nel caveau il famoso formaggio.

In pratica del danaro comune la faccia è quella dello stato: il valore del denaro è un riferimento del valore dell'azienda Stato stessa. In pratica posso andare dalla banca statale con i miei foglietti di banale carta e chiedere che mi sia dato il colosseo se non è possibile avere qualcosa di diverso.

Ovvero anche nei casi piu' gravi, come l'argentina, uno prende solo il 25% del valore ma presentandosi con i pesos uno riceve in cambio gas, alberi o una vacanza. 25% contro 0% e' un bel po'... aspettando solo un anno e' il 30%. ma e' comunque stato un evento singolo. Non la regola.


Le monete elettroniche invece si basano quasi tutte non sulla garanzia ma sulla sicurezza.
In pratica sono delle risposte a delle formule matematiche: io pago per avere una risposta assolutamente inutile ad un'indovinello.
Certo per ottenere quella risposta io ho dovuto consumare energia elettrica, aver pagato Dell'hardware oppure aver pagato qualcuno che facesse quel lavoro per ottenere quello che sostanzialmente un numero o una stringa.
E' quello che si dice “minare” una moneta: risolvere l'indovinello a forza bruta.

Un affare come questo ”ffdgh tyt987thbwb jetu5 gntyrtrtru nbc” ma più lungo che segue tutta una serie di regole lo scambiamo con un'automobile.
Poi con il nostro preziosissimo ”ffdgh tyt987thbwb jetu5 gntyrtrtru nbc” andiamo al ristorante e lo diamo al ristoratore: in cambio da una bella bistecca.

I Grillini di turno fanno notare che scambiarsi una stringa è molto sicuro perché nessuno ce la può rubare per tutta una serie di regole di scambio, siamo slegati dal contesto di Stato, che sta diventando cattivo quanto i venditori nella testa dei peones.
Non essendo tracciata la transazione possiamo comprare la pelliccia all'amante con il nostro ”ffdgh tyt987thbwb jetu5 gntyrtrtru nbc” senza che nessuno lo venga a sapere (basta avere piu' wallet).

In pratica Per molti pseudo tecno fighetti e' il futuro. Una sola moneta planetaria. Molti fans si stanno adoperando per usarla sempre. Quando un venditore di auto, o una grossa azienda, decidono di usare bitcoin e' subito festa; come dire WiFi ad un grillino.

Meglio dei contanti sembrerebbe.

Ci sono però due problemi il primo è che in alcuni casi ad esempio bitcoin, il numero delle banconote è finito e la difficoltà a risolvere l'indovinello è sempre più difficile per design.
Questo vuol dire che usando l'indovinello come moneta questa tenderà avere una deflazione spaventosa cosa che sta già verificando.

Come abbiamo visto la cosa più importante di una moneta e' la stabilità non il fatto che aumenti di valore o diminuisca improvvisamente.
Le monete migliori o i beni rifugio come il dollaro o il marco non erano utilizzati massicciamente perché guadagnavano di di valore rispetto le altre monete ma semplicemente perché erano stabili.

Quando il dollaro guadagnava non era perché il dollaro avesse una deflazione ma semplicemente perché altre monete avevano molta più inflazione.



Il bit-coin È passato assurdamente da un valore di un euro a circa 800.
Visto che l'euro è abbastanza stabile come del resto il dollaro vuol dire che se le due monete hanno avuto una piccola inflazione nel periodo, diciamo che perdano circa il 5% all'anno, il valore assoluto bitcoin ha avuto una deflazione almeno del 60-80% all'anno.
Oscillazione a due cifre, quasi 3, vuol dire sostanzialmente che l'uso come moneta è assolutamente sbagliato perché offre le stesse problematiche delle monete come la lira turca o il peso argentino.

Certo fa sembrare che sia bello guadagnare semplicemente tenendo in tasca delle monete, metalliche, cartacee o virtuali perché scritte su un pezzo di silicio non cambia nulla realtà.

Anzi possiamo tranquillamente affermare che il pesos argentino sia una moneta molto stabile e affidabile rispetto a quelle elettronica.

Provate a immaginare quando la moneta elettronica arriverà al suo numero massimo di gettoni se già ora vale circa 800 euro.
Molto probabilmente l'oscillazione potrebbe divenire tranquillamente tre cifre rendendola la cosa più instabile mai vista, peggio persino delle azioni della Parmalat.

In pratica provate ad immaginare un mondo dove si usi questo tipo di moneta:

il vostro bar preferito compra delle patate da fare arrosto pagandole un gettone.

Voi tutti i giorni andati a comprare quelle patatine per due gettoni e il barista e tutto felice perché sembrano un sacco di soldi.
Però dopo una settimana avvicinate il barista e gli comunicate che forse pagare delle patatine come una pizza non sembra il caso.
Già, perché il vostro potere d'acquisto è aumentato nel frattempo.
A fine mese con una rivalutazione mensile a quasi due cifre il prezzo al pubblico delle patatine è arrivato a 0,75 gettoni per porzione perché il mese scorso non era stato fatto un adeguamento e allora il bar della città hanno dovuto scendere per concorrenza di un bel po'.

Il padrone del bar deve pagare le fatture per le patatine comprate nel semestre che un mese fa valevano un gettone da vendersi a due ma ora che c'è stata deflazione sono state pagate sempre un gettone ma vendute a 0.75..
Chi se ne frega del barista direte.

Ma il vostro datore di lavoro che non vi vuole pagare come il direttore della Fiat di comunica che da questo mese il vostro stipendio e' dimezzato.
Ve la siete goduta per un anno a prendere un sacco di soldi ma ora si rimettono le cose a posto. Giustamente del resto.

Il problema è che voi avete fatto un mutuo pagando quella casa 100.000 gettoni tre anni fa.
Questo ha provocato un mutuo da 1000 gettoni mensili assolutamente dentro nel vostro stipendio che e' il triplo. O meglio era il triplo.

Con la deflazione il vostro stipendio è ormai di settecento gettoni e tutto sommato è molto più alto di quando avete firmato il rogito. Ma in pratica non riuscite più a pagare i vostri debiti; siete in bancarotta.

Avete così la pensata di andare a vivere in affitto vendendo la casa dimenticando però che la casa ha sempre quel valore che tradotto in gettoni sono 30.000.
Avete quindi due scelte: vincere una lotteria o fallire.

La banca ritira la vostra casa, insieme a tante altre, non può permettersi di piazzarle sul mercato perché non chiuderebbero certo i debiti accumulati, i 100.000 gettoni, conchiglie o bitcoin la banca non li ha, avendoli già dati al venditore. Si ritrova ad aver perso almeno 60.000 gettoni. Per ogni casa.

La Banca quindi non ha molta scelta o vi offrirà dei mutui che coprono solo ed esclusivamente un 10% del valore dell'immobile con percentuali altissime per via del rischio oppure è destinata a fallire.
In pratica con una moneta con una fluttuazione così alta come quella che sta avendo la moneta elettronica oggi non è possibile fare uno scambio di merci e o servizi perché manca il requisito fondamentale della stabilità.

Infine esiste una questione che è chiamata moda

oggi in cambio di un bit-coin che altro non è che un ”ffdgh tyt987thbwb jetu5 gntyrtrtru nbc” la gente è disposta a dargli qualcosa in cambio, non è obbligata a darvelo. (sono di opinione contraria i fessi dell'aduc ma si sa che non sono attendibili)

Se la gente non vi dà nulla come ad esempio è successo in Ecuador dopo lo sgancio dalla dollarizzazione non era neanche possibile comprare un panino con qualsivoglia valuta (io c'ero) poiché il ristoratore non sapeva quale sarebbe stato il prezzo che all'indomani avrebbe pagato la merce per ripristinare la dispensa sia pagandola in dollari sia pagandoli in sucre.
Per fortuna ho trovato qualcuno che mi ha fatto credito nella valuta stabile “panini”. Quando poi ha comprato la materia prima mi ha chiesto una cifra in dollari corrispondente a una valuta molto più stabile localmente chiamata panini.

Quindi la domanda quanti panini io posso comprarle prima o poi in dollari o nella moneta più sfigata dell'universo perché comunque qualcosa mi daranno indietro da quei foglietti di carta.

Ma chi garantisce che dandogli ”ffdgh tyt987thbwb jetu5 gntyrtrtru nbc” al ristoratore questo mi dia un panino?
È solo una questione di moda accettare che un numero sia un panino.

Cosa succederebbe se per qualche motivo la gente si stufasse di usare i Bit-coin iniziasse usare perché sono più simpatici i super-conchiglieXv3?

Magari il valore dei primi essendo arrivato a 50.000 dollari li rende difficile da spezzare: salve vorrei un caffè. Eccolo, mi dia 1/245983 di bitcoin. Scomodo se non siete boss della mala.

Probabilmente potrebbe accadere per tante ragioni i cui questa è solo una.
Comodità, simpatia, pubblicità o passa parola.
Le super conchiglie elettroniche diverrebbero il nuovo re della giungla il problema che siccome non è ancorato a nulla il valore della prima moneta elettronica con la migrazione degli utenti verso la seconda sarebbe in caduta libera come il prezzo di un televisore coreano.

Oggi potreste avere in banca due bit-coin (mer-coin buzzcoin o superconchiglie1.0) per un totale di 100.000 dollari e domani trovarvi nella situazione che quelle due monete valgono un paio di centesimi poiché quando ha cominciato a scendere tutti, ma proprio tutti, hanno cominciato convertirle in conchiglia2.0.
Le banche avendo del monitoraggi elettronici sono state le prime a farlo e poi vi ritrovate per l'ennesima volta senza una lira, una moneta tanto bistrattata quanto stabile rispetto a quella elettronica.
Siccome non avete fatto debiti elettronici perché sembrava folle sicuramente l'avrete utilizzata come deposito e a quel punto tutto ciò che aveva in banca s'era ridotto a un cumulo di cenere.

Intanto che passate alle conchiglie elettroniche siete automaticamente uno di quelli che ha causato il crollo del precedente sistema di misurazione. Ma non avete fatto altro che creare il presupposto perché succeda una seconda volta.

Forse le monete odierne, che realtà sono già elettroniche perché quasi tutte le transazioni non avvengono con il contante ma spostando dei numeri, sono quello che tutto sommato funziona e più stabile una moneta, più ancorata a dei valori che possono essere il tipo di vita che facciamo, il valore medio delle case, dell'oro o la qualità dei nostri manufatti, sono la cosa meno peggio.

Alcuni addirittura rimpiangono la vecchia lira una moneta che non aveva molti pregi ma rispecchiava il nostro stile di vita e chi ha dato la possibilità di arrivare dove siamo arrivati.
Tutti problemi che si additano all'euro, quelli reali e non quelli che sono stati inventati per faziosità, sono arrivati semplicemente perché questa moneta è molto più stabile e noi che eravamo abituati, abituati a pagare in ritardo ovvero in realtà stavamo pagando scontato. Con l'euro che è più stabile sembra che tutto costi di più ma semplicemente perché si svaluta meno e non possiamo pagare scontato.

Una moneta stabile, ancorata al tipo di paese ma anche stabile in maniera assoluta senza esagerare con una leggera svalutazione per dare un valore agli investimenti, altrimenti uno i soldi li conserva nelle tasche anziché usarli, è il giusto compromesso. Chi denigra l'euro forse non si ricorda cosa succedeva prima, o forse non ha mai gestito qualcosa di più grande di un appartamento con le materie prime pagate in altre monete.
Pagare una materia prima il doppio rispetto a quanto stabilito al momento dell'ordine erano cose che accadevano spesso tanto da far si che nel le aziende parte della liquidità veniva mantenuta nelle divise con cui si facevano acquisti e comunque i salti mortali erano all'ordine del giorno.

A tutto questo caos ricordiamo che non esiste solo IL bitcoin, almeno altre 10 monete si contengono il primato. Se la gente si comportera' come solitamente fa, coppi-bartali ola system, ci saranno almeno 2 criptomonete sulla piazza, la prima trendy e l'altra che spera di esserlo. Quindi una certa concorrenza binaria che spingera' oscillazioni di mercato simili a quelle di un cavallo imbizzarrito.


Il problema è sempre quello che la gente non capisce cosa sta facendo: pagare 600 dollari una semplice stringa”ffdgh tyt987thbwb jetu5 gntyrtrtru nbc”

forse non è molto intelligente perché prima o poi essendo una moda, una mania collettiva così com'è iniziata potrebbe all'improvviso terminare. Se uno sente di essere un grande cacciatore dai nervi d'acciaio potrebbe investire su una cosa di nessun valore ma assai ricercata ora e mollare l'istante prima del grande crollo.
Come qualcuno che corre sul filo precipizio.
Perché l'istante dopo ”ffdgh tyt987thbwb jetu5 gntyrtrtru nbc” non vale piu' 600E ma vale come la fotocopia di questo post

”ffdgh tyt987thbwb jetu5 gntyrtrtru nbc” e' per voi di qualche valore?

”ffdgh tyt987thbwb jetu5 gntyrtrtru nbc” dovendolo chiamare con un altro nome anziche moneta come lo chiamereste se non vi avessi detto che e' un bitcoin?

”ffdgh tyt987thbwb jetu5 gntyrtrtru nbc” io la chiamo stringa senza senso e valore.

E' il placebo delle monete, un titolo omeopatico: ha un valore solo per chi ci crede.






PS
Dopo la scrittura di questo post una delle “banche” di bit coin e' stata assaltata. Ovviamente non si tratta delle rapine da film con il mitra o l'escavatore ma banali falle del sistema che hanno permesso il furto di ben 850mila bitcoin.
Infatti a causa di questo problemino il bitcoin che aveva sfiorato quasi 800$ al momento della stesura del post (ho circa 200 post fatti a meta' fra cui una serie sugli altoparlanti e una di cucina) e successivamente quasi 1200$ e' caduto a 560$ in pochi giorni.
Pensavate 2 settimane fa con quei bitcoin quasi di comprare una supercar come una corvette sting-ray nuova di trinca ed ora dovete pensare ad una squallida Seat.
Dopotutto non e' cambiato nulla, e' solo l'idea che anche i bitcoin possono essere rubati. Come tutto del resto.
E' bastata l'IDEA della POSSIBILITA' di furto per far cadere il valore quasi quanto la crisi argentina. Alcuni addirittura paventavano un ritorno ai valori iniziali (un dollaro) con l'esplosione di una bolla simile ad un boato.
La cosa piu divertente e' che i fan della moneta che spingevano sempre sul fatto di essere slegati dallo stato, dal potere eccetera si stanno rivolgendo ai tribunali del cattivo stato accentratore per riavere i danari.
Addirittura al tribunale dell'Illinois e' partita una class action contro i vertici della banca.
Se io fossi il giudice direi che la causa non sussiste non essendo il bitcoin una valuta ma un banale file. Se uno ti ruba le soluzioni della settimana egnimistica al massimo puoi farti pagare una parte della rivista. Se uno ti frega un bitcoin perche' un giudice pagato dallo stato dovrebbe perdere tempo per farti rifondere quei pochi centesimi che hai versato a chi ti conservava una stringa?
A chi usava una stringa per slegarsi dallo stato per evitare di dare soldi allo stato e di conseguenza al giudice?
MOLTO INTERESSANTE, no?

Cosa succedera' quando si renderanno conto dell'esistenza della chain?
Gia' perche' avendo accesso a gradi database come quello di WA+FB ed un amazon qualsiasi accettante bitcoin e' abbastanza facile ricostruire la bitchain. Tutti i bitcoin hanno dentro la storia di chi li ha SCAMBIATI.
Alla fine basterebbe andare da qualcuno che e' identificabile nella sequenza (perche' ha comprato un paio di scarpe usate da ebay per esempio) e chiedere chi era che ha pagato tot per avere il CD di fuga da NY il giorno tale pagandolo tot.
Salvo di essere molto molto molto molto attento un sistema molto grosso potrebbe ricostruire tutto tranquillamente con nomi e cognomi.

lunedì, marzo 03, 2014

vendiamo il solare!

Vendiamo il solare sui tetti
Anche quando la mattina sono in ombra per la pianta
al pomeriggio perche' abbiamo un palazzo di 12 piani davanti (da dove ho scattato la foto)
la sera un'altra pianta.

Piu' stupido l'acquirente o piu' FDP il venditore?

martedì, febbraio 25, 2014

WA audio: sto guru!

Non e' mia indole darmi del figo.
Pero'  ho PREVISTO con mesi di anticipo rispetto alla dichiarazione odierna i figli di buona donna di Whatsapp dichiarano che ci sara' la trasformazione di WA in una specie di skype permettendo le telefonate...

Insieme al fallimento di MPS...

Raga' so un guru!
vedo prevedo ma soprattutto stravedo se picchio le corna sotto una porta troppo bassa.

Vediamo quindi di NON usare WA vista la sua pericolosita'.

domenica, febbraio 23, 2014

Amar Bose RIP




Scopro con rammarico solo ora che a luglio 2013 ci ha lasciato Amar Bose.
E' strano, ci riempiono i giornali con nomi assolutamente inutili.

Con la morte dell'amico del fondatore di Apple, un ragioniere che non ha fatto nulla di nuovo, il simpatico Jobs, ci hanno fracassato i coglioni per almeno un anno.
Ci hanno fatto pure un film.
Un film sull'amico di un genio.
Il genio invece e' un ciccione poco trendy che porta camice improponibili. Meglio non parlarne.

Se crepa la fighetta che ha quasi mostrato la patata ci fanno una prima pagina.


Neville Thiele muore ad ottobre 2012.
Un grande. Inseme al collega Small spiega a tutti come costruire un'altoparlante.
TUTTO QUELLO CHE SUONA OGGI LO DOVETE A Thiele e Small. Se non li conoscete neppure per sentito dire non date mai giudizi sull'audio.
Ma soprattutto non comprate nulla con un altoparlante senza una guida. Potreste comprare un cinokorean da 1000 FW (fintowatt) mono a caroprezzo.
Neville Thiele: Un grande
Nessun giornale ne parla. Stiamo parlando di qualcuno che ha quasi fondato una branca della scienza!
Mica di una patatina qualsiasi!

Taquero quando mori' l'elettrico Ray
http://allarovescia.blogspot.it/2013/09/ray-milton-dolby-rip.html
Le riviste di cinema e i siti al massimo parlano se la spallina della starlette era lunga e o corta.
Tutta gente che nel cinema durera' meno della cariera di Ray e quando fra 30anni, Dio pemettendo, ne parleremo ancora tutti si saranno dimenticati del vestito e poi del contenuto ma sul cartellone ci sara' ancora il nome del nostro Ray Dolby a fianco di nuove, insignificanti, pupazzette.

Non riportarono quando ritchie schiatto'
http://allarovescia.blogspot.it/2011/10/dennisritchie.html
Non stiamo parlando di un qualsiasi pisquano (3000 pagine) che suona la batteria in un gruppo che ha venduto un tutta la sua carriera quanto David Bowie in 1 giorno.
Parliamo di una pietra angolare dell'informatica.



Bene, male,  Anche Amar Bose, l'incazzosissimo,  ci lascia.

Un ragazzo BENGALESE.
Frequenta il MIT.
a 13 anni si mette a lavorare per integrare la rendita famigliare
Studia come un forsennato e si laurea nientepopodimeno che al MIT.
Fa uno stage alla Philips (mica pizza e fichi) in Olanda
Torna in USA e diventa professore del MIT
Compra un impianto HiFi, gli fa schifo e decide di re-inventarlo. Da zero.
Per farlo chiede soldi, fonda un'azienda e macina brevetti a razzo su altoparlanti, auto (sospensioni lineari attive), ampli, cuffie per piloti di aerei,  eccetera.
Continua ad insegnare fino alla fine.
La BOSE arriva a 9000 impiegati
La maggioranza delle azioni senza diritto di voto della società le regala al MIT a condizione che le azioni non vengano vendute.

Ha praticamente dato una spinta alla riproduzione audio e molti prodotti  contengono sue idee o brevetti.
Ricorriamoci della 901, a distanza di piu' di 40 anni continua a stupire: 9 midrange ed un suono cosi' notevole.

Oggi i bimboMi dicono che il prodotto Bose non e' bello o costa troppo.
Premesso che si basa su di una corretta matematica e ottiene ESATTAMENTE quello per il quale e' previsto (istallazione di scimmia permettendo) ricordiamo che BOSE fa ricerca, quella vera.
I bimboMi debbono ricordare che per ogni $ che usano per comprare le 901 o i cubetti spendopoco una bella fetta di quella cifra vanno a pagare un mondo migliore. Ricerca vera, non startuppine.
(poi parlero' di cosa sono le startup in genere)


Bose per piu' di 40 anni ha cercato di migliorare il mondo e pensiamo perche' se in america gli immigrati posso diventare dei Bose o degli imprenditori di successo meno importanti da noi il massimo sono la Kienge che al massimo chiede case gratis o perche' i Rom ci possono dire che a loro e' dovuto il pagamento dallo stato di acqua luce gas e affitto.

Ma forse e' per questo che i giornali non ne parlano. Parlare di FI..lomena distoglie dai problemi e non mostrare i grandi non ci mostra la nostra piccolezza.


Addio ad un tecnico, sognatore, incazzoso, imprenditore, insegnante e generoso mecenate.

giovedì, febbraio 20, 2014

big brother FB



I servizi Internet si danno per scontato che siano gratuiti: è bella la mail gratuita, che bello andare su Internet gratuitamente.
Che bello il pollo gratis, la birra gratis.
questa cosa si chiama scarico di responsabilità in pratica non è mai colpa della persona che commette la cosa.
Desiderare che una cosa sia gratis o sperare che lo sia veramente chiudendo gli occhi e tirando il grilletto alla tempia sperando che la pistola gratis, ovvio, sia scarica.


Manca la logica.
causa>effetto.
servizio>costi>fatture.
Le fatture si debbono pagare.
Del fatto che sia gratuito un servizio dovrebbe metterci un attimo con le orecchie in piedi invece noi bellamente utilizziamo tutti quei servizi che ci sembrano gratis ovviamente diamo per scontato che non ci sia nessuna contropartita.
Il pollo fritto GRATIS.
La birra Gratis.
Quante volte vi hanno offerto tali cose?
Vediamo alcuni servizi discutibili:
Whatsapp:
un bel giorno Tizio decie di fare una versione ridotta della Mail.
Pensa che i bimboMi che credono di sapere usare i “cosi moderni” abbiano difficolta' a configurare una banale mail visto che i loro iphone in genere non ricevono la posta. I bimboMi guardano la posta, non ridete, via web. Anche sul cello. Inventa la mail facile da configurare. E' semplice mi dicono i bimboMi interrogati. In realta' mi raccontano anche altri vantaggi che si possono mettere sotto la voce e-mail.

In poco tempo questi hanno 450.000.000 di utenti e spediscono oltre 800milioni di allegati al giorno.
Ora, giusto per capirci, se un allegato fosse piccolino sarebbero almeno 100KB per una foto. 

Piu' il testo, piu' il profilo, piu' il fatto di essere o non essere online. Parliamo di almeno 16Gb/s MEDI sulle 24h per rendere credibile la cosa che sia piu' o meno istantanea parliamo di 50Gb/s di connetivita' senza limiti di traffico. Un paio di anni fa la simpatica telecom chiese migliaia di euro mensili per avere una dsl da 10Mb/s fra l'altro non garantiti integralmente (una SLA penosa). Condannando un business.

Chi paga i server visto che fino a 3 mesi fa era gratis (il primo anno e' gratis) e ancora oggi il 70% dei clienti lo e'?
A nessuno viene l'idea che nessuno metta le mani sui dati?
Chi ha investito milioni di euro come puo' essere sicuro che i soldi tornano?
Dopotutto il servizio e' meno performante delle mail e simile a tante chat (skype, irc, FB) di cui non e' sempre meglio.
Inoltre sul mio contratto, come nel 90% di quelli oggi in italia, mi danno 500SMS mensili che non intaccano cosi' duramente la batteria e hanno una gestione molto piu' perfomante (ma sono solo testo).
Quindi come fa Whatsapp a star in piedi non avendo neppure pubblicita'?
Sperando nel misero euro che POTRESTE dargli?
Non direi.
Parliamo di facebook?
Un affare con 120.000 server in 3 farm che consuma tonnellate di carbone al minuto?
Che immagazzina 350milioni di foto al giorno, calcolatevi quanti HDD aggiungono giornalmente ai loro server.
E' gratis.
Per mantenerlo i primi anni faceva buchi grossi come il bilancio di un piccolo stato. Quale banca esce cosi' clamorosamente? Dalle mie parti aziende solide non riescono a trovare 100.000E (ok la legge bersani ha dato una mazzata...) ma qui parliamo di milioni di $ come noccioline al cinema.
Tutto gratis.
Prestiti gratis.
Mail gratis.
Hosting gratis. Skydrive, droppoboxxo,appletimemachine&c vi dicono nulla?
Per non parlare del blackberry. Sarebbe troppo lunga.


Sono servizi molto costosi da gestire e mantenere. Soprattutto quando parliamo di milioni di utenti.
Perche' nessuno di questi non e', non dico italiano perche' ci sono ovvi limiti, ma neppure EU?
La risposta e semplice.
Perche tutto quello che mettete su questi servizi e' profilato. Vi dicono che non e' vero ma basta vedere amazon che mi mette su di un sito che vado a visitare attraverso bigG il toner appena visto da loro. E il toner mi appare anche sul programma nel telefonino per attivare la bussola.
Certo nessuno a detto che mi chiamo Palmiro Bertolazzi ma solo 754654. La privacy, mi dicono, e' salva.
754654 e' un dato aggregato un semplice metatato. Insieme a tanti inutili metatadati che non fanno male e non dicono nulla come il cookie di amazon defecato dul tuo browser insieme a milioni di altri. Inutile? Qualcuno secondo voi fa cose inutili? Soppratutto se e' un azienda e l'inutile costa?
E' inutile se non lo si incrocia! Incrociamoli:
Pian pianino 754654 e' un cliente di amazon col nik “sole”
754654 e' un possessore di shampung Z3px
754654 usa la mail napoli@hotmail.com
754654 su skype e' giovannone
754654 su FB abita a Bernareggio (ma il none non viene condiviso; e' privacy...)
754654 secondo G va spesso a torino
754654 parla spesso con alfredina (che abita a torino e' sposata con catozzo, un autotrasportatore) con whatsup. E ci si reca spesso.
754654 si assicura online con la solita mail. L'assicurazione non condivide targa o mail, ma solo un metadato di tecdoc (un singolo, banale, numero). 754654 possiede una renault megane SW 2009-11 1.4Tgasolio lev2, condi, allestimento lusso pazzo (e' a gasolio!), con cerchi da 17 e autoradio mp3 senza ruota di scorta ma con il kit fumatori. Con un secondo metadato abbiamo pure il colore.


Alcuni punti vendita USA stanno raccogliendo fisicamente i numeri MAC dei celli. Per avere la location precisa dei clienti indoor. Arrivera' anche da noi a breve. Nei super potrebbe esserci gia'.
754654 potrebbe essere un frequentatore della pizzeria “bella napoli” di corso emanuele a Torino tutti i giovedi.
754654 potrebbe poi passare davanti alla copisteria “mai piu' rilegature” di via edison, dove abita alfredina. Tutti i giovedi'.
Cosa succederebbe se gli arrivssero sul pc condiviso con la moglie tutte le pubblicita' di TO? (e lei non fosse grillina?)


Di questa persona non sappiamo il nome, ma per noi e' veramente importante che si chiami gino, pippo o 754654? La risposta e' no. Il nome ' solo una convenzione: 754654 e' un nick, un identificativo come il codice fiscale.
Ecco!
Il metadato e' il nuovo codice fiscale! Certo puo' cambiare decine di volte nella vita ma alla fine voi siete un metadato.
E cosa succederebbe se qualcuno oltre ai “normali” metadati associasse un nome vero, univoco, che non cambia per tutta la vita?
Nulla, sarebbe oltremodo facile con la massa di dati se avete accesso ad un aggergatore qualsiasi basta che nessuno sappia che lo avete fatto: e' solo un record sepolto in qualche server.
Associo 754654 al vero nome o al numero di telefono. Da quello grazie alle informazioni piu' o meno pubbliche, comunque minabili in rete, posso sapere della vostra vita quasi tutto.


Ecco il VERO scopo di questi costosi media che cercano di avere i vostri dati. FB non sta solo su con la pubblicita', Lycos fece lo stesso e aveva milioni di utenti con sevizi simili. MA, questa e' la differenza, nessuno pagava cosi' tanto questi dati o sorreggeva gli investimenti atti a migliorare il servizio (avete visto gli snap di FB agli inizi?).
Quindi CHI paga questi metadati piu' dell'oro?
Sostanzialmente altri che possono incrociarli.
FB SA il vostro nome, mail e dove abitate. Qualche volta il vostro n di cello
WA SA il vostro numero di cello e dove siete.
Se WA comprasse FB avremo il grande fratello. Dove, chi, perche'.


E chi pagherebbe questa miniera di informazioni?
L'unico che potrebbe pagare cosi' tanto e' qualche stato. Non ci voleva snowden per arrivarci,no?


Ma vediamo ad esempio che alcuni parlamentari, piuttosto che tirar fuori 10 o 20 euro all'anno per poter gestire la posta andavano (vanno?) a rivelare informazioni sullo Stato italiano un che dal punto di vista finanziario nostro concorrente. (si i grillini! Gli esperti del web!)
Siete su un tavolo a discutere dell'importazione di banane secche di cui avete gran bisogno ma, ovviamente non vi esponete. Ma l'interlocutore SA che voi avete un bisogno e in cambio delle banane vuole che togliate i dazi sulle molle per le penne a biro. Hanno letto la vostra mail. Siete in posizione di inferiorita'. Legalmente. 
Il server e' sul territorio USA. 

La mail “sonounostupidogrillino@hotmail.com” e' conservata e viaggia attraverso gli stati dell'unione come i metadati del cellulare e l'account FB dal quale manca solo che sanno quanti peli avete sul cu.
Tutte queste cose io le avevo già dette prima dello scandalo NSA perché, non ci voleva un genio, a capire che c'erano alcune situazioni molto bizzarre e chiunque non sia propriamente un idiota trovandosi informazioni che possono far cambiare drasticamente la qualità della vita dei propri cittadini in meglio non cerchi di avere accesso alle informazioni visto che sono già sul nostro territorio e già a disposizione per una ragione o per un'altra.

Come quando i fessi del PD inneggiavano in aula contro echelon. Sai che roba, con 4 server piazzati dentro altrettanti aggregatori secondo me si rischia di localizzare pure le spie: la mancanza di qualcosa e' uguale alla sua presenza.


Se tutto questo continuasse cosi', associando il MAC, la posizione, a qualcosa di piu' appettitoso come la gestione dei nostri dati fiscali all'estero, ops, accade gia!, o a quelli della carta di credito o telefonate sarebbe un grande fratello.
Ecco perche' piace WA: perche' sposta la telefonia (SMS) all'estero. Non perche' sostituisce un servizio migliore come le email. 

Piace non agli utenti, ma ai compratori di info. Ecco perche' sta in piedi.

Ecco perche' piace skype, sposta TUTTA la telefonia mondiale su di un sito USA. Si e' solo scontrata con la banda all'estero: chi ricorda il cellulare skypephone del 2006 circa? Sono solo arrivati troppo presto.
Ci riproveranno. Magari aggiungendo l'audio su WA.

Il gratis non esiste. Ad oggi e' pagato dallo stato americano e dalle agenzie di pubblicita' americane che ci profilano pesantemente.


Adesso dopo lo scandalo NSA tutti a parlare di criptare, criptare, criptare, criptare.
Non serve a niente. Le info si scambiano e basta. Dopo il cript, non durante: fatica sprecata.
Usate Whatsapp, carini...




PS
Questo post e' stato scritto il 28 settembre del 2013. Lo pubblico oggi non ancora terminato perche' e' successo qualcosa di importante.
WA e' stata acquistata da FB.
FB ora sa sempre dove siete e con chi parlate.
E con le foto chi vedete (ricordate che ha il riconoscimento facciale, vero?).








mercoledì, febbraio 19, 2014

italiani ignoranti come i grillini

la Merkel ed Hollande si stanno incontrando per decidere sostanzialmente delle sorti di internet in europa nei prossimi 10-15 anni.
Questo avra' moltee ripercussioni si TANTE cose e sugli investimenti miliardari sulle infrastrutture.

Gli Italiani non sono invitati, noi in compenso abbiamo Grillo che afferma che il WEB e' cosa loro, mica della merkel che e' cosi cattiva che non bisogna neppure parlarci.

Ma forse Grillo sogna una INTRANET che si ferma ai confini scollegata dal mondo.
Questo spiegherebbe MOLTE affermazioni.

Evviva gli italiani furbi!
Abbasso il WEB!

lunedì, febbraio 17, 2014

venerdì, febbraio 14, 2014

chissene che ti fregano l'auto!

Noi siamo un paese del 3zo mondo.
Dobbiamo pensare bene al fatto se non vogliamo sganciarci dall'EU e finire nella lega araba (cosa che molti grillini vorrebbero attuare)

Tutte le volte che interagisco con la Pubblica Amministrazione rimango perplito.

Vedo un'auto rubata, siccome non so qual delle TANTE forze che abbiamo in italia scoordinate fra loro debbano occuparsi del recuper di un oggetto rubato telefono al numero 113 che finalmente dopo TANTI richiami dell'EU e' finalmente operativo. Dicono.

Salve, vorrei fare una segnalazione: mi trovo davanti ad una macchina rubata.
Chi le passo, lo polizia o i caramba?
Non lo so chi piu' e' idoneo al recupero di tali manufatti (AKA se non lo sa lei che e' il suo lavoro...)
Si trova a XXX, vero?
Si mi trovo in quella citta'
e qui parte un pero', che forse, magari, allora, dpvrebb, le passo la "polizia urbana" (aka i vigili, non sia mai che si sentano peggio della polizia vera, i caraBBinieri, la GDF, l'esercito o gli ausiliari della sosta. Vigilare sugli altri deve sembrare roba da pezzenti.)
Ma quale e' la sua posizione?
xxxx!
Ma dove?
guardi e' una traversa di via CA il nome non lo so.
Perche' sa', senza la posizione precisa non so chi passarle. (cazzo, stai attenta che se mi passi i vigili che sono a 400m o quelli che sono a 900 cambia tanto!)
Passa altro tempo.
Perche sa, la via CA e' molto lunga (ma va?)
e allora?
apetti.
 (aspetto...)
passa altro tempo e sto cominciando a scazzarmi. Mi trattiene dal piantarla li l'idea che lo sfigato che possiede la punto nera versione baracca la vedra' nelle condizioni che la sto vedendo io. Ho un moto di compassione e tengo duro.

BuonHAWN!iorno cosa posso fare?
Salve, vorrei segnalare la posizione di un auto rubata?
Che ne sa lei che e' rubata? (detto con fare "che cazzo ne sai tu!")
Vediamo, ha il finestino abbassato, la porta spadinata, il blocchetto del volante strappato, i fili dell'impianto ovunque...
Ok, ok, bene dove si trova 
sono in una traversa a nord di via CA davanti all'esatri nel parcheggio di una scuola.
 Ma la via e in numero civico?
guardi non lo so non ci sono numeri civici qui', e' un parcheggio! (*1)
Ah, va bene la saluto.
Ma non vuole sapere che macchina e'? la targa? (cosi' verifichi che sia rubata, non impazzisci a cercarla fra 150 circa,  puoi avvisare quel poveraccio che deve andare a piedi...)
ah vaBBe' mi dia anche il modello e la targa
fiat punto targa quelcale'
buon giorno
buon giorno

6 minuti per dare la posizione che hanno gia'. Col senno di poi avrei potuto guardare la posizione sul gps del citofono-fasotuttomi. Ma forse l'assurdita' della situazione mi aveva straniato.

Ora la sensazione e' quella che per loro i furti d'auto non siano prioritari, forse fra qualche tempo manderanno qualcuno a controllare svogliatamente e sono sicuro che non troveranno quello che cercano.



1) il nome della via  e' solo all'inizio della via e coperto dagli alberi. Dovrei richiudere l'auto che ha la portiera spalancata, farmi 150m: cazzo nella lunga  via CA ci sono solo 2 scuole nelle traverse, solo una ha il parcheggio. Dove vivi a poggibonzi?  L'esatri, con le sue cartelle sta cannonneggiando da anni tutta la popolazione locale con migliaia proiettili giornalieri. Come cazzo fai a non sapere dove sta'? ah, gia' sei uno statale. cerca esatri su Gmaps ci metti tempo 0. Dai che ci riesci.
Oppure apri la finestra che a 300m se urlo forse mi senti: faccio prima a venir li che a leggere il nome della via.


giovedì, febbraio 13, 2014

Letta e banane!



Letta promette l'Italia digitale in 12 mesi
Il programma su cui punta Enrico Letta per ridare ossigeno (e tempo) a questa legislatura ha come obiettivo "portare i benefici della stabilità e del lavoro di questi mesi nella vita reale delle persone"

 BBBbbuuuuuaaaaaahahahahahahahahhah

Ammettendo che sa di cosa sta parlando:

prima dovra' spiegare agli altri eletti che differenza esiste fra un telefono e una banana.
Pi che differenza esiste fra una calcolatrice e un PC
Poi con calma spiegare che esistono le password eccetera.

Altrimenti come fanno a fare delle leggi si cose che non hanno la piu' pallida idea di come siano fatte?



In particolare i grillini hanno dimostrato di CREDERE di saper usare la posta e il pc ma non aver la piu' pallida idea della cosa. Hanno chiesto addirittura che lo stato cancellasse dei files dai pc degli italiani in tutto il mondo!
Pare anche che li abbiano visti ad infilare la banana nel jack dell'ipad sperando che poi apparisse sullo schermo. Per farne cosa non e' dato sapere.

E come tutti sanno: insegnare a chi CREDE DI SAPERE e' difficile.

Dopo 12 mesi a 8 ore di lezione al giorno forse capiranno che hanno bisogno di un supporto logistico (aka informatici) perche' hanno imparato che internet non e' la mamma e il porno assieme.
 
Qualcuno del PD rimarra pure MOLTO sorpreso che non e' vero, come invece gli aveva detto Niki Vendola, che il cellulare funziona per una magia filosofica ma per banale e rude tecnologia elettronica.



Quelli di forza italia sono avvantaggiati: le pupette giovani che gli stanno sulle ginocchia almeno sanno accendere il cello e messaggiare mentre fanno altro. Ma alla 3za lezione scopriranno che un cello fa anche le telefonate: miTTTico!

pero', nel frattempo,  sara' caduto il governo.


Letta, non ci conviene,
Rimaniamo alla banana, va!



di di cosa serva  la banana lasciamo che rimanga un segreto.
I PC, mi raccomando, togliamoli dagli edifici governativi, tanto servono solo a distrarre con youporn
Tutti gli oggetti delle camere d'ora in poi devono essere approvati dalla Chicco o dalla fischer price.

E mi raccomando d'estate niente angurie.
Potrebbero pensare che servano da infilare chissa' dove.

lunedì, febbraio 10, 2014

Picchiamo i bambini!

Per cio'
picchiamo i bambini
picchiamo i vecchi
picchiamo i animali
picchiamo gli extracomunitari
picchiamo i negri
picchiamo gli indigeni
picchiamo i gay
picchiamo i barboni
picchiamo....

E va bene cosi', evviva la violenza!
basta che non sia sulle donne.

lunedì, febbraio 03, 2014

Gli scemi



Tempo fa dissi che era da fessi avere un GPS incollato sul vetro
Ovviamente pensavo che era la cosa peggiore che uno potesse fare se era un po cretino.
Sono pero' passati ben OTTO anni e nel 2005 quelli con lo smart phone venivano (venivamo) persino derisi perche' solo dei mentecatti possono comprare un coso che cosa.
Due anni dopo diviene in e otto anni dopo se andate in metro scoprite che anche le anziane signore, le stesse che fino a 5 o 10 anni fa dicevano che i videogiochi sono il male del mondo e causa delle catastrofi mondiali le trovi con il loro videogame che giocano a ruzzle.

Vediamo la micra di cui sotto:
barcollano sulla strada senza attenzione, suoni 2 volte e continuano a serpeggiare.
pensi: il fesso telefona
al semaforo vedi che guardano un porno.
A quello sucessivo, dopo aver cercato di stamparsi sul solito che mette mezzo metro di macchina oltre lo stop capisci che stanno aggiornado facebooc menttre il telefono e' incollato al parabrezza.

Visto che gli stupidi sono molti gli incidenti aumenteranno.