mercoledì, gennaio 03, 2007

Le grandi stupidate hi-tech del 2006



alta definizione


tutti ne parlano, tutti la vendono, molti la comprano, tutti la desiderano ma nessuno la possiede,
se consideriamo cosa occorre per vedere l'alta definizione scopriamo che tre quarti di queste cose sono mancanti nei prodotti chiamati HD.

Per quanto incredibile non solo stanno vendendo il gatto prima di averlo preso ma addirittura non è mai stato visto in questo areale tale animale.

I) per vedere un immagine ad alta definizione occorre un televisore ad alta definizione (monsieur Jacques de La Palice...): occorre un televisore in grado di tracciare 1080i righe, il raster che oggi viene definito "High Definition". Deve essere di qualità notevoli, altrimenti è inutile avere un grande ritracciamento quando comunque l'immagine fa schifo. I televisori fatti così sono una chimera tanto da costringere i costruttori a tutta una serie di bollini con scritto "HD qualcos'altro" a dimostrazione del fatto che non siano alta definizione. Il massimo del minimo si raggiunge con la scritta HD e ridi OPS, ready. La cosa divertente e' che l'unico televisore d'appoggio HD "vero" in grado di leggere correttamente anche il PAL che sia mai stato in vendita e' un tv Thomson-Nordmende di oramai 15 anni fa: Il coso legge tutto fino a 1250i righe, lo standard HDTV, il HDMAC, il MUSE (1125i), risolvendo qualsiasi risoluzione da 525 righe un su senza dover ritoccare l'immagine con fantastici pastrugni digitali. Era in grado di ritracciare perfino con doppio interlaccio! Altrimenti ci resta qualche videoproiettore tritubo dai costi poco economici. Ovviamente, come accade oggi, il nordmendone era provvisto di sintonizzatore PAL. I "cosi" LCD ovviamente di HD hanno ben poco.

II) per vedere l'alta definizione occorre un cavo che trasporti l'alta definizione.
Peccato che una volta ogni anno questo cavo cambi, nelle intenzioni dell'industria, rendendo di fatto impossibile connettere una sorgente ad un monitor in maniera semplice. La cosa strana consiste nel fatto che esisterebbe un cavo (connessione digitale) standardizzato in tutto il mondo che si chiama firewire, e' più di dieci anni che esiste funziona bene ed è perfettamente idoneo alla bisogna. Non essendoci televisori dotati di questa connessione, ma solo fonti, sostanzialmente, è difficile parlare di alta definizione.
Se poi non si desidera il digitale (non e' mica obbligatorio, no?) le contestatissime, dall' industria dei contenuti, care vecchie e possenti prese RGB, magari dotate di sfarzosissimi bnc dorati, tutto possono!... dopotutto la presa VGA che usate, magari con un raster di 2048 righe, deriva da li' e i professionisti i monitor con cosa pensate che li colleghino?


III) per vedere l'alta definizione, incredibile, occorre una sorgente in alta definizione... Che oggi non esiste. Alcuni operatori di telefonia raccontano di fornire l'alta definizione: chissà come fanno con una larghezza di banda mcr dichiarata che è MOLTO meno della metà di un normalissimo DVD, in teoria dovrebbe essere minimo 4volte un DVD (quindi 32MB/s). Operatori satellitari tacciono completamente sulla larghezza di banda assegnata: alias meno di un decimo del necessario, vedere per credere. I due formati che si stanno contendendo le spoglie del DVD sono tutt'altro che nei prodotti commerciali. Le videocamere digitali hanno l'uscita digitale, firewire, che ovviamente non hanno i televisori.
Forse fra un anno il costo di un BD sara' umano, ma non il fatto che, magari fra due anni, la connessione non sara' la hdmi ma la hdmu 2.9 e il BD sara' un bidone se connesso su di un tv piu' giovane. Forse e' meglio equipaggiarlo con i santi RGB!!



PS
hdmi
questa è la grande presa in giro dell'anno 2006, viene spacciata per la connessione HD di nuovissimo tipo. In realtà questo tipo di connessione non è assolutamente nuovo. Non è altro che un incapsulamento di una vecchia connessione (dvi, che a sua volta...) che di nuovo possiede solo un sistema per evitare che si possa registrare quello che transita. In parole povere è una connessione che funziona solo metà. Non solo, quando non funziona puo' abbassare la qualita' del segnale ma non vi avverte. Potreste avere la situazione che il filmato ripreso durante le nozze possa vedersi male solo perché non autorizzato: a voi capire se è un guasto, se ricordavate dei colori migliori di quelli che sono, se si è rovinato nastro oppure possedete la stronzissima hd-minch...

3 commenti:

Anonimo ha detto...

A leggere il tuo articolo una persona che non si interessa di elettronica di consumo tende a pensare che il Thomson che citi si veda meglio di un Pioneer HD... il che è oggettivamente sbagliato. Per carità, è vero che chi vende dice parecchie balle pur di vendere di +: ho un amico che compra leggendo i volantini la pubblicità. Il mio consiglio è: se vi interessa una qualità maggiore del vecchio tubo catodico si èuò avere... ma andate voi a comprare e tappatevi le orecchie su quello che vi dicono e fidatevi dei vostri occhi e basta.

blu-flame ha detto...

"il che è oggettivamente sbagliato."
beh, dipende da quale pioneer e con quale fonte.

Esempio: se prendi un plasma 1080 con segnale progressivo da 1080 puo' anche vedersi meglio del thomson HDTV che essendo della meta' del 90 non dovrebbe essere neppure black (il tv esisteva in un unico modello)..

Se poi l' immagine e' statica hai la certezza che il plasmone suoni il vecchietto.

Se sbatti dentro un bel rgb da 1250 righe il plasmone crolla a 500 dovendo interpolare mentre il crt se ne strabalta.

Se usi il pal stessa cosa...

e' quindi oggettivamente corretto, vista la dinamica, la risoluzione, la velocita (sai che la luminosita' del plasma e' in pwm?) definire AD OGGI il CRT il migliore sistema di visione/proiezione (anche nel consumer).
Come buon secondo ci sono alcuni videoproiettori alquanto costosetti...
Terzo, ci sono i plasma...
e buoni ultimi gli LCD.

Il divario diviene enorme soprattuttto quando l'imput non corrisponde alla matrice, cosa che i CRT praticamente non possiedono.

"se vi interessa una qualità maggiore del vecchio tubo catodico si può avere..."
Forse rispetto al mivar della nonna, non certo con un dentutissimo cinescopio black matrix invar con il fuoco lungo...

"ma andate voi a comprare e tappatevi le orecchie su quello che vi dicono e fidatevi dei vostri occhi e basta."

sono in accordo ma con il capire dove PRIMA come guardare: con una bella demo con i colori tirati e i bordi pompati anche un esperto non capisce.
Avete notato che i supermercati mandano i cartoni animati sugli LCD? beh, non e' un caso.

Anonimo ha detto...

madonna come sei polemico...

madonna come hai ragione...