lunedì, novembre 26, 2012

telefoni



Per quanto possa essere assurdo le ultime evoluzioni nel campo della telefonia cellulare mi hanno lasciato molto spiazzato.

Fino praticamente agli anni 2000 penso di aver provato tutti cellulari esistenti e, sinceramente, ne rimpiango ben pochi e quei pochi alcuni non hanno mai raggiunto grandi quote di mercato.

In primis oggi, incredibilmente, il nostro mercato e' sostanzialmente fatto solo di smarphone: i telefoni che telefonano solamente non esistono piu'!
 

L'invenzione di quello che oggi viene chiamato smartphone risale ad un'azienda del Nord Europa che utilizzò una base proveniente da non particolarmente lontano: dei druidi di origine scozzese.

Rimaneva un oggetto particolare, particolarmente costoso, e sicuramente non permetteva di giocare con gli uccelli.

Le marche erano poche, almeno quelle serie, e si potevano raggruppare sulle dita di una mano.
Ogni tanto succedeva che nelle aziende uscissero come prodotti pazzeschi come ad esempio il Mitsubishi MT20 un telefono cellulare dalla batteria enorme di dimensioni contenute e con un display leggibile. Alcune delle funzioni di questo cellulare arrivarono solo negli smartphone dopo il 2012.



Spesso i telefoni che non erano di marca erano veramente atroci come spesso accadeva quando arrivavano quei cellulare di marche sconosciute tipo Samsung o sagem o poco performanti come, aeg-matra o alcatel.

Il tempo passava e le CPU di bordo diventavano sempre più performanti, teniamo conto che uno dei telefoni più venduti il nec p3- poi divenuto P4 Montava un ambizioso Z80. Ovviamente come processore all'interno dei computer era già vecchio di un ventennio, ma in una giusta ottica di durata batteria e simili era una scelta condivisa da molti.




Nokia aveva deciso di percorrere una strada assolutamente condivisibile. Appena i processori ad alte prestazioni furono disponibili in prezzi e consumi interessanti equipaggiò i propri telefoni con queste meraviglie della tecnica mantenendo una durata di batteria settimanale, un uso semplice e prezzi ragionevoli.
Per questo motivo il sistema operativo era sempre EPOC: il prodotto dei druidi di prima.

L'interfaccia grafica era studiata per mimare il più possibile un apparecchio telefonico o al più simile a un videoregistratore per poter fornire posta elettronica Internet e quant'altro senza stravolgere nessuno. Se uno ci pensa e' la soluzione migliore.


Mentre Nokia percorreva questa strada virtuosa gli altri non stavano pettinare le bambole.
I druidi per esempio fecero un'interfaccia utente veramente notevole che equipaggiò quello che io reputo il miglior telefono cellulare di sempre l'ericcsson P910i. Nonostante tutto quel pacchetto di sistema operativo e interfacce utente non riscosse un grande successo perché si ritrovò a contrastare la potenza finanziaria di Microsoft.

I costruttori cinesi e coreani speravano infatti di replicare la stessa dinamica che era capita prima nei computer da tavolo: mettere insieme pezzi progettati da altri con software altrui e guadagnare in maniera specifica esclusivamente giocando al ribasso e spazzando la concorrenza occidentale. La regina di una tale situazione fu HTC ma anche altre si ritrovarono a competere in quell'arena, MIO asus insieme ad almeno altre 300 aziende mai sentite prima.
Il problema fu che nonostante i consumatori furono così folli da comprare le prime versioni di quel software traballante la maggior parte di loro non rimase così accondiscendente come lo era stata sui personal computer per quanto riguardava le magagne. Un telefono che si blocca vuol dire essere tagliati fuori dal mondo.
In piu' giocerellare con un telefono era ancora da sfigati, nerd, scacciafiga, disadattati e menarogna.

A questo punto varrebbe naturale pensare che dopo aver provato smartphone Mal funzionanti la gente tornasse alle marche di sempre ma bisogna dire che alcune delle funzionalità, tipicamente giochi, presenti grazie ai display normalmente più grandi su quelle piattaforme ingolosì gli utenti che mal si trovarono a dover tornare su piattaforme molto più serie come quelle Di Nokia, Motorola ecc.

In questo trambusto mi sono sempre chiesto, e ancora non ho capito, invece come cavolo ha fatto un'azienda senza nessuna esperienza nel campo a diventare leader di mercato, sto parlando Della RIM (blackberry). Un telefono che ha delle problematiche a mandare e ricevere posta elettronica, non va su Internet come ormai vanno praticamente tutti telefoni e si trova a dover gestire delle cose in maniera strana non dovrebbe avere nessun tipo di successo così planetario. Ok poi arrivo' anche il pop ma ci misero un po'.

In questa situazione nella quale il leader di mercato costruiscono ottimi telefoni ma troppo seri e troppo simili a se stessi da anni, ricordiamo che il consumatore idiota vuole sempre cose nuove, arriva una società di computer: Apple.
L'azienda di Cupertino conosce bene le esigenze del pubblico il marmittone che si può riassumere tendenzialmente in: stupidate e videogiochi.
Arrivano con il loro telefono cellulare sottolineando per bene che non si tratta di un telefono che serve per telefonare ma per fare le cose divertenti come ascoltare la musica, vedere i video, giocare e condividere le vacanze.
Per evitare che faccia la fine di altri prodotti troppo divertenti ripieni di virus non fornisce la password del telefono stesso.
L'alto costo ed il design trendy lo rende status. Cosi' uno che palpa il telefono diventa socialmente accettabile.

Sostanzialmente l' iPhone concretizza in maniera perfetta quello che il pubblico desidera: una PlayStation portatile che non sembri un videogioco (perche ci si vergogna) ma serva anche per telefonare.
Ovviamente rispetto ai seriosi Nokia o ad altri vichinghi questo approccio è assolutamente dirompente come un baracchino con scritto birra gratis vicino ad un liceo rispetto ad un ristorante molto serio che offre bevande gratuite.
In poco tempo l' iPhone diventa leader di mercato e sostanzialmente il telefono più venduto di tutti tempi. La ricerca di capire esattamente quello che il pubblico desidera, giocare ed essere trendy in una volta sola, Spazza la concorrenza. I vari coreani esibiti in pubblico fanno sembrare un ragazzino con la PlayStation. Il telefono di Apple anche se sostanzialmente e' la stessa cosa non fa sembrare il video giocatore un ragazzino brufoloso il possessore ma finisce in mano anche a gente cool.

Passano anni prima che qualcosa possa cambiare il dominio in essere.
Nonostante il sistema operativo Di Nokia sia strutturato per il touch i telefoni proposti non incontrano il pubblico poiché poco colorati o poco inclini a sembrare/fare da giocattoli seza darlo a vedere.


Arriva la bufera di android.
Indipendentemente dalle sue qualità e' la cosa giusta che molti costruttori aspettavano. Si tratta sostanzialmente dal solito linux e come al solito funziona senza grossi problemi ma in particolar modo viene chiamato in un'altra maniera per evitare che la gente si spaventi.
Viene carrozzato con un'interfaccia utente simpatica da vedersi e idonea agli schermi tattili. Esistendo la distribuzione coerente è uguale per tutti è la gioia dei produttori di basso pregio.
Costoro infatti stavano scontando tantissimo il dominio delle Marche non potendo accedere ai sistemi operativi proprietari tipici di costoro. 
Un sistema operativo uguale per tutti, funzionante ed adeguato al pubblico per mettere a loro di mettere insieme un sistema senza doversi preoccupare minimamente del software ma semplicemente di avere delle macchine che stampano a basso prezzo dei prodotti e della manodopera in grado di assemblare il cellulare con il proprio marchio.
Infatti molti dei costruttori di cellulari android sono gli stessi che lo fanno per le marche guadagnandoci poco o niente.
Uscire direttamente con un proprio prodotto vuol dire essenzialmente guadagnare molto di più, e grazie al sistema operativo gratuito, senza fare ricerca.
In piu' il plus di non dover neppure pagare micro-soft.
Il premio senza il costo!

È evidente che un qualsiasi prodotto cino coreano con sopra android non potrà che costare molto meno di un prodotto di marca con un sistema operativo specifico, soprattutto se è stata fatta ricerca e o parte della produzione in luoghi diversi dal lontano oriente.
Se venduto a prezzi simili (come sta succedendo) generera' guadagni mostruosi.
Ecco il motivo dell'esplosione di android, della rinascita della malconcia HTC, del grande successo di Samsung, dell'esploit di LG e dell'arrivo di quelle migliaia di marche che oggi popolano un qualsiasi punto vendita come altri parimenti sconosciuti dal nome misterioso come Huawei (trad: vi conquistiamo, aka vi facciamo il C.), TCL, ZTE... e vari rebrand dai nomi ancora piu' improbabili.

A questo punto non potendo investire in pubblicita' (hanno gia' speso in ricerca) le marche che hanno fatto la telefonia sono fregate: cosa fare?

Motorola si e' fatta praticamente comprare dal propugnatore di android (google). Brutta fine per un ex numero 1 (ora settimo).

Panasonic un ex n1 del consumer ha deciso di capitolare all'ondata android. Per differenziarsi dai prodotti low cost ha scelto la strada dei piccoli numeri alta qualita' dell'harware (indistruttibile), come fa da decenni sui PC portatili. Quei pochi che capiscono comprano. Gli altri che si acchiappino un korean. Se lo meritano.

Ericsson ha scelto una via simile a panasonic e motorola. La parte cellulari e' venduta a Sony che forse la integrera' ai giochi PS (che e' quello che vuole il consumatore: un videogioco). Nel contempo buon hardware senza arrivare alle vette di panasonic.
Nell'ultimo discorso il CEO ha detto che non e' la tecnologia che manca, anzi spenderanno molto meno in quella direzione per arrivare al successo.

Nokia, regina stupita, si e' alleata con il nemico suo e di linux. Fra decidere di investire ancora una barca di soldi che non esistevano piu' per via dell'erosione del mercato da parte delle cinocoreane poteva scegliere se fare una mossa alla riduzione del fatturato usando android, difficile far capire perche' un prodotto migliore possa costare di piu', o prendere un sacco di soldi da MS per far capire loro perche' un telefono debba anche telefonare.
Questa strada permette di mantenere alto il numero di telefoni venduti a breve ma se dovesse prendere piede windows mobile CE  6 7 8 RT parappapa' bidoc (un nome solo no?) cosa la differenzierebbe fra 2 anni da una shansuiatang qualsiasi che dalla korea si mette a fare telefoni oltre che microonde? O peggio un signor nessuno come una samsung, LG o una huawei ma che hanno la pancia piena di utili e possono pagare cifre folli di pubblicita?
Elop ha pensato che vivere almeno 2 anni in testa  ancora e' meglio di morire subito o essere molto spericolati?
vedremo fra un paio di anni.

Le altre marche ex leader sono praticamente evaporate se non in micronicchie, siemens, mitsubishi, nec...

Rischiamo di trovarci in una stasi come nei PC nei quali cambi architetturali non sono previsti o sono lenti.
Un'uniformita' di usi e prodotti e prezzi dettati piu' dal marketing che dalla qualita'.
 

Che palle

10 commenti:

wappy ha detto...

Ed io che mi sento ancora orfano del mancato sviluppo di Maemo/Meego (OS che ha tutte le funzioni che ancora mancano in parte agli altri, a parte Symbian, si capisce). L'unica cosa è che la parte telefonica (su N900 che ancora ho e uso) era solo abbozzata e non completa come ero abituato in Symbian.

Anonimo ha detto...

la telefonia è forse la cosa che più di tutte si adatta la nome del tuo blog, ho sempre cercato di ignorare gli smartphone perchè il mio concetto di telefono è proprio l'opposto, essendo dotato di smartphone aziendale sarei comunque ingrato a lamentarmi, ma confesso che telefonare sul mio 3110 classic era meglio e nonostrante il display 128x128 era più facile scrivere e leggere sms, oggi invece se non hai un retina display sei mutilato, non capisco come si faccia a sentire l'esigenza di guardare un film su un display da 4 pollici e sentire la mancanza del full hd e al contempo ignorare il concetto di autonomia, una volta potevo partire per il week end e dimenticarmi a casa il caricabatteria senza preoccuparmi, oggi non arrivi a sera ma l'importante è che il tuo telefono sia un millimetro più sottile degli altri, ci sarebbe da scrivere un tema, anche su quelli che dormono in tenda fuori da un negozio per avere l'oggetto al day one e che innamorati del suddetto lo osanno esattamente fino all'uscita del nuovo modello che istantaneamente diventa quello desiderato trasformando il proprio in una m***a, forse lo era anche prima? in realtà no, ma a quei prezzi ci mancherebbe. ci sarebbe da scrivere un capitolo sui sistemi operativi che sembrano scritti per farti perdere tempo e spendere soldi ma penso di aver già rotto abbastanza...

Anonimo ha detto...

panasonic???? ma do vivi?

blu-flame ha detto...

in che senso dove vivo?
Al solito i mononeuroni sono anche vuoti di lemmi e assai scimmieschi.

Francesco Bosso ha detto...

Davvero un ottimo articolo (che però secondo me andrebbe aggiornato).
Una sola critica: l'uso sbagliato che fai delle virgole spesso rendono difficile la comprensione dell'articolo.

blu-flame ha detto...

hai ragione son un cane con le virgole: quando detto non mi vengono e quando correggo mi incasino perche' non voglio perderci troppo tempo.
:-)

Anonimo ha detto...

Ciao! navigando mi sono imbattuto in questo articolo e devo dire che sono rimasto veramente spiazzato nel leggerlo perché riassume esattamente quello che ho sempre pensato riguardo al mondo della telefonia... quindi devo farti i più sentiti complimenti ;)
una cosa però mi ha lasciato un attimo perplesso, cioé il breve appunto su Rim... infatti penso che all'epoca, quando impazzavano dispositivi Symbian e Windows Mobile, Rim seppe imporsi con la sua personalità (pensiamo a telefoni come l'8100) e il suo servizio, che se pur costoso (oggi l'opzione Blackberry è gratis con diversi operatori, ma allora costava l'ira di dio), era molto vantaggioso per chi cercava un mezzo di comunicazione a 360° (solo comunicazione perché per il resto era veramente carente)... Oggigiorno con le nuove ed economiche tariffe dati e i nuovi sistemi operativi come android e iOS che gestiscono altrettanto bene la posta, la compressione dati Bis/Bes per gli utenti consumer e non, non ha più molto senso, infatti l'azienda sta perdendo clienti... Insomma, secondo il mio modesto parere, Rim a suo modo ha inventato un sistema di comunicazione interessante e non la si può trascurare parlando di storia della telefonia moderna... E come tutte le grandi aziende che hanno influenzato questo mondo (come Nokia ed Ericsson o Motorola), sta facendo una fine indegna, cercando sempre più di adeguarsi alla richiesta di mercato, annullando tutta la personalità che aveva in passato (i nuovi modelli sono utilizzabili senza contratti Bis/Bes, sono sempre più simili ad altri prodotti più blasonati e supportano applicazioni scritte per altri OS)...
Mi piacerebbe sapere cosa ne pensi in merito...
Saluti e ancora complimenti

Nicolò

blu-flame ha detto...

All'epoca dell'ascesa di BB i nokia tipo il e71 e simili erano consolidati e il traffico dati costava meno dell'opzione BB che non permetteva altro che la mail.
Certo era ben costruito e la tastiera ottima come tutto l'HW.

Ma era assurdo mandare i dati all'estero da spiare a minor prezzo quando li si poteva gestire semplicemente.

Praticamente tutti i nokia avevano un POP3 e quelli di 5 anni prima potevano comunque lavorarla se il provider era di manica larga con il pop over wap o qualcosa del genere.

Per non parlare poi dei fantastici TREO.
Quelli si, con il palmOS, erano roba per lavorare e connettersi... Ma poi montarono Windoze e la proverbiale robustezza divenne solo un modo di dire.

Quindi il successo di BB puo' solo spiegarsi con la spinta NSA e un'ottomo ufficio marketing.
che muoia in pace.

blu-flame ha detto...

BlackBerry Ltd. brevetto US 2007189527 backdoor per nsa. Non devono neppure andare sul luogo.

Anonimo ha detto...

Diciamo che in tempi recenti Rim si sia "calata le braghe" andando ad utilizzare un algoritmo crittografico sconsigliato da Nist per permettere più facilmente ad NSA di accedere al software di ciascuno dei nuovi fiammanti smarfòn canadesi (l'avra fatto apposta?!? può essere)... E dico in tempi recenti perché fino a pochi anni fa la crittografia dati di questi apparecchi era considerata molto buona, tanto da venire sfruttata da molti privati attenti alla privacy (come i vips), ma anche da aziende e addirittura anche da gruppi malavitosi e terroristici...
Inoltre come ben saprai, per un utente medio, pop su un Nokia S60 per controllare la mail sporadica va benissimo, ma quando i volumi di mail iniziano a diventare abbastanza grossi, ritengo (opinione personalissima) che pop diventi svantaggioso, per il semplice fatto che questo protocollo pretende che il dispositivo esegua il cosiddetto polling molte volte in un arco di tempo ristretto andando ad inficiare in modo considerevole la durata della batteria; ai tempi Bis/Bes erano stati pensati proprio per evitare questo fenomeno ed avvantaggiare lo scaricamento di dati, che in fase di navigazione venivano anche compressi e riadattati per una visualizzazione migliore delle pagine.
Oggigiorno però, come avevo già accennato prima, questo discorso non vale più molto sia perché anche i concorrenti gestiscono altrettanto bene le email, e perché le tariffe dati costano poco e offrono tanto, sia perché comunque le batterie odierne risentono marginalmente di questo problema (la loro autonomia si è abbassata per ben altri motivi)...

Detto questo, rimpiango di non essermi mai comprato un Palm e mi spiace che il progetto WebOS sia stato abbandonato da HP ;)

Al di là di tutto devo complimentarmi perché sei molto ferrato, penso che tu abbia una conoscenza della tecnologia molto critica (cosa rara oggigiorno, dove i fanboys spopolano)...
E ti ritorno i complimenti anche per il resto del blog, al quale però ho solo dato una veloce occhiata, ma che comunque è finito nei preferiti del mio browser...

Saluti

Nicolò