lunedì, luglio 23, 2012

tasse e giustizia 2/10




La giustizia, si dice, che deve essere uguale ed equa per tutti.

In linea teorica uno che guadagna 100 paghera' 30

uno che guadagna 200 paghera' 60.

Indipendentemente se e' un'azienda e/o un dipendente.

Fino a qua le cose paiono semplici. Ma purtroppo ci sono subito delle complicazioni.

La prima la piu' semplice che tratteremo e' il fatto che uno che guadagna 70 netti magari non riesce a sbarcare il lunario perche' il cibo&affitto (sussistenza) costa circa 70 e quindi sara' infelice&incazzoso.

Cosi' lo stato decide che i “meno ricchi” devono pagare meno (o i piu' ricchi di piu' e' solo semantica). Questo e' lo scopo delle aliquote irpef (che cambiano negli anni spesso con informazioni tardive).

No tax area (intorno ai 3000E)

redditi fino a 15 000 euro, aliquota al 23%;

  • tra 15 000 e 28 000 euro, aliquota al 27%

  • tra 28 000 e 55 000 euro, aliquota al 38%

  • tra 55 000 e 75 000 euro, aliquota al 41%

  • oltre i 75 000 euro, aliquota al 43%


uno che guadagna 100 paghera' solo 20

uno che guadagna 200 paghera' non 40 ma bensi' 70!


Quindi quando sentite un amicosky che dice che debbono essere tassati di piu' i ricchi voi ora potete dirgli che pagano fino al doppio.
Capitera' cosi' anche a voi allora che l'invasato di dottrina vi dira' che non capite niente e che i ricchi devono pagare di piu'.
Quanto?, voi chiedete, “I ricchi devono pagare di piu'!” vi dira' l'ignorante invasato.
A questo punto voi richiederete Quanto? E lui rispondera': “I ricchi devono pagare MOLTO di piu'!”
A questo punto voi riririchiederete Quanto di piu'? E lui rispondera': “I ricchi devono pagare SEMPRE MOLTO di piu'!”
e via cosi'.

Inoltre per chi e' sotto i 10-15.000 esistono tutta una serie di altre scontistiche che pero' sono spesso applicate localmente e ciucciate negli ultimi anni quasi esclusivamente dagli extracomunitari come gli alloggi da 60m^2 appena ristrutturati a 500m dal duomo a 200E mese. Per gli altri nella stessa via tocca spendere 1100E.

Adesso arriva la parte difficile.

Nessun commento: