mercoledì, dicembre 15, 2010

stereo & surround for dummies 7.0



Per quelli che non sono mai contenti di essere rintronati esiste la possibilità di mettersi in casa degli oggetti nati per regolarizzare la qualità audio nei cinema. Ricordiamoci infatti che nonostante tutte le belle promesse i cinema hanno grossi problemi con l'audio, un grosso locale dove ci sono disposti ovunque degli ascoltatori rende sostanzialmente impossibile fornire la stessa qualità a tutti. Per migliorare un po' le cose nei cinema si usano anche altri canali dall'avvento delle nuove tecnologie rese disponibili dall'azienda leader nel settore: Mr. Ray Dolby.
Il sourround esiste anche con un numero superiore di altoparlanti:
il Dolby Digital porta con sé la codifica del canale posteriore con due segnali
questo vuol dire cinque casse, cinque amplificatori e almeno una dozzina di altoparlanti.
Gli imbecilli chiamano questo 5.0.
La versione estesa porta altre casse, sempre con l'idea di migliorare l'uniformità d'ascolto all'interno di una sala enorme.
Gli imbecilli chiamano questo 7.0.
Ovviamente si tratta di avere 7 casse, 16 altoparlanti, 7 ampli....

E se scoprissero che esiste anche la versione con 13 canali?
E quando scoprono che i dsp di alcune sale comandano indipendentemente 20 casse?
Preparatevi: gli imbecilli vogliono il numero alto: 13.2 sara' il futuro per ascoltare male.

6 commenti:

_Jack_ ha detto...

"Preparatevi: gli imbecilli vogliono il numero alto: 13.2 sara' il futuro per ascoltare male."

E non dimentichiamoci della cassa da infilarsi su per il cu*o per sentire i bassi dall'interno.

Anonimo ha detto...

Ho due casse Allison One (con un buon ampli da 100W). Avendo anche due vecchie Allison Six (quindi timbrica quasi identica, ma con meno bassi), ho provato a mettermi in quadrifonia, utilizzando un piccolo ampli da 15 W (reali) per i canali posteriori. Cavi che attraversavano il pavimento, ma vedere i film cosi' non era niente male.
Poi, dopo un po', mi sono stufato dei cavi (ogni volta di collegare e scollegare, causa giustificate richieste di mia moglie).
I film me li vedo beatamente in stereo (e comunque i film codificati dolby ricreano in qualche modo una discreta profondita'... non so come capiti) con una timbrica ottima, e le Allison Six non solo li' a preder polvere solo perche' le pulisco.

Tradotto: il gioco non valeva la candela...
Fred
p.s. bello il commento di Jack!

blu-flame ha detto...

Non so se e' ancora vivo ellison, Roy mi pare, aveva rilasciato una bellissima intervista sulle six. Veramente tosto.

Il perche' succede e' questo:
Il canale posteriore e' immesso come differenza, sostanzialmente controfase, che nella stereofonia corrisponde non a DIETRO ma a NON DAVANTI.
Come vedi Ray Dolby non e' stupido!
:-)
Comunque sia una buona registrazione stereo ha comunque una discreta profondita'. Poi che il tizio al mixer non sfrutti e' un'altro paio di maniche.
Ci sono dei concerti di classica registrati su betamax (travasati poi su LP e CD) con 2 microfoni in cui il pubblico e' intorno a noi.

phnxttt ha detto...

ciao ti seguo da un po di tempo e ho letto molti tuoi articoli.vorrei farmi una cultura per acquistare un sintoampli+lettore cd+un paio di casse per uso musica .di tecnica elettronica non ne conosco molta pero.puoi aiutarmi?grazie andrea

Anonimo ha detto...

mi pare si faccia un pò di confusione sulle terminologie e sulla finalità di certi prodotti.
Un impianto multicanale è fatto per riprodurre segnali multicanale cosa che un normale impianto stereo non potrebbe fare. Parafrasando sarebbe come far correre una F1 contro una 4 ruote motrici in un fangoso rallye o viceversa una Jeep in un GP.

blu-flame ha detto...

Vedi, una lancia stratos da fango andava molto bene anche in pista.
motore centrale, sospensioni da urlo... E' stata fermata solo dal marketing.

Certo che un cart di plastica (tale e' una F1) e' piu' specializzato sui regolamenti che sul viaggiare.

Qui, mi dispiace, e' un discorso MOLTO diverso.
L'audio multicanale e' l'audio stereo con aggiunte:
Prarafrasandoti;
la subaru impreza da rally e' diversa da quella da strada (per dirne una ha meno cavalli perche' considerati pericolosi per le gare) ma sono molto simili.

Il fatto di avere tante casse, tanti ampli, tanti telecomandi, tanti watt (o presunti)non autorizza a pensare che non avendo le caratteristiche di base la cosa funzioni.

Hai visto di recente auto da pista o rally con sospensioni interconnesse?
gommature a spalla alta?
E se non fosse per il regolamento WRC vedresti molte piu' auto con motore centrale o posteriore e gomme f/r asimmetriche.

Il tuo ragionamento e' valido se andiamo dal fango del cinema (necessita di sonorizzare un qualche maniera 200 persone) alla pista di casa: pochi posti a sedere in punti ben definiti.
Mettere 13 canali a casa e' come farsi il giro di Monza con un land rover 130, gomme da trattore, con snorkel montato e balestroni rinforzati.
Poi se hai 50.000 euri per farlo bene sono cavoli tuoi.