giovedì, febbraio 18, 2010

BIGAZZI cat




"Sospensione doverosa" ,"Ci auguriamo che Bigazzi e gli autori della trasmissione - ha sottolineato Morelli in una nota - vogliano tornare sui loro passi e scusarsi con i tanti telespettatori che, come noi Verdi, si sono indignati di fronte a tale episodio".secondo Cristina Morelli, responsabile Diritti dei Verdi
"L'Enpa - afferma in una nota il presidente, Carla Rocchi - apprezza la tempestività con cui l'azienda ha saputo sanzionare un comportamento che riesce a essere al tempo stesso un reato - istigazione al maltrattamento di animali - e una iniziativa di totale povertà di spirito"





Non ho visto la scena e sinceramente non mi interessa neanche vederla, se sia stata fatta con intenzione di suscitare polemiche o è stata data la ricetta per ragioni storiche. Non cambia nulla.

La polemica sul programma TV La prova del cuoco e sulle ricette per cucinare i gatti dimostra quanto siamo ipocriti. Già, protestare contro la ricetta di un gatto ci fa sentire magari meglio, dimostrando quanto siamo bastardi.
In fatto di cibo facciamo strane distinzioni tra una specie e un’altra.
Per alcune specie come cani e gatti forniamo cibo uccidendo altri animali come conigli, asini, pesci e buoi.
Diamo delle cure a questi animali migliori che alla maggior parte degli esseri umani, ma poi ci mangiamo delle mucche cosi' maltrattate che ci provocano la morte.
Già, per altre specie siamo capaci di ogni genere di tortura, finalizzata alla massimizzazione dei profitti derivanti dal commercio di carne e altri derivati animali con i quali ci laviamo, ci spalmiamo o addirittura bruciamo.
Viene da chiedersi come mai andiamo allo zoo a commuoverci per l’orsetto, la tigre e il maialino che ci ricorda tanto la saga disneyana... e mentre guardiamo tutto ciò ci mangiamo, un hot dog comprato da baracchino vicino fatto con la carne di un altro maialino del quale non ce ne frega niente.
In realtà la ragione è solo una: ci siamo allontanati con le città dall'origine di noi stessi e vogliamo ripudiarla per dimenticarci del fatto che siamo animali e non perfetti dei o cyborg.
La bistecca del supermercato è un prodotto industriale, le mucche sono su un altro pianeta. Il salame non ha nessun apparente legame con il maialino babe e le uova vengono probabilmente prodotte dalla Fiat. Le cosce di pollo e la gallina non hanno nessuna relazione come potete chiedere a qualsiasi bambino messo di fronte all'animale.
Al di là delle mosse populiste mangiare un cane un gatto, un tacchino un coniglio non dovrebbe cambiare e di quel tanto. Se lo pensate veramente chiudetevi in una stanza buia e cominciate a pensare chi siete. La dimostrazione di questo e la presenza del coniglio sia del cibo sia a quello che gli anglofoni chiamano PET.

Quelli che si sono lamentati con la Rai non sono altro che dei grandissimi ipocriti.





Prima che ci sia qualche imbecille che nei commenti straparli voglio far notare due cose: la prima che ho curato topi, criceti, cavie, una moltitudine di pesci e serpenti.
Per questo motivo, aver ad esempio allevato dei conigli, non mi è più riuscito di mangiare alcuni animali fra i quali quaglie e, appunto, conigli.
Nonostante ciò, invitato a cena dove hanno servito entrambi questi animali, non mi sono alzato a protestare contro cuoco poiché le abitudini di altri possono essere molto diverse dalle mie. Certo, l'odore del coniglio mi infastidisce, ma ciò non toglie che sia un animale commestibile e non mi fa diventare migliore o peggiore mangiarlo o non mangiarlo. Non lo mangio perche' la cosa mi "infastidisce".
La vera differenza sta nel fatto che trattare gli animali come esseri umani psicologicamente li fa divenire tali e a quel punto si diviene cannibali con tutto l'orrore che ne deriva.

Ma forse l'orrore consiste nel fatto che nelle grandi metropoli, comunque nella società moderna, abbiamo così pochi interscambi corretti con i nostri simili da dover importare nella nostra sfera di affettività conigli e gatti.

3 commenti:

Vittorio ha detto...

Dal mio punto di vista bisogna ragionare sul fatto che stiamo parlando di gatti e non di altri animali a caso.

Il gatto nella nostre abitudini è un animale da compagnia e pensare che magari il vicino di casa te lo accoppa per mangiarselo permettimi mi da un po' fastidio.

La Rai ha preso questa decisione perchè esistono persone che hanno il cervello talmente piccolo che proverebbero questa nuova esperienza solo perchè l'hanno sentito alla TV...

In un' intervista fatta dopo al cuoco...lui ha riferito che questa pratica si faceva negli anni 30-40 (prima della guerra) quando c'era cmq. carestia...ma per dirne una c'era gente che mangiava anche la buccia delle patate...

Oggi da noi mi sembra un po' eccessiva questa cosa...i cinesi ci mettono 5 minuti a darti un gatto invece del pollo....

Kolon ha detto...

vittorio...ma tu hai mai avuto come animale da compagnia un cavallo? O un maiale? O una mucca?

Io "un po'" si e ti posso assicurare che non c'è questa gran differenza con un gatto.

Eppure io mangio cavallo, mucca, maiale e se me lo danno pure il gatto, il cane o il cricetino, il serpente, l'agnello e la pecola, il vitello e il puledro.

Ci si scandalizza per un gatto e non per le torture a cuccioli indifesi.

Io non mi scandalizzo e non me ne frega neanche niente. C'è da dire che la carne al supermercato non la compro e quando posso vado al macello. O a caccia. L'ideale sarebbe a mani nude, al più con un arco (ma già mi sa di vigliacco).
Così non partecipo all'ecatombe, inutile e socialmente degradante, di tutti quegli animali indifesi.

blu-flame ha detto...

-Il gatto nella nostre abitudini è un animale da compagnia

Certo, nelle ns abitudini, a me farebbe senso...
:-P

- pensare che magari il vicino di casa te lo accoppa per mangiarselo permettimi mi da un po' fastidio.

Beh, questa e' un'invasione ed e' un furto!!!
il mio gatto e' il MIO gatto se vuole mangiare un gatto si mangi il SUO gatto, mi si accappona la pelle ma immagino che sia giusto.

La Rai non ha colpa del dilagare degli idioti. Forse si.
Ma e' un'altro discorso.

L'asino per esempio ha un'espressione cosi' mite e profonda... ma la macelleria all'angolo consiglia lo stracotto.
Cosa rende migliore il gatto dall'asino?

Differenziamo ungulati si e felidi no? il superordine e' lo stesso!
Pero' non ci azzeccano i tacchini, grande animale combattivo ma finisce in tavola.

Penso che alla fine finiscano in tavola i piu' facili da allevare, i piu' buoni e i meno complicati da cucinare.

Chissa' se mandassero alla prova del cuoco i pipistrelli crudi preparati alla Ozzie, interrogazione parlamentare?
:-P