lunedì, marzo 30, 2015

watti Peon system



Mi capita spesso di questionare con i pirla dei watti: quando gli dici che il loro coso con scritto sopra 100000000W al massimo ne ha 3 si arrabbiano da morire.

Tu gli dici che ampli da 10.000W non esistono e loro si infuriano!

Esistono e loro hanno almeno 7000W (ricorda nulla?) installati sulla loro vettura.

Il problema e' sempre lo stesso: il consumatore vuole il numero grosso.
Negli anni era normale avere aziende serie che dichiaravano un numero onesto (blaupunk, technics, pioneer, concorde e fra i nuovi zapco, NAD&C) altri che erano un po e un po e altri un po sopra le righe come i vari unicars, majestic, musicalsound...
Era difficile trovare cessi come rossini che con 2 gelati e un leccca lecccca ti davano casse a 5 vie e 100W. Non che non esistessero, ma erano derisi perche in un NEGOZIO serio non entravano.

Poi avvenne che il consumatore comincio' la litania accortosi di avere sempre ragione (io voglio, io valgo, io sono il piu' figo e intelliGGiente) che si puo' esprimere piu' NUMERO.
Piu' pixelli
Piu' cavalli
Piu' watti, che e' poi l'argomento di oggi.

Il negozio non lo vende?
Io compro dal salumiere!
io compro dal verduraio!
io compro per posta!

Aziende poco serie, marce direi, hanno cominciato a targare ampli con numeri sempre piu' grandi completamente slegati dalla realta': 10, 100, 100, 1650... Samsung, auna, LG... insomma i cinokorean.

La cosa assurda e' che i "seri" oggi dichiarano le potenze come facevano i vecchi "cosi' cosi'" per evitare di essere TROPPO distanti dai leader dell'inciucio come AUNA.

Uno che non e' esperto perche' dovrebbe comprare AUNA?
La risposta e' che "sebbene non ha i TUTTI i watt dichiarati comunque deve averne MOLTI".
Un Pioneer, sony, blaupunkt che dichiara 40-50Wx2 costa come un' auna targata 4800W!
Ok che la potenza e' importante, ma come suona?

E poi e' come dire che SPERI che uno che ti sta fregando non ti inXuli troppo in profondita'

Come spesso affermato da queste parti il costo di un'ampli e', grossomodo, il costo dell'alimentatore.
Allora guardiamo  un'ampli da pseudo 4800W
Al costo di 100E

 http://www.electronic-star.it/Auna-AB-650-Amplificatore-Auto-4800W-6-canali-bridgeable_i2810.htm

Miii 4800 watti miiii, speriamo che non mi icxlino troppo, aho'!


Amplificatore 6 canali AB-650 dall’Auna con 4800W max per la tua macchina. Un eccellente mix di prestazioni, di qualità del suono e di design.
Bridgeable / ponticellabile: funziona su 5/3/2 canali.
Il modello AB-650 dall’Auna è un amplificatore a 6 canali che coniuga una potenza impressionante e un design Racing.
Quest’amplificatore per auto sviluppa fino a 4800 watt max -
Il telaio in metallo spazzolato dell'amplificatore ne fa uno stupendo accessorio di tuning.
La potenza massima (max) è il punto più forte che un amplificatore può dare 



Ripeto "miii che FForte aho!"
Insomma "molti tanti" rispetto ai 40-50-60W dichiarati per canale da una marca delle solite.

"putenza" per il tamarrovero (TM) che ci ha il subbowoffer
"ci paliamo di 800 watti per canalo"

PERO'----
Il primo sospetto dovrebbe essere il colore dei fusibili, si vedono benissimo e sono rossi.
Rosso vuol dire
http://it.wikipedia.org/wiki/Fusibile_elettrico#Fusibili_per_veicoli

10Ax2= 20A.

Ora se si mettesse a CONSUMARE 20A che a 12V sono 240W brucerebbero.
Caro idiota, si proprio tu che compri, non ti viene l'idea che se ENTRANO 200W non possono uscire 4800W?
Che e',  moltiplica i pani e i pesci?
ti rendi conto che non possono uscire neppure 2400W?
ti rendi conto che non possono uscire neppure 1200W?ti rendi conto che non possono uscire neppure 600W?
neppure 400W?
neppure 200W?

Eggia', l'alimentatore, la parte importante, ha un rendimento, se di qualita', che in regime continuo a manetta, se BBuono,  e' intorno all' 80% (a bassa potenza  mooolto meno).
L'ampli in classe AB e' intorno al 50-60%.
In parole povere con un ingresso di 200W l'out e' intorno ai 100W.

E gia' qui casca l'asino,
il bue
e il pastore.

100W su SEI canali vuol dire 16W per canale.
Hei!, ma 18W per canale, se non vogliamo farlo pontabile, possiamo alimentarlo a 12V eliminando il costo del survoltore!
In pratica costerebbe un decimo!
Amplificatori di marca accettabile vendono ampli con 20Wx4 a una manciata di euri ma soprattutto con un'ingombro da pacchetto di sigarette.
Inoltre con un centone, un pioneer, kenwood, sony eccetera forniscono piu' watt!

Dopo una semiseria analisi esterna vediamo l'interno.


Vediamo: 3 powerpack=6ch.
Ci sono chip che arrivano ad alte potenze ma generalmente ne serve uno per canale e raramente superano i 100W.
Ad occhio potrebbero essere i soliti cloni della SGS da 18W/ch@12V.
Vediamo anche l'alimentatore che sembra esserci, si vede il toro avvolto, ma se si guarda bene manca di tutta l'elettronica che dovrebbe essere avvitata sul dissipatore visto che in condizioni normali scalda piu' dell'ampli stesso.
dove e'?
la risposta e' non esiste!
E' un cartone animato!
e' FINTO!
Ancora una volta questo e' un'ampli da 18W@12V.
L'analisi visiva del circuito CONFERMA ancora una volta la solita menata: Perche' non ti compri le solite marche che risparmi e lasci il cinokorea a imparare?

Qualcuno potrebbe essere curioso sul come e' fatto un alimentatore di un car stereo di altissima potenza (2x210W).
eccolo





La prima cosa che si nota e' che la 12V entra su spranghe perche' le piste fonderebbero. 100A non sono noccioline.
La seconda cosa che occupa piu' l'alimentatore dell'ampli, ma questo lo sapevate gia' se avete letto anche solo uno dei miei post.
La terza vediamo gli enormi condensatori sull'alta tensione (cosi diamo del pirla a quelli che mettono i condensatori sulla 12V)
La quarta cosa la fila infinita  di 12 transistor che compongono l'alimentatore!

Ora questo e' uno zapco, ma se apro un HK, un pioneer, un blaupunkt non e' che ci trovo molta roba diversa. A queste potenze alcune cose sono d'obbligo!
In pratica l'auna dovrebbe, per avere anche solo 2000W, 5 di questi alimentatori e un consumo di 500A.


Unfine il colpo di grazia: un crucco lo prova:
http://amp-performance.de/1067-Auna-AB-650.html

Con questi risultati prevedibilissimi.
1 × 18 Watt  4 Ohm
2 × 17 Watt 4 Ohm
4 × 16 Watt  4 Ohm
6 × 16 Watt   4 Ohm
consumo 10,6A

96W complessivi contro 4800. Non era meglio un kenwood?

E poi le sedicenti associazioni pipparole rompica.. dove sono?
Questi vendono 100 litri (a ponte 18) spacciandoli per 4000!
Buone solo per legalizzare la canna o per rompere i maroni su cose che sono stupidate?

In evidenza le piste troppo sottili, la P non dovrebbe cambiare.

Gia', non e' neppure pontabile come dicono.

Poi pero' mi danno del basxardo perche' dico che la roba cinokoreana fa schifo.

22 commenti:

nessuno ha detto...

Leggo e sono iscritto. Fuori tema, a quanto un post sulla fattura elettronica, XML? Grazie.

nessuno ha detto...

Notifica, ho dimenticato, scusi.

blu-flame ha detto...

quando la conoscero' cosi' bene :-)

nessuno ha detto...

Grazie.

Anonimo ha detto...

sono i misteri della mente umana, non ricordo quando sia iniziata questa follia, ma ricordo anni fa che la stessa "lotta" era iniziata sugli speaker da pc, ricordo una pubblicità su una rivista di informatica dove una coppia di casse alimentate da usb (allora in versione 1.1, quindi 5V 500mA aka 2,5W) dichiarava una potenza di 900W, ora al di là del coraggio di dichiarare un dato del genere, a cosa poteva far riferimento quel 900? la potenza che serve a far sublimare l'intero prodotto cancellandolo completamente dalla faccia della terra? e comunque mai avrebbe potuto provenire dall'usb, piansi dal ridere... eppure questi comici non falliscono ma vendono e guadagnano più della gente onesta.
nessuno si stupisce di queste cifre enormi, come mai per la casa nessuno vende ampli tanto potenti? come mai nemmeno chi fa musica riempiendo locali di medie dimensioni ha bisogno di potenze lontanamente paragonabili con queste scritte sugli ampli da auto? non ci è dato di saperlo... 4800w potrebbero essere la potenza erogata da un motore a scoppio da 100cc, non ce lo mettiamo un radiatore? una stufetta elettrica di norma assorbe meno della metà, perché l'auto non si scalda? tutti quesiti senza risposta, l'importante è che il numero piaccia, 5000 è tamarro, 4800 suona proprio bene

Stefano ha detto...

Mi sono spaccato la testa per trovare un parametro per cavare fuori quel numero di watt (energia per la fusione del profilato di alluminio, potenza della pressa per renderlo una piadina, ecc.), una volta erano meno fantasiosi (arrivavano alla PMPO 10%THD), poi ci sono arrivato, banalmente, leggendo la descrizione: "La potenza massima (max) è il punto più forte che un amplificatore può dare ad un output in un breve periodo."
E' bastato fare 240Vx20A (fusibili) ed ecco spuntare i maggicci e mmmitticcci 4800w!!!! E' l'"output" che ti arriva alle casse in un microsecondo se gli piazzi nella 12V una bella tensioncina di rete da 240V prima che esploda (letteralmente) il tutto (ampli e casse).

Darei un rene (di Paolo...) per far parte del laboratorio che attesta queste potenze...:-)

blu-flame ha detto...

io invece ricordo BENE quando e' iniziata questa follia.

E' iniziata con l'avvento del consumatore.

Prima chiedevano al negozio che cercava di avere prodotti "migliori" del concorrente e soprattutto con un post-vendita leggero per evitare rotture di maroni.

Quando il consumatore ha dovuto scegliere da solo le marche che non potevano competere con quelle ripiene di tecnologia hanno cominciato a sparare a casso.

Chi casso ti faceva comprare un TV daewoo, samsung eccetera quando a poco di piu' avevi di fianco un grundig che anche da spento era una cosa diversa?
E comunque se doveva essere da 2 soldi il mivar lo conoscevi gia'.
Strada vecchia e nuova....

Cosi sugli ampli: Perche comprare un cinese o un koreano quando avevai gia' pioneer, onkio, nad, teac, nakamichi, ... Le case di hifi erano un centinaio!

Il modo e' semplice: dichiari di piu'!
Lo abbiamo visto sugli ampli, basta che vai sul sito si samsung e un affare che consuma 47W con DVD e alimenta un paio di USB col restante produce 1000W.

Lo abbiamo visto sui TV che nessuna marca seria proponeva il fullhd, dopotutto se non hai almeno 90" serve solo a quadruplicare il costo (o massacrare la qualita').
Ma le marchette non solo hanno spinto per il fullhd ma addirittura usciranno con il 4K sul 32".


Lo abbiamo visto sulle macchine fotografiche. Con i megapixel. E giustifica pienamente l'ascesa di canon, marchio non certo pessimo ma neppure cosi' avanzato come minolta o pentax.


La domanda e':
Vogliamo peggiorare ancora?
Possiamo, dobbiamo fare qualcosa per fermare questa stupidita'

dove avremo auto che gia oggi hanno motori mal dichiarati (1.2/1.4 da 180/200cv... scherziamo? non e' un motore e' un generatore di incidenti a singhiozzo)



Perche e' importante che abbiano cavalli ma non hanno coppia, come i TD, non hanno guidabilita' ecc.
Perche l'auto, e il telefonino, devono essere GROSSSE.

Se poi muori al volante, non importa!
Perche e' questo che cerca il cosumatore: un prodotto tanto malfatto da, persino, morire.

http://allarovescia.blogspot.it/2011/06/suv-e-morte.html

Stefano ha detto...

Hai ragione da vendere... solo che una volta riuscivo a "smontare" un ampli della Trevi che venduto per 120W poi saltava fuori essere un 15x4(15x4RMS=60WRMSx2=120W musicali).

Questo invece sono valori sparati completamente a casso, senza nessun parametro che li supporti foss'anche la lunghezza del case (neppure fossero 48,00W), come se vendessi un'auto che ha una "potenza di 1000CV" col motore di un pandino, tanto, ci appiccico sopra quello che voglio.
Tanto poi il tarro con il baule aperto ugardato da altri tarri che gli frega?
Cosa aspetti a superare il "muro dei 10 kW" vendendo al doppio del prezzo un Kenwood classe D da 1000W appiccicando su un adesivo rosso fluo? Visto le potenze "di targa" e "reali" dei loro mostri un KW "base" li svernicerebbe senza neppure andare a 2 sulla manopola del volume... Hai la tua occasione di diventare finalmente ricco... e forse anche famoso... tra i tuner...

Gyready93 ha detto...

Questo è un andazzo che ormai colpisce tutto

Sono mesi che cerco un sintoamplificatore per il mio impianto surround
Ho delle torri a 4ohm come frontali (in phantom center) e delle posteriori technics a 6ohm


Tutti i sintoampli provati nel mio impianto,dichiarano almeno 100W a canale su 8 ohm,con un consumo di corrente di 250\300W per tutto l'accrocchio
Ovviamente,TUTTI,e con TUTTI intendo TUTTI (Sony,Pioneer,Yamaha,Onkyo oltre al Philips che ho tutt'ora e che dovrei sostituire) i sinto provati vanno pesantemente in crisi con questa configurazione di casse
Misure alla mano,non sono riuscito a spremere più di 40W a canale sui front e 30 per i posteriori senza distorsioni da capogiro nella migliore delle ipotesi (ho provato sinto da 200 come da 600€)

E girando nei negozi,online,su subito,su ebay etc etc a meno di non spendere cifre folli,quello che si trova è sempre la stessa marmaglia (5,se non 7, canali da 100/130W per un consumo totale dell'apparecchio che non supera mai i 300W)

Ormai sono abbastanza convinto che per sfruttare le mie casse,dovrò ripiegare su un preampli con decoder surround e su quei finali Thomann\Behringer a 4 canali in classe B o D che si usano nelle discoteche,dato che,a quanto pare,nel settore consumer,esistono solo prese per il culo

bio_energy carpignano sesia ha detto...

Lanzar vibe 232 come e come ampli..??

blu-flame ha detto...

Il problema, gyready, e' che i cosumatori VOGLIONO, e se uno non e' stupido fornisce.
ONKIO, per fare un esempio, titola quelli della serie integra meno di quelli della serie sciacquetta. In pratica salendo di numerazione (tx-6xx, 7, 8, 9) la potenza non sembra variare. Il peso SI.
Il mio 100Wx4, comprato usato, pesa 19KG ed e' sempre 100W come il 5xx che pesa 7Kg come il nad 30Wx2.

In pratica devi andare a peso.
http://allarovescia.blogspot.it/2010/12/stereo-surround-for-dummies-kg-e-salumi_25.html

blu-flame ha detto...

bio energy: ma una marca normale e potenze credibili, no?

Gyready93 ha detto...

Alla fine forse ho trovato quello che cercavo....ma ho dovuto ripiegare su un ampli del 1995
Yamaha DSP A2070
80Wx3 su 8ohm
100wx3 su 6 con picchi dinamici di 130\150\215W su 8/6/4 ohm per un consumo di 420W e 23kg di peso....

Non avrà le lucette e il display grafico o gli ultimi DAC a 32Bit\192khz
Ma dovrebbe svolgere il suo dovere,cosa che a quanto pare nessun concorrente moderno è in grado di fare

blu-flame ha detto...

23kg di peso insieme ai "soli" 420W ti racconta che ha un'alimentazione durissima e quindi figoserrima.
In pratica qualunque cassa gli darai avrai sempre la P necessaria e non fara' finta di nulla.

nessuno ha detto...

Scusate se scriverò fandonie, ma non capisco niente di hifi. Senza svenarmi, vorrei acquistare un "qualcosa" per ascoltare e vedere. Ad esempio un sintoamplificatore, senza nessuna pretesa audio, ho delle vecchissime Bose acoustimass 3. Una priorità sarebbe quella di poter inviare al sintoamplificatore, tutto quello che si può vedere, ad esempio su uno smartphone, anche il semplice browser. Il tutto da inviare ad un videoproiettore mitsubishi HC3800. Cosa consigliate? Grazie.

Anonimo ha detto...

Ora che non esistono gli ampli da 10000 watt é una fesseria esistono e come ma costano altrettanti euro.
Detto questo non sono molto d'accordo sui cinesi(i coreani lasciamoli da parte che su questo mi spiace dirlo hai preso una bella cantonata dato che in korea di solito sono proprio i produttori seri che fanno produrre gli ampli buoni invece che dai cinesi)
Di marchi cinesi specie con l'avvento dei classe D stanno spuntando sempre più marchi che producono ampli che effettivamente tirano fuori parecchi watr e con alimentazioni realmente esagerate,ovvio però come qualità audio come un qualsiasi classe d non sono il top. Io personalmente li userei solo sulla sezione sub mai sul fronte dove preferisco sempre i soliti vecchi classe ab old school.

blu-flame ha detto...

caro ignorante, la tua cultura non ti permette di essere altro, 10KW vuol dire che ad andar bene hanno un consumo di 20KW.
Al di la del fatto che "e' fattibile" in auto non lo e'
non solo implica spranghe che neppure un elettrodotto si sognano, parliamo di 2.000A. Ma anche il disgiuntore da usare in caso di problemi costa 15.000E ed eì grande come un bagagliaio: sai l'arco elettrico e' un problema con quelle correnti ben oltre quelle di una saldatrice (NB alcuni ampli classe' da 45W per le loro correnti sono stati usati su linne di saldatura)
Alla fine, dopo aver usato spranghe di rame grosse come una gamba e magnetotermici degni di una centrale, ti ritrovi al generatore.
20KW vogliono dire una presa di 40KW sul generatore. In pratica non possibile con una cinghia se non vogliamo scadere nel ridicolo come gli scooter . devi calettarlo sull'asse.

40KW sono 55CV che un motore da auto non possiede certo al minimo e di fatto troveresti impossibile guidare soprattutto se e' a gasolio (non avendo coppia essendo quasi puntuale)

L'unica soluzione praticabile e' un rimorchio con dentro un motore da 3000CC e relativo generatore ma nell'auto dovresti mettere qualche centinaio di Kg di trasformatore essendo le spranghe rigide e non il caso dal rimorchio all'auto.

Ma forse e' molto piu' semplice mettere il generatore e gli ampli nel rimorchio usando la 220V, molto piu' agevole per queste P, scegliendo ampli da discoteca e portando solo il segnale alla tua auto.
Poi, sempre che non hai usato casse cinokoreane, rimarra' il problema della sopravvivenza all'interno del veicolo... minimo perdi l'udito.


Perche tu puo raccontare tutte le minchiate che ti vengono in mente ma alla fisica non interessa:
V/R=I che ti piaccia o no.
E a quella relazione non frega nulla ma se non sale V e vuoi grandi I la R deve scendere mostruosamente.
Altrettanto vero il contrario squalificando gli idioti con gli altoparlanti da 1 Ohm
Ancora alla fisica non freg nulla dei tuoi presunti "watti" ma se devi andare oltre i 100A i fusibilli devono essere con la sabbia e ancora oltre gli spegniarco devono essere attivi altrimenti in caso di problemi, con migliaia di A, non riesci a fermare la corrente che continua a scorrere nell'aria ionizzata o nei contatti fusi.

Forse hai capito perche' i vecchi old school che erano onesti nelle dichiarazioni raramente dichiaravano piu' di 100W (vedi gli ottimi GM-A di pioneer) fino ad arrivare ad doppio telaio di zapco che costava come una panda che, a memoria, dichiarava 50Wch.

Anonimo ha detto...

Vorrei prendere un DAC, per il pc, con ascolto e gioco solo in cuffia. Avrò qualche miglioramento rispetto alla scheda audio integrata?

blu-flame ha detto...

caro anonimo 16/9/17 11:44 AM
dipende.
se hai dell cuffie scrause e' difficile sentire la differenza.
Ma anche ammettendo delle cuffie economiche, ma non comiche, la differenza fra una buona mainboard con un BUON alimentatore di un pc ben assemblato e' difficile se la scheda esterna non e' di qualita'.

se hai una stax, una grado o una crucca di fascia alta una scheda audio firewire (non certo i giocattoli sulla presa del mouse) di solito fa una differenza notevole.

Come vedi non esiste mai LA risposta a tutte le necessita'

Anonimo ha detto...

Non ho le cuffie, ma sarei orientato sulle beyerdynamic DT770, shure SRH840, grado MS1 , sennheiser HD598, audio technica ATH AD900x, consigliatemi da alcuni amici. Ma nella catena sonora, cosa prevale di più? ripeto , un DAC tipo lo schiit fulla 2, o l'objective 2 + odac, avrebbe senso con le cuffie suddette? Bypassando la scheda integrata, dovrei avere almeno meno "interferenze"? grazie.

blu-flame ha detto...

tutte cuffie di marchi seri che sanno fare cuffie. Poi ovviamente ognuno ha preferenze. Io preferisco quelle aperte perche' il suono "da cuffia" non mi piace.

Sul fatto del DAC sicuramente troverai delle differenze con molte delle schede audio integrate soprattutto se di fascia bassa: piu' per montaggio che per valore dei chip.

Eviterei pero' la USB. Firewire o SPDIF sono molto piu' idonei.

Io cmq partirei con la cuffia BBuona perche' se ben trattata dura molto e puoi usarla anche in altri ambiti mano a mano che le tue esigenze cambiano.

nessuno ha detto...

si, sceglierò sicuramente prima le cuffie. Le prenderò circumaurali e aperte. Non ricordo adesso se il PC ha i connettori spdif o firewire. grazie.