martedì, marzo 29, 2011

Beppone, beppazzo


Beppe grillo e' famoso per le sue sparate, tanti anni fa, troppi, era il mio comico preferito: irruente agitato e mostrava le idiosincrasie di noi tutti.

Poi ha cominciato a sparare su tutto senza capire che usciva dalle sue competenze di osservatore del comportamento. La pipi fuori dal vasino.

Beppe comicio' la crociata contro l'elettronica: Tv, Cellulari e Computer.

Scopri' che molti del pubblico lo snobbavano “AHO' vecchio!”.

Cosi in piena era berlusconi SI, berlusconi NO, cavalco' l'onda del poLLitici e dell'ecologia che tira sempre negli invasati.

Il risultato lo vediamo bene, Beppe non e' uno stupido, ebbe un seguito ma cosi seguito che si raccolgono in suo nome ripetendo, guardate su FB o sui blog, il verbo del messia.


In questi giorni cavalca l'onda dell'energia come fa ultimamente, approfittando del clamore in Giappone, il reattore non e' esploso, almeno al momento che scrivo, ma lui pompa il pippero SMERDANDO 20.000 morti.

Beppe Grillo: sei un /&%$£%!


Vediamo cosa dice quest'uomo:


Parliamo di impianti eolici che in molti Paesi ormai danno più energia del nucleare.

Quali paesi? Fuori i nomi! Visto che debbono essere cosi' TANTI....

In realta' e' solo uno: Il paese dei mulini a vento!. (dati 2008)

Ci sono invece MOLTI paesi, circa una decina che non usano questo tipo di energia, capirai molti di loro posseggono i pozzi.

Quindi il senso della frase?

Vi dico una bugia per convincervi, tanto siete stupidi?



“Basta volerlo. Bisogna lavorare molto sull’efficienza. Noi consumiamo 6 kilowatt per persona ogni anno.”


Noi chi?

Noi utenti casalinghi?

Non penso, il contatore arriva come P istantanea a 3Kw e le aziende molto di piu'!

Parliamo forse di Kilowattora?

Ma di chi? utenti casalinghi?

Non direi non penso: una stufetta caldobagno usata 3 ore si ciuccia quell'energia.

Noi tutti italiani?

Se ne consumiamo piu' di 6KWh (in realta' circa 4.000) a casa nostra figuriamoci quando usciamo di casa: alcune attivita' produttive si bevono i Gwh come noccioline.

Boooooo

yabba dabba numero yabba.



“In Germania si è dimostrato che a parità di servizi si può scendere a 2. Eliminiamo gli sprechi.”


Come sopra...yabba dabba numero yabba yabba dabba numero yabba..




lo sa che soltanto per mantenere in stand-by i nostri elettrodomestici se ne va il 5 per cento dell’energia? E io, porca miseria, devo costruire una centrale nucleare per tenere spente milioni di televisioni. Soltanto eliminando lo stand-by potremmo chiudere 17 centrali a carbone.


Vediamo un pochino: Un tv viaggia intorno allo 0.5W (quelli moderni 0.1, 0,03 es. Philips): vuol dire che consuma 4Kwh all'anno per ben un milione di TV fa 4Gwh. Sembra tanto, vero?

Spegniamolo TUTTO: all'accensione per fare un boot ci impieghera' una media di 3/4secondi in piu' a 140W se lo accendiamo anche solo 2 volte al giorno sono 0.3Kwh. A questo si aggiunge una ricerca settimanale del piano frequenze di 10 minuti: 1.2KWh il tutto facendoci perdere l'inizio della partita. Si vede che i costruttori non sono cosi' dementi come li fa apparire il beppe. Sprechiamo un paio di KWh (o molto meno se nuovo) per evitare di bestemmiare davanti al TV.

Al massimo ne chiudiamo una di centrale, ma non risolviamo certo il problema delle altre 16 che rimangono accese per gli utenti di e-mule che si scaricano i film.... ma sarebbe impopolare.


Oggi, dico oggi, possiamo puntare sulla luce fredda e non su quella a incandescenza. Sugli elettrodomestici di classe A. Soltanto con queste due soluzioni si possono risparmiare 38 mila megawatt l’anno. Sono tecnologie già disponibili. L’energia del futuro è l’intelligenza. Ma poi….


Diamo per scontato i Wh anziche' i W, dopotutto nel discorsivo l'importante e' intendersi, e' un errore banale.

Fa figo dire 38 mila megavattora vero?

Meglio dire 38GWh, sembrano meno vero?

Ormai tanta della luce e' fredda, ma soprattutto negozi e luoghi dal gran consumo sono passati alla luce fredda da tempo immemore, circa 35anni. Avere una bolletta di un milione di euro meno fa comodo, nevvero? Anche in casa e' ormai uso comune avvitare le fluorescenti compatte che non sono altro che la versione da ecotonto delle circoline degli anni 80. Al massimo potrebbe esserci un incremento dei consumi con le LED, ma per fortuna costano troppo.

Gli elettrodomestici NON in classe A sono introvabili: Quindi quale puo' essere l'origine di quel numero?

Yabba dabba ulla lalla un'altra volta?


Parliamo di fotovoltaico, di geotermia


La geotermia in Italia e' gia sfruttata quasi al 100%, raddoppiare questa quantita' vuol dire andare a generare terremoti come in america.

Il fotovoltaico ha dei limiti dimensionali che tutti i verdi ci ricordano quando arriva il momento di montarli con grandi manifestazioni contro questa energia.

In piu' il silicio chip grade per fare i monocristallini e' un materiale di recupero, salvo avere costi spaventosi, quindi contingentato.

L'eolico e' secondo i verdi e' assassino di volatili, rumoroso e brutto.

Comunque ti vedo Beppe bello agitato perche', grazie al mix sole-vento, in una sera estiva con una bella bonaccia tu cerchi di accendere il forno e/o il condizionatore e la terna ti fa un bel distacco per distribuire l'energia francese dove e' piu' necessaria.



E stimolerebbero la ricerca e l’economia dando lavoro a milioni di persone.

Milioni di persone lavorerebbero come lavavetri nelle tue centrali solari?

Ma quanto deve costare quel KWh?


E poi… puntiamo sulla micro generazione, piuttosto che sulla macro generazione di energia che serve alle multinazionali.

Gia', le multinazionali cattive! Mancavano nel novero degli slogan anni 60 che hai sparato: Beppe sei VECCHIO! Dai, agita il bikini e urla contro le 7 sorelle!

Prova a vedere la generazione con un wind mill grande quanti piccoli ne servono. Scoprirai che e' assurdo fare impianti troppo piccoli.

Stessa cosa con il solare: una centrale termica sotto certe dimensioni non e' conveniente.

Inoltre visto che tutti secondo te possono contribuire alla generazione e' perche' tutti vivono in una villa indipendente con ettari di giardino, ops non tutti hanno la tua ricchezza: ci sono gli operai da 1000euromese che vivono in un condominio senza tetto proprio e giardino.


Insomma, i cittadini producono l’elettricità e poi la mettono in rete, se la scambiano secondo le necessità. Eliminando gli sprechi.


Dimenticando una cosina: la rete e' una rete per modo di dire, assomiglia piu' alla fogna cittadina che ad una rete di computers, pompare roba dal water di tizio non vuol dire che arrivi al bidet di caio, anzi potrebbe non andare da nessuna parte. Una rete uno-a-molti e' molto diversa da molti-a-molti. Cosa succede se dobbiamo rifare la rete che abbiamo realizzato dai primi del 900? chi la paga?

Trent’anni fa sono stato in Giappone, in un supermercato c’erano delle lattughe che crescevano illuminate costantemente dall’energia prodotta dalle centrali nucleari. E sa perché? Per non dover essere lavate. Ecco, noi facciamo le centrali per non lavare le lattughe.

Facciamo le centrali per poter andare nella GDO (gigante, iper...), per vedere il gol di pincopallazzi o il tuo show, per scongelare la pasta in 6 minuti anziche' prepararla in 15, per andare in disco con 20.000W, per commentare il tuo sito.

Tutte cose INUTILI. Ma forse sono quelle da combattere ma sarebbe impopolare affermare che lo status di consumatore e' quello che genera la richiesta!


Noi abbiamo mille progetti, idee di sviluppo, parliamo di fonti di energia alternative e pulite. Loro hanno merda e cemento.

Noi chi? i tuoi discepoli? Perche' sai agli scienziani tutte queste modalita' sono sconosciute!

Mille progetti? Solare e vento sono 2, inoltre il solare porta parecchio cemento e asfalto, oppure vuoi assoldare un gruppo di extracomunitari (i milioni di prima), che si arrampicano sulle lastre di vetro a pulire con lo straccetto il pannello?

Il cemento e' tuo e la merda che spargi gratuitamente IDEM.

Sto ancora aspettando gli altri 998progetti.


Ma l’energia non deve essere più scambiata soltanto come una merce, deve essere pensata in modo etico, perché per la nostra vita è fondamentale, quasi come l’acqua.

La prima affermazione era il credo della ENRON e si commenta da sola.

La stessa cosa che si dice di internet e la stessa cosa che si diceva nei 70 del cibo. L'energia e' LAVORO, puoi iniziare tu beppe: d'ora in poi non percepire piu' soldi per quello che fai, dai il buon esempio.


Perché il nucleare è morto, questi che ci governano sono morti.

Questi sono dei morti.

Io non accetto più un dialogo tra “sì” e “no”. Siamo in guerra tra vivi e morti.


Di tutti questi morti ne vedo bene 2, il primo e' la tua etica. Sei diventato un politico come quelli che dici di combattere.

tecnicamente come tutti i vecchi che non capiscono quando smetterla sei un morto che parla.

Fortuna che ti lamenti dell'eta' dei plitici, ma tu sei piu' vecchio di una mummia balbetti slogan e menate simil figliodeifiori che saranno belle quanto inutili.


4 commenti:

Anonimo ha detto...

Ciao, Blu-Flame
La lettura del tuo post mi ha lasciato pero' un dubbio. Scrivi che potrebbe esserci un incremento dei consumi con le lampade a led. Ma non dovrebbe essere il contrario?

Sulle lampade a fluorescenza da ecotonti, voglio poi aggiungere una cosa (che sicuramente sai, perche' l'hai gia' scritta altrove). Tutte queste lampade garantiscono una durata eccellente SE NON SOFFRONO MAI CICLI DI ACCENSIONE/SPEGNIMENTO. Le ecotont bulbs economiche durano moolto meno di una a tungsteno per un'uso in casa, dove ci si muove da una stanza all'altra. Se poi si tengono le luci sempre accese, vorrei sapere dov'e' il risparmio.
Per finire queste maledette lampade contengono mercurio. La gente lo sa? Quante di queste lampade sono smaltite correttamente?
Ciao
Fred

Anonimo ha detto...

Il posto in cui le luci soffrono di più i cicli on/off è probabilmente il bagno, anzi, la classica luce di fianco allo specchio che si accende quando si va in bagno un secondo per non accendere quella principale. Lì secondo me ha mooolto senso mettere delle buone alogene, comsunmano meno di quelle tradizionali, non contengono mercurio e durano parecchio. Ah si dimenticavo, costano :D

Nicola ha detto...

Al secondo anonimo: non so a quali lampadine alogene ti riferisci, ma al mio supermercato le nuove lampadine alogene (quelle con la stessa forma delle lampadine ad incandescenza) costano "solo" il doppio delle vecchie.

Al primo anonimo, forse intende l'esborso dal portafoglio perché costano almeno 9 euro, sempre nella catena di supermercati di un'azienda locale veneta. (No perché negli economicissimi megastore internazionali-centri commerciali costano almeno 16 euro)

E dimenticavo: le lampadine a LED che vedo io consumano 1 W, ma illuminano per soli 10 W. Solo per un abat jour vano bene.

Anonimo ha detto...

signori ci sono LED e LED .
.
i led che si trovano nelle lampadine sostitutive sono tipicamente MERDA PER ECOTONTI .
.
roba con 50 led di segnalazione e non LED AD ALTA POTENZA ed alta efficenza.
.
ma i led decenti ESISTONO , anche se non sono roba per ecotonti , ma roba per appassionati .
.
esistono singoli led da anche 2300 lumen ....PIU' O MENO come una lampadina da 200w
MA UNO SOLO costa 50 dollari ...solo il led ...a cui va aggiunto tutto il resto .
.
comunque l'idiozia ecotonta PORTA AD USARE I LED PER SOSTITUIRE LE LAMPADE A SCARICA ....CHE SONO MEDIAMENTE EFFICIENTI IL DOPPIO.