lunedì, aprile 29, 2019

candy requiem



Vorrei parlare di un caso importante che sottolinea bene la situazione italiana.
Certamente non è un post squisitamente tecnico come molti vorrebbero, ma e' piu' importante. Uno di quelli vomitati.

E' lungo perche, sebbene parli di uno dei marchi che non mi stavano particolarmente simpatici, e' comunque triste e sbagliato che sia finito cosi'.
Una cosa e' che non sia il massimo, altro che meriti di morire. Ne ucciderei molti, ma non questo.

È un post che racconta bene che cos'è il mercato, ma soprattutto che cos'è la stupidità dell'italiano.

Esiste un'azienda chiamata Candy, è un'azienda che sostanzialmente ha inventato la lavatrice moderna e occidentale: asse orizzontale e capacità di lavaggio nettamente superiore a quelle che si trovano nei mercati asiatici o americano da cui nascono.
Un'azienda che nasce nel 1946 con un'idea innovativa. A quei tempi si partiva sostanzialmente a bocce ferme con la maggior parte degli europei e quindi diventare leader in un settore non era così improbo anche per un paesaccio di serie C come il nostro.

Candy, già 10 anni dopo vende lavatrici ai francesi e tedeschi, sottolineando la questione: non erano proprio gli ultimi arrivati.
L'espansione verso l'estero e l'acquisizione di marchi non si arresta, già perché nella stagione degli anni 70 comincia comprare a mani basse per acquisire gente come kelvinator.

Il problema però e' che Candy si trova in Italia.
Il mercato italiano è un mercato che negli anni 80 era protetto e aveva svariate caratteristiche di punizione verso le aziende.

Queste due cose spinsero moltissimi industriali ad operare delle scelte che andavano in questa direzione:

1 un abbassamento generale della qualità poiché tanto il prodotto veniva venduto lo stesso.

2 Una ricerca inferiore perché, tanto, non vi era nessun altro che potesse competere (cosi' fan tutte).

3 I soldi fatti dall'industria non era bello reinvestirli nell'industria poiché il governo era punitivo verso le aziende, i sindacati rompevano le scatole spesso senza motivo e il mercato finanziario (in pratica erano altre aziende in luoghi più sani) dava più soldi a parità di investimento. 

4 Aggiungete una svalutazione (i bei tempi della liretta marrone a 2 cifre che i beoti rimpiangono) che rende il vostro rendimento aziendale una barzelletta 

ora  avete un'idea.

Così la famiglia Fumagalli, proprietaria del vapore, fece quello che fecero tutte le aziende italiane.

Da un lato gli investimenti furono usati solo per comprare altri marchi, la parola sinergia era all'epoca il verbo dei manager usciti dalla Bocconi.

Dall'altro verso investimenti che mai finivano nella produzione, diventando una barzelletta rispetto ad altri marchi.

Quando comprò zerowatt, un marchio specializzato nelle lavatrici di dimensione fuori standard, quelle cioè che hanno una dimensione più piccola di 60 × 60 × 85, ci rimasi male perché nel 1985 erano, per il panorama italiano non malaccio: ricordiamo le Candy dalla durata non eccelsa, le orride sangiorgio passando per le tragiche ariston? Non cito neppure la melma sul fondo del barile.

Bisogna però capire il contesto dello Stato che odia sia le aziende che i lavoratori.
A tutti i livelli, dallo stato centrale al piccolo comune sfigatello.

In quel di Brugherio, dove ha sede l'enorme stabilimento principale, anziché favorire i lavoratori che danno lustro ad un paesotto costruito da un branco di dementi e con la viabilità da gelato in fronte, la via principale del paese mise il divieto di transito negli orari di ingresso e uscita degli operai, per accedere direttamente all'azienda dovete fare un giro ridicolo se abitare dal lato errato.
Bisogna punire il lavoro.

I grillini nemici del lavoro, evidentemente, non nascono oggi.

Nella zona non è l'unico comune così idiota, potrei farne un elenco pressoché infinito in quella tragica terra che si chiama Italia, vero Carugate?, per citarne uno a poca distanza altrettanto demenziale.

Questi sono solo dei piccoli esempi tangibili delle migliaia di problematiche che un'azienda italiana deve subire per poter produrre.

Piccolo excursus (non serve il latino per usare una parola latina d'uso comune)
Vorrei ricordare quello che doveva essere il più grande ed evoluto stabilimento di frigoriferi europeo (pagato da goldstar, seconda meta anni 90)  e futuro centro del mondo LG in EU.E' stato montato nel sud Italia. 
Primo caso di frigoriferi in EU stampati sottovuoto: roba fina.
Per problemi analoghi, dopo essere stato edificato e attivato, è stato abbandonato dalla disperazione (ceduto nel 98 per un tozzo di pane a chi, Siltal,  poi lo ha chiuso continuando ad aver problemi). I proprietari, LG, hanno detto, condensando liberamente,  in diverse interviste  del CEO italiano: “mai piu' in italia per favore, non abbiamo avuto problemi con le maestranze ma con gli stolti al potere, qualsiasi potere”.  
Ricordo le grida rilasciate sulle riviste del settore a stabilimento in apertura "aiuto, non capiamo perche non ci lascino lavorare!, come caxxo fate!". Detto da chi 10 anni prima era praticamente in una guerra civile infinita, faceva specie.
Addio a 3.000 posti di lavoro subito e ad altri 40.000 del decennio successivo che oggi lavorano per LG a Breslavia (nuovo luogo scelto per il piano B: "addio agli stronzi") in ben 6 stabilimenti, piu' di fiat in italia, per capire. Con gli indotti il PIL privato di intere regioni italiane. Stabilimenti che producono anche cose impossibili in italia, come la fascia alta di SMEG. Il Latino evidentemente non e' utile se devi costruire un frigo.

Torniamo a candy.

In un proseguo della politica aziendale, fare il massimo con il minimo e conquistare altri mercati con il solito, la politica aziendale prosegue senza variazioni acquisendo marchi a ripetizione: Hoover, Vyatka, Otsein, Iberna, Jinling, Rosières, Süsler, Gasfire e Baumatic.
Insomma, passano i decenni e non cambia nulla.
Chi e' cosi' stupido da investire in uno stato che si intraversa?
Se vi sembra di vedere la storia di fiat in versione snella, o benetton, o migliaia di altre, non sbagliate.

Dopotutto che senso ha investire in Italia quando i ritorni dell'investimento non solo sono piccoli perché massacrati dalle tasse, ma anche difficoltosi perché trovare un operaio che non sia una scimmia, per di più irascibile e' difficile?

Si fa fatica, si guadagna poco, perché la produzione per persona e' bassa. Ancora nel 2017 e' fra le piu' basse della UE. Non sappiamo fare.
La produzione per persona e' bassa perché la cultura è inesistente,
si guadagna niente perché quel poco che c'è viene mangiato dallo Stato carnivoro che deve dare soldi a qualcun altro per renderlo ricco.
Appare ovvio per una Candy che investire sul mercato finanziario in aziende favorite dallo stato e diversificare pesantemente, persino creando dal nulla enormi villaggi turistici (es punta Aldia) diviene molto attrattivo per chi e' al comando. Se il settore metalmeccanico viene castrato, lo Stato italiano è molto favorevole ai muratori: possono impiegare la forza lavoro completamente non specializzata (e senza cultura), almeno fino ad oggi.

Ricapitolando: 
l'azienda è stata spinta a cercare di ottenere il più basso prezzo di produzione per poter riuscire a rimanere su di un mercato distorto, ha estratto soldi destinati alla ricerca aziendale per essere investiti in mercati meno punitivi.

Nel frattempo che Candy rimaneva una piccola realta' di qualita' incerta, in Europa le realtà si stavano consolidando, in primis zanussi ( Castor, Zoppas, REX, Stice, triplex) che seguiva una strategia meno estrema, sebbene poi bevuta da electrolux che era in cerca di affermazione globale. In pratica in electrolux erano gia europei, con qualita' europea, ma senza soldi, nel 1984. Poi divenne electrolux.

E' ovvio che in tale mercato una realta' “piccola” e di qualita' incerta anche se ha messo il wi-fi al frigo o il display alla lavatrice (il consumatore chiede...) non funziona, se non hai i miliardi al mese di pubblicita' per dire che il tuo frigo e' 4k, facendo dimenticare che fa pena.

Appare ovvio che arrivati nel 2017 Candy non e' certo un player che puo' competere ad armi pari con i grossi, o i migliori grandi come zanussi,  pero' non e' neppure un player che gioca nell'alta qualita' come Miele. 

In piu' arrivano marchi mai sentiti da altri settori pieni di megapixel e 4k: i cinokoreani.
Questi sono molto forti nel marketing e sono, di conseguenza, molto profittevoli: il consumatore e' disposto a pagare il display a colori sulla lavatrice come un'intera candy. Se poi guardiamo le caratteristiche CK, come il motore ortonico e il lavaggio con il vento della terra dei chi, non e' facile competere con desideri cosi' profondi appena scoperti. FDai la figura di essere la copia se non li scopri prima.

Colpo di grazia i cinesoni puri.
Questi sanno entrando di forza in EU. Pero' i marchi che possiedono sono abbastanza vergini, quando va bene sono nati negli anni 90, ma raramente hanno venduto in occidente se non di recente. Una cosa e' vendere in un mercato chiuso, altro e' vendere seguendo le pazzie del consumatore che PREFERISCE vedere piu' spot nel film in tv che avere una lavatrice migliore a pari prezzo.
Serve una testa di ponte che sia gia' conosciuta, si spendono molti meno quattrini.

Ecco che arriva haier, una marca cinese che ha gia conquistato il terzo mondo come india e pakistan, fa una marcia di avvicinamento con la turchia e poi l'italia.... 
Ma serve qualcosa di piu'.
Trovare un marchio conosciuto, di quelli che si sentono da bambini, che costi niente.

nel 2018 Haier si compra candy. 475 milioni di euro piu' debiti 650.
Un tozzo di pane. 
Per haier i soldi del monopoli, li spenderebbe il marketing in un lustro solo in EU per competere ad armi con altri cinokorea. Qui ha anche il bonus pack della catena distributiva, dei, pochi, brevetti e la conoscenza territoriale.

D'altronde Candy, come tutte le italiane (ricordate i post sulla fiat che ha solo 2 auto?) sono realta' che sono grandi solo come mano d'opera (ricordate la produttività per persona italiana scesa ancora rispetto alla DE?) con 4000 addetti piu' indotto. Ma quegli addetti, queste aziende, sono contenitori vuoti senza tecnologia alcuna. Sono solo un parco di buoi senza futuro che sanno solo tirare il bullone.
E' la testa di ponte per perdere almeno altri 40.000 posti di lavoro in italia.

Certo, ora e' tardi. Col senno di poi ci riempiamo le fosse.
Ma forse, non eravamo tutti idioti quando urlavamo dell'iceberg al capitano che continuava a tuonare tasse, tasse,tasse,tasse,tasse,tasse,tasse,tasse,tasse. 
Non ero stupido quando dicevo, gia' negli anni 90, che le scuole erano da cambiare. 
Non ero evidentemente stolto quando dicevo che continuare a  rendere ricco il sud semplicemente scaricando soldi dall'aereo in testa ai residenti non era una buona strategia per far crescere una nazione.

E di iceberg se ne possono evitare molti ancora, pur essendo sempre piu' difficile, ma l'Italia continua ad andare verso le masse bianche come una falena felice.

Sara' un caso che lo spread greco e' cosi' simile al nostro e ci apprestiamo a imitarne l'iva e passarla, cosa che causera' lo stesso con lo spread?

posso dire una frase a tutti i governi degli ultimi 30 anni, con una sottolinetura particolare per quello attuale?
"che vi venga una dissenteria fulminante che vi faccia soffrire per anni sul water" 



martedì, aprile 23, 2019

risposte?

Innanzi tutto voglio ringraziare per tutti i commenti che avete lasciato sul post precedente.
Non ho voluto rispondere fra quelli perche mi ha preso un'emozione, mi sembravano bellissimi da lasciare intonsi dalla mia presenza claudicante.

Si, certo, avete anche criticato, fin troppo dolcemente a mio giudizio, ma traspare in maniera chiara e distinta che, sebbene non siate centinaia (migliaia, milioni, miliardi, eccetera), avete seguito con passione i miei parti notturni.

Questo lo trovo molto confortante.
Molto, molto, piu' del previsto.
Mi avete stupito.
Vi ringrazio.
Lacrimuccia.

Cerco di fare una risposta unica, onnicomprensiva.

Una lunga sbrodolata, una carbonara all'americana (si, quella con la besciamella) per citarvi. Purtroppo e' il caos che ho in testa.

Partiamo dal motivo per cui ho aperto sto rottame di blog.
La genesi spiega molte delle cose che avete sottolineato.
Ho sempre scritto.
In passato scrivevo su carta 2 cose:
Dei manualetti per i clienti, una sorta di raccolta di schemi e frasi golden bullet per risolvere quei problemi che incontravano i clienti.
Ad esempio come connettere un VTR.
Stampato ad aghi.
Hai un problema, anziche scrivere (altrimenti il cliente quando arriva a casa si e' gia dimenticato) prendi il libretto, lo apri nel posto giusto e lo picchi in mano del disperato.

Uno sfogo, un libro di 500 pagine, sui bizzarri personaggi che affollano un negozio.
Vi assicuro che la fantascienza e' generalmente senza fantasia rispetto alla realta'.
Dagli spogliarelli, alla sceneggiata napoletana, alla richiesta del fon a batterie “come quello che ha la mia amica ed e' pure bello potente”. Nel 1990 esistevano fon a batterie brandeggiabili con piu' energia a bordo di uno scooter elettrico da 300Kg... stando ad alcuni

Il libro e' stato scritto come sfogo per non dover colpire parte della clientela con mazze da baseball sui denti. Un capitolo e' stato pubblicato anche qui.
Purtroppo negli anni il pubblico si trasformo': da clientela con alcuni problemi, diciamo il 5%, a “siamo tutti pazzi”.
Quando ti dicono in faccia piu' volte al giorno che non capisci nulla perche XXX e' il miglior coso perche' e' dotato di TRCsdkee, capisci che i negozi hanno i giorni contati, non servono piu'.
All'epoca mi davano del pazzo, come quando alla fine degli 80 andavo avanti a ripetere che i prodotti cinesi sarebbero diventati il 90%: avevo visto una radio con cassetta di medda ma perfettamente assemblata, in maniera migliore di quelle italiane: esteticamente perfetta.
Se questo e' il primo prodotto della cina continentale che arriva, mi dicevo, siamo fregati. Il secondo era anche meglio. 1+1=2
Il tracollo e' stato molto piu' rapido di come ho previsto.

Spostatomi nell'alta moda sono arrivato a conoscere stilisti che non sapevano cos'e' la seta, confusa con la iuta, o non sapere cosa sia un raso. La richiesta di un top manager (500KE di stipendione, mica un babau qualsiasi) di un raso opaco urlandomi al telefono per aver osato accennare che i rasi sono lucidi, come il codice richiesto di un raso di seta, e' una vetta difficile da dimenticare.
(il raso e' un movimento (il modo in cui “intrecciare”) a telaio per creare tessuti che siano lisci e, di conseguenza, lucenti. Esistono rasi di seta, cotone, viscosa, misti eccetera). Il latino colpisce ancora.

In pratica il blog e' nato un po' per condividere cio' che ho imparato, ma anche come sfogo, cercando di stare sull'utile per gli altri.

Il fatto di parlare di argomenti apparentemente lontani e' dato da questa visione del veder tutto collegato, connesso.


Il 90% dei nuovi clienti dei computer sono cinesi, indonesiani, thailandesi, congolesi... che non hanno mai visto dell'elettronica fino a 10 anni fa.
Devono poterli usare.
Non e' che i telefoni oggi facciano pena perche' fanno pena e stop, come le auto del 1910.
Tecnicamente sono incredibili, ma devono essere profondamente limitati perche' altrimenti non incontrerebbero i gusti del pubblico.
Win 8.10 e' peggiore di win 7 perche deve seguire chi e' ignorante.
E' giusto dover tutti sottostare alle limitazioni di un iphone?
A mio giudizio no.

Vedere un indonesiano con un cellulare e', vi assicuro, uno spettacolo che vi spiega molto del perche' quel bidone di google maps e' invece eccellente e DEVE essere preinstallato.
Magari un giorno vi racconto.
Non e' fatto per chi nel 1985 aveva la tv, i primi pc eccetera, e' fatto per chi ha scoperto l'elettronica ieri.
L'uomo appena nato tecnologicamente e' l'obbiettivo di apple, microsoft o android.
Se parliamo di un cellulare non dovremmo tralasciare l'uso che ne fa una persona immensamente ignorante che certamente vuole tanti “cosi” mai avuti prima, obiettivi, pixel, icone animate...
la condizione umana e' assolutamente importante se si parla di un telefono.
O no?


Alla stessa maniera non considero diverso il know-how informatico da quello chimico, fisico, etologico, storico, elettronico o musicale, perche poi, tutti i saperi sono piu' o meno connessi agli altri.
Del resto Pascal insegna.
La storia puo' essere letta come la storia della tecnologia o dell'energia piu' che come quella immorale sequenza di inutili nozioni fatte di piccole sanguinose battaglie o di nomi di uomini come se i singoli fossero il fulcro di qualcosa. (esagero, ma poi non troppo)

Cosi' capite perche', per chi se lo e' chiesto nei commenti, il blog non sembra avere una linea di confine. Tranne qualche rant, tratta di tutto cio' che e' immediatamente connesso.
Per me e' ben netta la linea.
E' solo inconsueta: tutto cio' che dovrebbe essere la cultura base di un uomo medio del 1990.

Allarovescia perche' questa roba non dovrebbe stare su di un blog di un singolo pixla qualsiasi scrivente con il Cu, ma sui giornali a tiratura nazionale.
Invece questi ultimi erano pieni di inutili e devianti fake news, vero repubblica?, da qui il nome ALLAROVESCIA scelto nel 2005.
Il pixla che narra cose contrastanti rispetto al giornale fakkaro in uno scambio di ruoli, uno specchio che restituisce un immagine rovesciata della realta'. Una realta fatta di riveste specializzate che manco hanno letto il manuale istruzione del prodotto dove sconsiglia l'uso che viene proposto dal redattore accalorato dal fanboysmo da etichetta cool. (true story)

Parlare di come e' realizzato un ampli (come quello citato nei commenti) o un TV (necessariamente sottolineante le richieste del pubblico), salvo voler dare degli imbecilli ai progettisti, non e' fatto cosi' per caso o per errore.
I progettisti sbagliano di rado.
Solo che sono ormai solo l'ultima ruota del carro.

Un tecnico e' quello che ha portato la morte la grandiosa Telefunken: ha semplicemente fatto buoni prodotti, un errore colossale.
Per lo stesso motivo, sono le due facce della stessa medaglia, e' ovvio perche faccio 5 post sulla PEC, alcuni sulla fattura elettronica e 2 sullo spid.
Tutti gli italiani dovrebbero sapere cosa sono.
La diminuzione dell'efficienza e aumento di licenziamenti a raffica sono molto piu' importanti del fatto di vedere male la tv. Parliamo di miliardi persi tutti gli anni.
Sono connessi a tutta la cultura di cui sopra, il minimo necessario all'uomo comune.

Un passaggio verso YT con un taglio da podcast il montaggio e' easy rispetto ai video delle tall o altri che feci (provengo dall'epoca del montaggio lineare).
Le luci per chi sa usare una reflex sono una passeggiata.
Anzi al limite ho notato che un po' di sgarruppo pare sia molto gradito. Sembra quasi che la perfezione sia un problema.
E si i contenuti devono essere liofilizzati: non posso dire perche', ma solo cosa.Limite enorme.


Son altresi d'accordo che e' uno spreco di banda da paura da far urlare le anime degli Z80 e 6502 defunti usare YT per fare podcast. Per non parlare dei KWh che ci vanno appresso, poi si parla di inquinamento, maddai.

Sono altresi' d'accordo che un articolo lo leggi in 5 minuti e ti ha dato quello che un video ti da in 40.
Quando mi tocca vedere qualcosa che ho bisogno di info disponibili solo su YT comincio a saltellare sulla barra, ma ovviamente YT non ha previsto lo zampettatore seriale e va pure in bomba. Infatti se e' necessario lo scarico e lo vedo con VLC che ha la migliore velocita' regolabile mai vista.

Mi preoccupa di piu' la microfonia, non sono dotato di un levalier, provero' a costruire un direzionale con un vecchio dinamico degli anni 60,mi preoccupano le stazionarie e i rumori.
Mi preoccupa che quando parlo sono un camminatore, anche senza rendermene conto.

Ovviamente dovro' dare un taglio moooooooolto piu' limitato, sia in profondita' che nel genere. Insomma basta con i grillini e l'economia, per intenderci.
Soprattutto non sono simpatico, bello o affascinante.
Neppure cazzone.
Sono piuttosto banale con una voce piatta.

Insomma, ci sono tante parti negative, incognite ecc.

Allora perche' aprire l'ennesimo canale con tutte queste difficolta' evidenti che avete ben sottolineato?

Ci sono diversi motivi.

Da quando ho chiuso il negozio, circa il 2008, non posso sventrare impunemente gli oggetti.
Provate ad immaginare quante domande ho, molte risolvibili con un cacciavite, per esempio sugli ampli recenti.
Per fare questi test occorre presentarsi con un pacco di visualizzazioni per aver accesso ai brand, sperando poi che non si incaxxino. E soldi per poter andare a trattare perdendoci tempo e avere strumentazione che non ho piu'.
Con un po di rame lutezio, si possono raggiungere.

Il blog, che se contiamo sulle pure visualizzazioni andiamo a impattare piu' di molti YT che se la tirano, ma sono numeri da nulla, oggi.

Per chi e' curioso questo e' il traffico dal 2006
Utenti 224.774
Visualizzazioni di pagina 590.889

e piu importante
Durata sessione media00:01:52
Pagine/sessione 1,53

Pero' se vado da panasonic a chiedere la DVX200 da provare (mi pare un gran pezzo di ferraglia entry level) sicuramente mi ridono in faccia.
Qualche anno fa avevo una reputazione da essere invitato diverse volte in sede per spalpeggiamenti privati.
Altri mi mandavano prodotti per darne una valutazione.

In pratica sarebbe come aprire un negozio in un centro commerciale.
Hai tanti lati negativi come l'affitto, la gestione degli orari e molto altro.
Sai gia' che sara' un negozio non specializzato, destinato al ceto mediobasso, se non di censo culturale.
Pero' avrai una marea di clienti che transitano davanti.
Non potrai aprire un ristorante vero (almeno in italia) ma con la pizza e il cibo surgelato puoi avere molti clienti. Milioni. (poi arriva dimaio che apre bocca, mentre ti firmavano l'assegno, e la tua catena di surgelati scaldati improvvisamente non vale piu' nulla. Non e' una battuta, e' un triste fatto.)

Probabilmente continuero' a pubblicare qualcosa anche sul blog, visto il calore che avete manifestato, ma mi sembra che il blog, come detto molto bene anche dal Bressanini, e' di fatto morto.
Mi dispiace molto, non so se saro' in grado di fare qualcosa di buono, ma il fax e' stato sostituito dalla email. Il libro e' sparito (in italia non e' mai stato molto presente) e i giornali di carta sono in agonia.
Persino repubblica, non certo esperti hitech, sta puntando forte sui video.

Quello che mi sembra chiaro e' che o riesci ad entrare un un giro (tv, radio o simili) che ti diano un push up e allora arrivi a dei bei numeri o ti impicchi.
Lo stesso attivissimo, che stimo moltissimo (tranne quando spegne il cervello sulle elettriche) e merita tutto il successo che ha, il suo blog arriva a fare numeri perché e' in radio, in tv e in passato dai giornali.
Di fatto nel suo piccolo, oltre ad essere quello che e', ovvero un eccellente divulgatore con ottima forma e contenuti, e' anche spinto da altri media.

Ci sono contenuti s YT decisamente mal prodotti e fakkari che fanno numeroni.
Per esempio non esiste nessuno in italia che provi un oggetto elettronico. Salvo che dica “tuttobbbello”

E i numeroni, salvo mi allunghiate cospicui assegni, come abbiamo visto servono per aprire un po di porte, di cui una e' quella che vi ho accennato, non sono inutili.

Poi certo, il rischio di fare anche piu' schifo che nel blog... esiste
:-)








lunedì, aprile 15, 2019

video e dubbi




In questi giorni sto testando un canale YT perche' intendo svecchiare questo bloggaccio.


Certo, ho circa 200 post lasciati a meta' da pubblicare ma alla fine, parliamoci chiaro, sono sempre le stesse balle:


spiegare all'idiota che pensa di vedere il 4K su di un 40” (un tecnico sa gia),
redimere quello che pensa di poter comperare un tv 4k a meno di 10.000E (un informato sa gia')
chetare il furbo che pensa che 500W di ampli siano pochi e necessita di 1650W andando da un
nessuno koreano con in mano 300E, pretendendo inoltre di avere nel prezzo anche le casse.
L'economia spiegata con “se spendi 1000E non li hai piu' in tasca”. Roba che dovrebbero spiegare alle elementari ma sconosciuta persino da chi ha la PI che non sa il funzionamento delle tasse.


Ci sarebbero anche temi piu' complessi appena iniziati con 2 o 3 post nella main directory, come ad esempio il vero e proprio progetto di una cassa acustica (40 post), oppure la scelta dell'autovettura (ben 60post!). 

Ma si tratta di un impegno oneroso perché dovrei essere piuttosto preciso e ci sono cose che non conosco, come cosa esiste oggi in commercio in altoparlanti sfusi. 

Tutta roba che e' giustificata solo se accompagnata da una diffusione importante. 
Se devo buttare 300 ore per qualcosa e poi la cosa viene letta da 400 tizi, di cui la meta' se ne vanno dopo qualche secondo perche' o sono BOT o gente infastidita, capiamo che non serve a nulla. 

Gia', Gli umani che leggono sono pochi e quelli interessati meno ancora.

Alla fine non so se il gioco del blog valga la candela. Sono un po' stufo.
Non dico che tutt'italia debba leggere le mie, pessimamente scritte, elucubrazioni, ma almeno essere utile a piu' di qualche decina di persone, visto che scrivo qui da 2006, si. Non pretendo i numeri di attivissimo o un personaggio TV, sono conscio di non essere mainstream e non simpatico, ma neppure di aver piu' BOT che umani.

Alla fine se faccio una pizzata potrei raccogliere piu' persone.
Se diamo un valore del livello “costo spazzino” del tempo impiegato, convertendolo in “pizza d'asporto” e distribuendola gratis, potrei certamente attirare in piazza molta piu' gente di quella che ha mai letto il blog.

Anche i commenti sembrano quelli di un luogo morto. 
Ogni tanto si accendono per post imprevisti, per post fatti su cose che trovo esaltanti come i Wintergatan (la macchina lignea dalle palle saltanti) pare che non siano interessanti. 
Forse il mio mood non incontra o forse sono un idiota a guardarmi tutta la costruzione della macchina e di come ha risolto molte menate o aver visto quel video almeno 10 volte. 

Non riesco a dare una direzione, forse dovrei scrivere piu' delle porte che si aprono verso l'esterno con la gente che non riesce ad aprirle (molti commenti) piuttosto che fare un post in cui ci metto un mese solo per recuperare numeri che non esistono sul solare (1 commento) di qualcosa che e' oggettivamente importante visto che ci butteranno 59 milioni di NOSTRI, VOSTRI soldi?


Il libro sui tv, scritto in anni, ha avuto 300 download.
Una miseria.

I casi sono 3:
Il taglio non interessa, e' bello comprare una tv 4k e vantarsi con l'amico di far uso di droghe.
Il media e' errato.
Il libro e' una medda atroce.


Certo, scrivo da cane rognoso, ma vedo di peggio su alcuni giornali nazionali (quelli che parlano di vermi alieni e scooter elettrici da 20$). 
Ogni tanto, quando li leggo e non capisco il senso del discorso, devo chiedere alla morosa, molto piu' attrezzata sull'italica lingua: 
“ma secondo te, questa frase del giornale xxx e' in italiano? Perche' non riesco a capire cosa voglia dire” 
Alla risposta negativa mi chiedo se gia' in seconda pagina l'attenzione del direttore e' andata in vacanza. 

Almeno “ho contento, ci ho arrivato uno” tanto deriso dal mainstream quando pronunciato dallo sportivo illetterato lo capisco, e' meno conciato di "giornale fakkaro" perché non cerca subordinate a raffica credendosi un Baricco.

Inoltre il libro contiene meno mincxiate di un paio da 60E redatti da proffi universitari indigeni che lessi. Per cio' non dovrebbe essere proprio cosi' pessimo. Magari mi sto illudendo?
Non pensavo certo di raggiungere milioni di lettori, ma neppure, tolti i BOT&c, circa 300.


Intanto provo come funziona YT, nei test carico 2 video che avevo in giro: ero parte dei senior,  il capitano in seconda del vascello che abbiamo portato in regata: uno shooner di 22m in acciaio da 80T.


Questi video sono stati ripresi durante la regata “the tall ship mediterranea 2007” organizzata da Sail Training International. 
Sono stati fatti per documentare per noi e per i ragazzi la manifestazione. 

La regata nasce, nel 1952, con l'intendo di creare una comunità transnazionale per unire i popoli che uscivano dalla guerra. In pratica un ambiente dove diverse culture potessero incontrarsi e formare cosi' l'EU.
Nel 2007, guarda caso,  Sail Training International è stata nominata per il Premio Nobel per la Pace per il suo lavoro nel promuovere la comprensione e l'amicizia internazionale.
Vi assicuro che e' cosi'.


Il video e' stato ripeso, montato, e sonorizzato in barca, in navigazione, durante la tallship.

E stato girato con una telecamera DV PAL panasonic consumer del 2005 3ccd, purtroppo YT non prevedendo la risoluzione europea, e con uno stream mooooolto lontano dai 25Mbps della videocassetta ha peggiorato la qualita' non di poco.
E' stato montato usando un PC portatile PII acer con la barca in navigazione con il mouse che se ne andava a spasso da se sul tavolo da carteggio. Vi lascio immaginare.
E' stato commentato con un microfono costruito artigianalmente partendo da una cuffia ad archetto che regalavano nelle stazioni di servizio per un pieno: sapete, in mezzo al mediterraneo potete trovare dei tonni, ma non rivenditori di materiale audio. e nelle cassette degli atrezzi si trova un tesoro.

Nonostante cio' e' stato trafugato dallo stato e da emittenti locali pugliesi che non hanno neppure detto “grazie”




Vorrei dei pareri
Voi cosa ne pensate, apro un canale?
A qualcuno e' utile il mio blog di serie b, devo continuare?
Meglio pensare a qualche altro media, come YT, ricominciando a raccontare sempre le stesse cose da capo in una maniera nuova?
Magari rischiando di aver la presenza scenica di un cotechino, dopotutto non e' una materia particolarmente divertente, non mangio schifezze e non apro scatole.
Meglio lasciar perdere e basta?
Sinceramente ho qualche piccolo dubbio (fate il gesto di spalare il carbone in una locomotiva).....


aye aye sir!














lunedì, aprile 08, 2019

il far west non e' il peggio



Tante volte ho sentito diche che internet era il far west e per questo era il male.
Tante volte ho sentito che aggiungere funzioni era sempre bello.

Peccato che oggi ci sono cose come win10 che devi cliccare come un mitragliatore per fare cose che  con OS piu' furbi o programmi migliori fai con 2 click

Fra leggi inutili, ottemperanze a normative e richieste di furti di dati sta diventando difficile persino leggersi il meteo e ci metti meno con il televideo nonostante non abbia un gazziglione di Mbps.

foto precise




Ormai, stando ai , pessimi, risultati delle webcam Apple (i competitors non sono certo meglio), la prossima generazione dei celli avra' questa precisione. Se guardata le pubblicita della apple non esiste un'immagine che non sia molto distante dalla realta'

Gia' ora e' impossibile fare una foto, nel breve sara' impossibile persino documentare un fatto.

Dopotutto se i consumatori chidono, i consumatori ottengono

lunedì, aprile 01, 2019

veggie


Non e' un segreto che la moda e' moda.
Fino a qualche anno fa se dicevi di mangiare jap la gente tirava indietro le manine e con fare stizzito squitteva un bel "che schifo"
Oggi si sciusciano tonnellate di sushi di qualita' non sempre eccelsa.  Jap=sushi nelle menti dei selfisti.

Ovviamente se gli dici che il pollo che ho preparato "tanto buono" e' un classico jap ti danno del pazzo.

Stesso con i vegani e vegetariani.
Ora, sono sicuro, che esistono tanti vegetariani che hanno fatto una scelta consapevole o di gusto SCEGLIENDO. 
Ma molto piu' brutalmente e' spesso una scelta non scelta. Sono degli idioti che devono trovare un loro posto nel mondo e hanno scelto fra sciachimisti, complottari dell'allunaggio e vegani.
Sono stati rifiutati dai gruppi gia' stabili e sono passati ai vegani.

Solo cosi' si possono giustificare i vegani che assaltavano il sole24 perche il conduttore brandiva simbolicamente a mo di randello un salamone o la tristezza di questa pubblicita'.

Un conto vegano mi spiegate che caxxo vuol dire?
Posso depositare i piselli o il rateo e' legato al valore degli asparagi?
Dai, non scherziamo: e' tristezza cosmica.