lunedì, settembre 17, 2007

videocamere: mi prendono per il ...

Dopo la campagna denigratoria nei confronti dei vecchi standard come la videocassetta VHS si prosegue nel cercare di uccidere uno degli standard più riusciti degli ultimi anni la videocassetta digitale DV.
Ancora una volta la parte del leone la fanno le riviste, con la novità che intervengono anche quelle on-line.

Vediamo cosa scrive Tom's Hardware:

"I moderni modelli a DVD, a disco rigido o a memory-card.......supporti sono nettamente migliorati e garantiscono una qualità video notevole grazie a dei nuovi algoritmi di encoding. Sulla maggior parte dei televisori sarà difficile notare la differenza col classico formato DV, che però ha l'handicap di essere un formato molto più pesante e meno facile da usare."

Le prime affermazioni già verranno smentite delle prossime in fatto di qualità infatti dice:
"Il modello HD è una scelta che ripaga a lungo termine"

Insomma sembrerebbe che la definizione e l'indirizzamento sullo schermo siano la stessa cosa: forse è il caso di cominciare a parlare di qualità in righe, ovviamente movimento per fregare l'mpeg, altrimenti diremo che con la compressione gif è bastante avere tre KB per ottenere una schermata di 4000 per 5000 pixel. Ovviamente la schermata completamente nera, cosa succede poi con una normale immagine non ci interessa, no? tanto abbiamo 4000 per 5000 pixel!

Inoltre dice
"In un'epoca in cui il peggior monitor in commercio è HD-ready......."
facendo un po' di ironia sono perfettamente d'accordo: il peggior monitor riporta sicuramente quella scritta.


Cominciamo a smontare un po'di fantasie.


La soluzione DVD spesso non arriva, su immagini dinamiche a possedere che 1/5 ( il doppio di 1/10! ) di qualità con una dimensione superiore alla videocassetta DV. Se poi usiamo i dischetti piccoli... Lasciamo perdere! Inoltre ci sono altri problemi, la tanto sbandierata compatibilità con i lettori da tavolo spesso si ferma perché alcuni di questi non posso utilizzare i dischi multi sessione.

La novità della memory card, consentirebbe grandi cose: in un futuro forse.La cassetta DV viaggia a 25Mb/s quante SD ci vogliono? certo arrivano le hdSD ma chi lo spiega che su una card da 4GB viene fumanta in un quarto d'ora? insomma le memory card o ci propinano una qualità infima oppure sarà necessario viaggiare con una quarantina di card a seguito.

Gli hard disk sono molto più promettenti ma per eguagliare la praticità di un supporto removibile è necessario che non abbia limitazioni grossissime. Quest'estate ho bruciato per un piccolo reportage sei cassette, trovandomi in mezzo al mare non potevo certo scaricare un'eventuale hard disk da qualche parte. La dimensione minima per partire tranquillo e quindi 10 volte la dimensione del nastro (dieci ore a qualita' DV), almeno 200 gigabyte. Videocamere con questa dimensione non ne fanno, ecco quindi che chi sceglie una videocamera con un hard disk da una trentina di giga si ritroverà nella situazione di non saper cosa cancellare. Ovviamente fra poco, tre o quattro anni, saranno disponibili come hard disk da due pollici queste capacita'.

Risultato: La cassetta DV ha all'incirca il QUADRUPLO della qualita' della soluzione piu performante vista sopra.

E a queste fesserie si raggiungono delle altre:
"Panasonic SDR-H20: uno zoom superpotente"

Anziché denigrare la follia di aver uno zoom di ben 37X, purtroppo accompagnato come ordine di grandezza anche dagli altri, il titolo lo porta in palmo di mano. Sarebbe dificile dire che a questi prezzi e' meglio non superare i 4 forse 6X e che il grandangolo e' andato PER TUTTE a ramengo?
Ancora ci sarebbe da dire sull'ergonomia della Canon: il mirino è inutilizzabile poiché naturalmente inclinato verso l'alto. Praticamente impossibile fare inquadratura recente.

Se a questo aggiungessimo la follia dell'alta definizione ci renderemmo conto che tutte le stime dimensionali fatte fino a ora andrebbero almeno quadruplicate.


Come si vede l'unico sistema ad alta qualità, basso prezzo, buona praticità, basso peso e piccole dimensioni oggi disponibile è ancora la videocassetta di DV.

Il resto sono chiacchiere.

Alti chiaramineti nell'etichetta televisione

2 commenti:

Cinghialino ha detto...

bell'articolo, grazie!
molto ineressante!

Anonimo ha detto...

Condivido le tue conclusioni ma andrebbero fatte alcune precisazioni.

Per un utente che non fa mai montaggi i formati DV e quelli in mpeg2 o mpeg4 su HD, miniDVD o memorie si potrebbero equivalere. Io ho una DV e quando faccio il DVD con Nero (con settaggi standard) noto un abbassamento della qualita'. Magari giocando un po' sui parametri potrei ottenere qualcosa di meglio ma e' ovvio che un formato che per un minuto occupa oltre 200Mb non puo' essere che migliore.
Se invece vuoi fare un minimo di montaggio o anche un buon fermo immagine in qualsiasi fotogramma allora le cose cambiano. Nel DV ogni fotogramma e' indipendente dagli altri per cui si puo' tagliare dove si vuole. In mpeg2 e mpeg4 no, si puo' tagliare solo nei fotogrammi chiave a meno di ricomprimere daccapo. I programmi furbi ricomprimono solo le parti necessarie, gli altri ricomprimono tutto degradando un pochino la qualita'.

E' vero che e' piu' facile costruire zoom che puntano verso teleobiettivi che verso i grandangoli e le pubblicita' puntano su questo. Accade lo stesso in fotografia. Sono ottimi per la ripresa di animali o di donne a distanza, insomma per i guardoni!!!